Piaghe da decubito (piaghe da decubito)

Il decubito o le piaghe da decubito sono danni ai tessuti causati da una pressione prolungata su un'area della pelle. Le persone anziane costrette a letto sono particolarmente a rischio. Informazioni su diagnosi, sintomi e terapia

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Ulcere da pressione - in poche parole

Un'ulcera da decubito è un'ulcera cutanea causata da un danno da pressione sulla pelle sulla pelle. Questo danno da pressione è causato dalla pelle che giace su un punto troppo a lungo, il che porta a disturbi circolatori. Le persone costrette a letto o le persone che dipendono da sedie a rotelle sono particolarmente a rischio. Se ci sono altri fattori di rischio generali per una cattiva circolazione sanguigna, sei particolarmente a rischio di sviluppare ulcere da pressione.

Le piaghe da decubito possono crescere in misura considerevole, causare dolore e persino essere pericolose per la vita. I sintomi sono suddivisi in quattro gradi di gravità. L'arrossamento permanente della pelle è uno dei primi sintomi.

La terapia è spesso molto noiosa. La misura più importante è la riduzione della pressione attraverso frequenti cambi di posizione e misure di immagazzinamento. La cura delle ferite dipende dalle condizioni e dalla profondità della ferita e appartiene sempre a mani competenti. Vengono utilizzate procedure conservative (senza intervento chirurgico) o chirurgiche. Un'ulcera da pressione può essere evitata attraverso misure preventive (profilassi da decubito).

Cos'è un'ulcera da pressione?

Un'ulcera da pressione (ulcera da pressione) è causata da una pressione continua ea lungo termine su un'area della pelle, che si traduce in un danno locale alla pelle e / o al tessuto sottostante. Questi sono preferibilmente luoghi in cui sono presenti protuberanze ossee al di sotto. L'area della pelle non è più adeguatamente rifornita di sangue a causa del danno da pressione. Ciò causa danni alla pelle e ai tessuti. Le persone costrette a letto e le persone che siedono molto, ad esempio su una sedia a rotelle, ad esempio, sono a rischio. Le persone malate, indebolite o anziane sono particolarmente colpite, così come le persone che soffrono di paralisi, ad esempio dopo un ictus.

-> Ti prendi cura di un parente? Puoi trovare aiuto, suggerimenti e rapporti sull'esperienza sul focus online "Al tuo fianco" sul nostro portale per i partner Senioren-Ratgeber.de

Cause: come si manifesta un'ulcera da pressione?

Ad esempio, se ci sdraiamo sulla schiena a letto, c'è una pressione particolarmente alta su alcune aree della pelle, principalmente sulla parte posteriore della testa, sulla schiena, sulle spalle, sui gomiti e sui talloni. Si tratta di aree con porzioni ossee prominenti e scarsa copertura dei tessuti molli. In questi punti di pressione, i vasi sanguigni nella pelle vengono compressi un po 'dal nostro stesso peso corporeo, in modo che la circolazione sanguigna nella pelle si deteriora. A breve termine, non è affatto un problema. Non appena ci muoviamo, ad esempio giriamo dalla nostra parte, la pressione viene nuovamente distribuita in modo diverso. Le aree della pelle precedentemente stressate vengono ora alleviate dalla pressione e si riprendono. In generale, la pelle può quindi tollerare abbastanza bene la pressione esterna. Diventa problematico solo se viene schiacciato a lungo, ad esempio perché è costretto a letto. La pressione su un'area della pelle dura troppo a lungo e c'è una grave mancanza di apporto alla pelle. Anche il tessuto sottostante può morire entro poche ore.

Rischio di ulcere da pressione: è qui che le persone costrette a letto sono particolarmente doloranti

© W & B / Ulrike Möhle

Zone della pelle vulnerabili

Una piaga da decubito si verifica preferibilmente sulle aree della pelle che sono esposte a carichi di pressione particolarmente elevati quando si è sdraiati o seduti per lunghi periodi di tempo. Inoltre, le regioni in cui la pelle è vicina all'osso sono molto suscettibili alle piaghe da decubito. Qui la pelle viene premuta direttamente contro le ossa quando c'è pressione dall'esterno, cioè senza "smorzamento" da parte dei muscoli o del tessuto adiposo.

