Sindrome da stanchezza cronica (CFS / ME): che cos'è?

È una malattia di cui i medici non sanno ancora molto, ma che uccide le persone colpite dalla loro vita. Possibili cause, sintomi e approcci terapeutici

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

CFS / ME: In poche parole

  • Si ritiene che la CFS / ME sia una malattia multisistemica che colpisce il sistema nervoso e immunitario, nonché il metabolismo energetico, tra le altre cose
  • La CFS può causare una serie di reclami. Caratteristici sono il rapido esaurimento e l'inizio forte, spesso ritardato, dell'esaurimento dopo l'esercizio. Allo stesso tempo, questo può aggravare altri sintomi
  • Le cause non sono chiare. Le infezioni da determinati agenti patogeni in combinazione con altri fattori possono scatenare la sindrome
  • Non è stato ancora possibile fare una diagnosi chiara. Un medico esperto deve escludere altre cause e interpretare correttamente i sintomi
  • Attualmente non esiste una terapia mirata. È particolarmente importante non sovraccaricarsi. Altrimenti, i pazienti cercano di alleviare i sintomi. Molti prendono integratori alimentari

CFS / ME: che cos'è?

È una malattia che uccide improvvisamente le persone dalla vita. Che può essere simile o più restrittivo della sclerosi multipla, dei reumatismi o del cancro. Le cause non sono attualmente note, né esistono modi per rilevare la malattia utilizzando determinati marker. Non ci sono terapie che potrebbero essere utilizzate per trattare specificamente la malattia. I medici e le persone colpite cercano di alleviare i sintomi.

Anche il nome della malattia - Snydrom da fatica cronica o Encefalomielite mialgica, ME in breve - è controverso. Il termine CFS riduce la sofferenza alla stanchezza cronica e all'esaurimento, ma ci sono molti più sintomi. Le persone colpite preferiscono il termine ME. Tuttavia, ciò implica che si tratta di un'infiammazione del cervello e del midollo spinale, caratterizzata da dolore muscolare. Anche questo probabilmente non è all'altezza. Nel 2015, scienziati americani hanno suggerito di chiamare la malattia "Sindrome da intolleranza allo sforzo sistemico (SEID)", che significa qualcosa di simile: una sindrome che colpisce tutto il corpo e si verifica dopo l'esercizio. L'esaurimento a volte estremo che si verifica dopo uno sforzo fisico o mentale è attualmente uno dei sintomi chiave.

Nel frattempo, sempre più gruppi di ricerca e organizzazioni di pazienti in tutto il mondo sono alla ricerca di indizi. "Molti attualmente considerano la CFS una malattia multisistemica che colpisce il sistema immunitario, il sistema nervoso e il metabolismo energetico", afferma la professoressa Carmen Scheibenbogen, capo dell'ambulatorio di immunodeficienza della Charité Berlin. Il medico si occupa della malattia da molti anni.

Quante persone hanno ME non è chiaro. In Germania potrebbero esserci fino a 300.000 persone colpite, in tutto il mondo da 15 a 30 milioni. Innanzitutto, sono le donne che in genere si ammalano tra i 30 ei 40 anni. Ma la sindrome si verifica anche nei bambini e negli anziani. Il numero di casi non segnalati è presumibilmente molto alto perché molti medici non hanno familiarità con la malattia e non esistono metodi diagnostici adeguati. Forse ci sono anche vari disturbi nascosti dietro il termine CFS / ME.

Cause: cosa potrebbe innescare la CFS / ME? Cosa sta succedendo forse nel corpo?

Come con tante malattie, la sindrome da stanchezza cronica probabilmente non ha una sola causa. Piuttosto, una serie di fattori gioca un ruolo. "Molti pazienti riferiscono che la malattia è iniziata in loro dopo un'infezione", ha detto Scheibenbogen. Fino all'80% delle persone colpite associa la CFS a un'infezione. Viene spesso menzionato il virus Epstein-Barr, che può causare la febbre ghiandolare di Pfeiffer. Sono possibili anche altri virus dell'herpes, virus dell'influenza e del raffreddore, germi gastrointestinali, borrelia e clamidia.

Non è chiaro se tali agenti patogeni scatenino davvero la sindrome. Allo stesso modo, cosa potrebbero cambiare nel corpo. Alcuni ricercatori ipotizzano che i germi scatenino un'infezione cronicamente attiva o vengano riattivati ​​ripetutamente. Nel caso dei virus dell'herpes, che includono anche l'EBV, è noto che rimangono nell'organismo e possono riattivarsi di tanto in tanto. L'esempio più noto è probabilmente l'herpes labiale. "Un'infezione attiva può essere rilevata solo in poche persone colpite", afferma l'esperto.

Per ulteriori letture