C'è anche un aumento del rischio di piaghe da decubito nelle pieghe della pelle. Nel peggiore dei casi, protesi mal adattate, calchi troppo stretti, rughe negli indumenti, cateteri, tubi di infusione o accesso venoso esercitano una pressione locale su alcune aree della pelle e quindi provocano piaghe da decubito. Anche le forze di taglio sono problematiche: se una persona bisognosa di cure scivola gradualmente lungo la sedia, ad esempio, strofina e strofina la pelle sulla schiena sul bracciolo. Questo promuove anche le ulcere da pressione.

Le aree suscettibili alle piaghe da decubito nelle persone allettate sono, ad esempio:

  • Tacchi
  • caviglia
  • ginocchio
  • Coccige, sacro
  • Ischio
  • Cresta iliaca
  • Processi spinosi della colonna vertebrale
  • spalla
  • Gomito
  • Dietro la testa

Fattori di rischio per un'ulcera da pressione

Il rischio di piaghe da decubito è aumentato da alcune influenze. Questi includono fattori che possono generalmente promuovere danni alla pelle:

  • Vecchiaia
  • Diabete mellito
  • Indebolito da altre malattie
  • Disturbi circolatori
  • Malnutrizione e disidratazione ("disidratazione" dovuta a insufficiente assunzione di liquidi)

Un altro fattore di rischio è una precedente ulcera da pressione nella storia medica. In questo caso, la regione della pelle colpita ha un rischio costantemente aumentato di nuove piaghe da decubito.

Sintomi: quali sintomi provoca un'ulcera da pressione?

I sintomi di un'ulcera da pressione dipendono dall'entità della malattia. Le ulcere da pressione sono suddivise in quattro gradi di gravità (vedere il riquadro separato: Classificazione). Si va da alterazioni cutanee più leggere e superficiali a gravi danni ai tessuti, anche sotto la pelle. Le ulcere pronunciate possono distruggere irreversibilmente muscoli, tendini o persino ossa. Se l'ulcera da pressione non viene riconosciuta in tempo, c'è il rischio di gravi complicazioni come gravi infezioni che coinvolgono l'osso, il midollo osseo o pericolose intossicazioni del sangue (sepsi). In casi molto rari, le ferite a lungo termine (croniche) possono sviluppare la cosiddetta ulcera di Marjolin (carcinoma a cellule squamose nelle ferite croniche). Questo è un cancro della pelle maligno. Possono essere necessari dai 10 ai 25 anni prima che un tumore canceroso appaia in una ferita cronica.

Sintomo dolore?

Le piaghe da decubito possono essere dolorose. Ma non è sempre così. A volte chi ne ha bisogno riceve forti analgesici per altri motivi o è meno cosciente a causa della malattia. Quindi, come badante, non puoi fare affidamento sul fatto che le persone colpite notino la loro pelle irritata.

Classificazione delle ulcere da pressione - secondo EPUAP (European Pressure Ulcer Advisory Panel)

  • Grado 1: arrossamento che non può essere respinto

Se è presente un'ulcera da pressione di primo grado, c'è un arrossamento permanente della pelle nella zona interessata, che permane anche quando la pressione è alleviata. Oltre all'arrossamento, si possono notare altri cambiamenti sulla pelle circostante nell'area della pelle interessata. Si possono notare cambiamenti nella struttura della pelle (più dura o più morbida), differenze di temperatura (più fredda o più calda) o una maggiore sensibilità al dolore. La superficie della pelle è ancora intatta in questa fase di piaghe da decubito.

  • Grado 2: perdita parziale della pelle

Nell'ulcera da pressione di secondo grado, parti della pelle sono già difettose. Si può vedere un'area aperta con un difetto cutaneo più profondo (ulcera, ulcera) con una base della ferita rossa o rosa o vesciche. Il danno è ancora limitato agli strati superficiali della pelle (epidermide e parti del derma).

  • Grado 3: perdita di tutti gli strati della pelle

In caso di ulcere da pressione di terzo grado, tutti gli strati della pelle vengono distrutti. Il tessuto adiposo sottocutaneo può essere visto a seconda della posizione. La ferita risultante è profonda.

  • Grado 4: completa perdita di tessuto

Nella sua forma più pronunciata, la perdita di tessuto si estende nelle strutture tissutali più profonde. Sono visibili muscoli, ossa e tendini. Potrebbe esserci una copertura o una crosta. Le ferite profonde possono diffondersi sui muscoli e sui tessuti adiacenti (fascia, tendini, capsule articolari) e provocare infiammazioni ossee (ostiti) o infiammazioni del midollo osseo (osteomielite).

Ulcere da pressione - gradi di gravità nelle immagini

© Mauritius Images / Photoresearchers

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

© Mauritius Images / Photoresearchers

Ulcera da pressione di grado 1:

C'è un arrossamento permanente della pelle. Non ci sono ancora difetti della pelle.

© Mauritius Images / Photoresearchers

Decubito di grado 2:

C'è un difetto nella pelle. Questo può apparire come un'ulcera o attraverso la formazione di vesciche.

© Mauritius Images / Photoresearchers

Decubito grado 3:

Qui il difetto si estende oltre gli strati della pelle. Il tessuto adiposo sottostante può essere visibile.

© Mauritius Images / Photoresearchers

Ulcera da pressione di grado 4:

Il difetto del tessuto si estende in profondità sullo strato cutaneo. Possono essere visibili muscoli, tendini e ossa.

Precedente

1 di 4

Il prossimo

Diagnosi: come viene diagnosticata un'ulcera da pressione?

  • Storia medica e esame clinico

La diagnosi precoce delle ulcere da pressione è importante per arrestare il danno tissutale e prevenire complicazioni come l'infezione. Oltre a un'anamnesi medica (conversazione per registrare la storia di una malattia), in cui si presta attenzione anche a possibili fattori di rischio come il diabete mellito, la pelle viene esaminata e valutata per arrossamenti o ferite visibili. Viene anche esaminata la presenza di segni di infezione come la febbre.

Un'ulcera da pressione può svilupparsi ovunque sul corpo. Tuttavia, alcune parti del corpo sono particolarmente soggette a piaghe da decubito nelle persone allettate. Questi dovrebbero essere attentamente esaminati dall'assistente su base regolare. Questi includono, ad esempio, i talloni, le spalle, la parte posteriore della testa, il coccige e l'osso sacro (vedere il capitolo Sintomi).

Inoltre devono essere esaminate anche le zone della pelle che sono esposte a particolari sollecitazioni da protesi, cateteri, tubi per infusione o calchi in gesso.

  • Esami chimico / batteriologici / istologici di laboratorio

Ulteriori esami possono essere utili dal secondo grado di gravità di un'ulcera da pressione e dai segni di infezione esistenti. Ciò include un campione di sangue e tamponi dalla ferita per identificare un germe, se necessario. Se un'area cutanea locale sembra sospetta di cancro (sospetta malignità), viene inviato un campione di tessuto per l'esame istologico.

  • Procedure di imaging

Di solito, l'ulcera da pressione è una diagnosi clinica ed è determinata dall'anamnesi e dall'esame. In rari casi, ad esempio per chiarire se c'è un'infiammazione dell'osso, vengono utilizzati altri test di imaging. A seconda della domanda, questi possono essere raggi X, esami MRI o TC o un esame ecografico (ecografia).

Suggerimento per gli assistenti familiari

Il test del dito: se si preme delicatamente e brevemente con il dito l'area arrossata, non diventa più bianca. L'arrossamento non può essere allontanato - un segno dell'inizio delle ulcere da pressione.

Terapia: come viene trattata un'ulcera da pressione?

Il trattamento di un'ulcera da pressione dipende dalla sua gravità; prima viene rilevata un'ulcera da pressione, maggiori sono le possibilità di guarigione. La terapia delle ulcere da decubito fino alla completa guarigione può essere molto noiosa e richiede molta pazienza.

Trattamento conservativo

Il trattamento senza intervento chirurgico (conservativo) è possibile per i gradi di gravità 1 e 2. Se la pelle è ancora intatta, è necessario alleviare la pressione fino a quando la pelle non è completamente guarita. Dalla seconda fase in poi, vengono utilizzate anche medicazioni per ferite.

  • Conservazione

Qui, lo scarico completo della pressione è la misura di trattamento più importante in primo piano. Per le persone costrette a letto, ciò viene fatto, tra le altre cose, attraverso un posizionamento mirato (vedere la sezione Prevenzione delle piaghe da decubito). Il posizionamento deve essere scelto individualmente, poiché anche le malattie concomitanti esistenti sono determinanti per la scelta. L'obiettivo è la completa guarigione e il recupero di una superficie cutanea chiusa. Se ciò non è possibile (soprattutto nel grado 2) o se la ferita peggiora, può essere necessaria la terapia chirurgica.

  • Medicazioni per ferite / medicazioni per ferite

Quando si cambiano le medicazioni, è necessario prestare attenzione per garantire che la ferita non venga nuovamente aperta (in modo atraumatico). Ci dovrebbe anche essere un periodo di tempo più lungo possibile (oltre 24 ore) tra i cambi di medicazione in modo che la ferita possa guarire. Se ciò non è possibile perché la ferita è troppo bagnata, può essere utile un cosiddetto trattamento a pressione negativa locale (vedi sotto). Anche il trattamento intorno alla ferita per proteggere la pelle è appropriato.

Esistono numerosi materiali diversi sul mercato per le medicazioni delle ferite. La scelta delle preparazioni deve essere effettuata individualmente a seconda delle condizioni della ferita.È importante dire che la terapia delle ulcere da pressione è una questione complessa e deve quindi essere accompagnata da personale appositamente formato (medici, infermieri speciali, consulti speciali). È vietato fare i propri esperimenti con bende e unguenti.

  • Irrigazione delle ferite

L'obiettivo è ridurre i germi. Alcune soluzioni (soluzioni saline fisiologiche o soluzioni di Ringer) possono essere utilizzate per il risciacquo puro della ferita. L'acqua del rubinetto deve essere utilizzata solo in alcuni casi (sistemi di filtraggio e sterilità garantita).

  • Pulizia delle ferite

A seconda della natura della ferita, a volte è utile pulire il fondo della ferita. Sono disponibili vari metodi per questo (autolitico, osmotico, biosurgico). L'autolitico ("auto-dissolvente") e l'osmotico ("relativo all'osmosi", qui vengono utilizzate determinate distribuzioni di particelle nel tessuto) sono medicazioni e gel speciali. Nella pulizia biosurgica della ferita, vengono inseriti nella ferita speciali vermi coltivati ​​privi di germi (sterili), che puliscono la base della ferita dalle cellule morte. Lo scopo di tutte le procedure è pulire la base della ferita e consentirle di guarire.

  • Terapia a pressione negativa locale (NPWT)

Per questo sono disponibili vari sistemi. Ciò che hanno tutti in comune è che la base della ferita viene prima pulita chirurgicamente in modo sterile. Quindi il sistema selezionato viene applicato alla ferita pulita, sigillata ermeticamente con un film e una pompa viene applicata alla medicazione in film che è stata creata, che crea una pressione negativa. La pressione negativa assicura che il liquido della ferita (secrezione della ferita) defluisca e ha lo scopo di promuovere la circolazione sanguigna e il processo di guarigione. La terapia a pressione negativa locale (terapia del vuoto) può essere utilizzata per ridurre le dimensioni delle ferite trattate in modo conservativo. Può anche essere utilizzato per preparare (migliorare il letto della ferita) per il trattamento chirurgico.

È essenziale prelevare i tamponi dalla ferita a intervalli regolari. Se ci sono indicazioni di un'infezione, è possibile avviare, ad esempio, una terapia antibiotica.

Trattamento operativo

Il trattamento chirurgico dell'ulcera da pressione avviene nel caso di ulcere da pressione più profonde, cioè con un'ulcera da pressione di grado 3 o 4. Se il paziente rifiuta l'operazione o parla altre cose come condizioni generali e malattie concomitanti contro una procedura chirurgica, terapia conservativa può essere utilizzato anche.

  • Condizionamento delle ferite

Il cosiddetto condizionamento della ferita riguarda il ripristino di un buon letto della ferita, sul fondo del quale può avvenire la guarigione (granulazione della ferita). Pertanto, la base della ferita deve essere prima pulita chirurgicamente rimuovendo chirurgicamente il tessuto morto (debridement). A volte sono necessarie diverse operazioni per questo. Inoltre, vengono utilizzati metodi di trattamento conservativo, come medicazioni speciali per ferite o terapia a pressione negativa.

  • Chiusura operativa della ferita

Una ferita completamente pulita può essere chiusa con un cosiddetto lembo. A tale scopo, i lembi cutanei intatti vengono spostati sulla ferita o reinseriti. Va detto che possono esserci complicazioni locali dopo la chiusura chirurgica. Ciò include la riapertura della cucitura, l'accumulo di liquido, lividi o la morte della pelle lussata (necrosi). È quindi essenziale alleviare completamente la pressione dopo l'operazione, altrimenti il ​​tessuto non può guarire correttamente.

Prevenzione: come si possono prevenire le ulcere da pressione?

Esistono varie misure per prevenire le ulcere da pressione (profilassi delle ulcere da pressione). Negli ospedali, nelle strutture di riabilitazione e nelle case di cura, i pazienti in pericolo dovrebbero essere motivati ​​a fare esercizio il più possibile e, se necessario, riposizionati o riposizionati regolarmente per evitare piaghe da decubito. Inoltre, la pelle, specialmente nelle aree a rischio, deve essere controllata attentamente per rilevare eventuali cambiamenti sospetti di ulcere da pressione (vedere il capitolo Sintomi). Una buona cura della pelle aiuta anche a prevenire le piaghe da decubito.

Prevenire le ulcere da pressione: consigli per i caregiver

Coloro che si prendono cura di se stessi a casa devono affrontare un grande compito. È importante valutare la situazione in modo realistico: posso davvero fidarmi di me stesso per prendermi cura di me stesso - possibilmente 24 ore su 24 -? Che supporto c'è, ad esempio attraverso i servizi di assistenza ambulatoriale? Cosa devo sapere per fornire la migliore assistenza possibile alla persona bisognosa di cure?

I corsi per infermieri su come fornire servizi infermieristici, ad esempio, offrono informazioni utili. Qui, gli assistenti possono acquisire importanti conoscenze di base e apprendere tecniche di conservazione collaudate. Molti partecipanti trovano anche un grande sollievo scambiare idee con altre persone interessate.

Fondamentale: movimento e conservazione coerente

I parenti dovrebbero sempre incoraggiare la persona bisognosa di cure ad esercitarsi il più possibile, per quanto possibile. Suggerimenti per ulteriori attività sono, ad esempio, visitare parenti o amici, leggere ad alta voce un giornale o guardare insieme vecchie foto. Il paziente può essere in grado di sedersi sul bordo del letto per mangiare invece di sdraiarsi. Se possibile, si consiglia di alternare più frequentemente la posizione sdraiata sul letto e quella seduta su una sedia ben imbottita. Si consiglia di adattare un adeguato cuscino di seduta (negozio specializzato ortopedico). Forse è anche possibile fare qualche passo con il paziente ogni tanto. Più cambi di posizione, meglio è.

Se la persona interessata non è più in grado di muoversi a sufficienza, il caregiver deve sostenerla: la misura più importante per contrastare un'ulcera da pressione è il riposizionamento coerente di persone allettate o il trasferimento di persone sedute su sedia a rotelle. Tali precauzioni hanno lo scopo di impedire che singole aree della pelle siano permanentemente esposte a una pressione eccessiva. La frequenza con cui lo spazio di archiviazione deve essere cambiato e lo spazio di archiviazione possibile varia da persona a persona. Il medico e gli infermieri professionisti possono valutarlo al meglio. Le tecniche di archiviazione e gli intervalli di tempo ottimali dovrebbero essere discussi con loro. Puoi vedere esempi di tecniche di riposizionamento più in basso in questa pagina.

I materassi a pressione alternata possono essere un possibile supporto: tali materassi antidecubito sono costituiti da più camere d'aria. Un sistema automatico riempie alternativamente queste camere di aria. La persona colpita giace su una delle camere d'aria, a volte sull'altra, il che riduce la pressione sulle singole aree della pelle. Tuttavia, tali materassi non sostituiscono in alcun modo il riposizionamento regolare. Anche speciali anelli di seduta o tappezzeria hanno senso come ausilio aggiuntivo.

Cura ottimale

Per prevenire lo sviluppo di ulcere da decubito, è anche importante prendersi cura della propria pelle. Il sudore, l'urina (nelle persone incontinenti) o le secrezioni della ferita possono eventualmente ammorbidire la pelle e quindi aumentare il rischio di piaghe da decubito. Ma la pelle molto secca è anche più sensibile e quindi forse più suscettibile. È meglio discutere di come si presenta la cura della pelle ottimale con il proprio medico o un infermiere. Meno è spesso di più. Di solito sono sufficienti una lozione detergente senza sapone e delicata sulla pelle e, per la pelle integra, un unguento idratante per la protezione della pelle senza sostanze irritanti per la pelle. La farmacia può anche aiutare con la selezione di prodotti per la cura adeguati. Quando si tratta di cura del corpo, è meglio non strofinare e strofinare troppo, questo potrebbe mettere a dura prova la pelle. Altrettanto importante: assicurarsi di utilizzare biancheria da letto morbida, traspirante e delicata sulla pelle (ad es. Di cotone) e tirare le lenzuola il più possibile senza pieghe.

Altri fattori di rischio per le ulcere da pressione includono la disidratazione, la malnutrizione e l'uso di alcuni farmaci come i sedativi. Al fine di prevenire le piaghe da decubito, è necessario prestare attenzione per garantire un adeguato apporto di liquidi e una dieta appropriata, ricca di vitamine ed equilibrata. Il medico può anche decidere se tutti i farmaci sono adattati in modo ottimale. Attenzione: non smaltire i farmaci da soli. Se c'è il diabete mellito (diabete), anche il livello di zucchero nel sangue è cruciale. I bassi livelli di zucchero nel sangue aumentano il rischio di danni alla pelle a lungo termine.

Gli operatori sanitari dovrebbero controllare quotidianamente la pelle del paziente per rilevare eventuali piaghe da decubito, specialmente nelle aree a rischio (vedere il capitolo cause). Ai primi possibili segni di piaghe da decubito, vale quanto segue: In nessun caso dovresti aspettare, ma chiedi subito consiglio al tuo medico o ad un infermiere professionista!

Esempi di archiviazione

Attenzione: i grafici servono solo come esempi. Quale stoccaggio è adatto in ogni singolo caso e a quali intervalli deve essere cambiato dovrebbe sempre essere discusso con un infermiere professionista o un medico! Questo perché le malattie che accompagnano sono interessanti anche quando si tratta di scegliere il giusto posizionamento.

Ecco come funziona lo storage a 30 gradi

© W & B / Ulrike Möhle

Archiviazione a 30 gradi

Girare delicatamente il paziente su un fianco. Far scorrere un cuscino piatto nella sua schiena lungo la colonna vertebrale. Posiziona un secondo cuscino sullo stesso lato tra le cosce. Dopo il tempo concordato, cambia lato.

Quindi il tallone viene riposto liberamente

© W & B / Ulrike Möhle

Tallone libero

Arrotola un asciugamano da entrambi i lati. Posiziona il piede al centro del rotolo di asciugamani. Il tallone non è acceso. Tuttavia, è necessario assicurarsi che nessun'altra regione del corpo sia sollecitata dalla misura di posizionamento.

Dott. Michael Ruggaber

© W & B / privato

Il nostro esperto di consulenza:

Dott. Michael Ruggaber, specialista in chirurgia plastica ed estetica e chirurgia della mano. Responsabile di queste aree presso il campus Bodensee - Friedrichshafen e Tettnang.

Swell:

  • Associazione delle società mediche scientifiche in Germania (AWMF), trattamento e prevenzione delle ulcere da pressione specifiche delle sezioni trasversali, a partire dal 07/2017. Online: https://www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/179-008l_S1_Querschnitt specific_Dekubitusverarbeitung_Dekubituspraevention_2017-08.pdf (consultato il 24 giugno 2019)

Nota importante:
Questo articolo contiene solo informazioni generali e non deve essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri esperti non possono rispondere a singole domande.

pelle