Cambia dottore: è così facile?

Cosa dovresti considerare quando cambi il tuo medico di famiglia, invii uno specialista e ottieni un secondo parere

Quando Werner Hofer si è trasferito da Amburgo a Berlino alcuni anni fa, dove vive sua figlia, ha dovuto inevitabilmente cercare un nuovo medico di famiglia e ha trovato rapidamente quello che stava cercando. Una comunità di pratica che include anche un internista, e tutto questo molto vicino al suo nuovo appartamento. Per il pensionato che soffre di insufficienza cardiaca e quindi non è più così bravo in piedi, due argomenti potenti.

Per molto tempo si sentì in buone mani lì. Ma poi il suo medico ha diagnosticato un'innocua infezione simil-influenzale, che si è trasformata in una grave polmonite. Werner Hofer non crede nemmeno che il dottore abbia davvero commesso un errore, ma ancora "ha perso la mia fiducia in lui", dice. Ecco perché Hofer vorrebbe ora passare a un altro medico di famiglia che i conoscenti hanno caldamente raccomandato. Ma è anche possibile? E se è così, cosa devi considerare?

Libera scelta del medico sancita dalla legge

Heike Morris, direttore legale dell'Independent Patient Advisory Service Germany (UPD), si confronta più spesso con queste domande. "I pazienti sono sempre più incerti se un cambiamento è semplice, soprattutto da quando le compagnie di assicurazione sanitaria legali hanno iniziato a offrire contratti di medico generico e cosiddetti programmi di gestione della malattia".

La situazione legale è inizialmente chiara, perché in Germania hai il diritto di scegliere liberamente un medico. Ciò significa che ogni paziente assicurato con l'assicurazione sanitaria obbligatoria può scegliere il medico di base che desidera vedere tra i medici di base residenti e che partecipano all'assicurazione sanitaria legale. E gli è permesso cambiare medico, "una ragione o una spiegazione non è necessaria", come sottolinea Heike Morris. Tuttavia, il medico dovrebbe essere cambiato solo entro un quarto se c'è un motivo importante.

Il diritto alla libera scelta del medico si applica anche a coloro che hanno un'assicurazione sanitaria privata. Morris consiglia a tutti i pazienti di esercitare questo diritto se necessario. "Perché il rapporto medico-paziente presuppone la fiducia. Se questa è permanentemente scossa, manca la pietra angolare per il trattamento".

È possibile cambiare nonostante un contratto con il medico di famiglia?

Se il paziente prende parte a un modello di medico di famiglia o medico di base (cosiddetta cura centrata sul medico di famiglia, la partecipazione è volontaria), il cambiamento si complica. Con questo concetto di assistenza, che le assicurazioni sanitarie legali devono avere nella loro offerta dal giugno 2009, un medico funge da primo punto di contatto e guida nella giungla del sistema sanitario.

Questo medico primario rimane liberamente selezionabile. "Per tutta la durata del contratto, questo medico dovrebbe essere sempre consultato per primo", spiega Morris.In cambio, le casse malati possono offrire alla persona assicurata prestazioni e premi speciali.

Prestare attenzione ai periodi di preavviso nel contratto

I termini variano a seconda della compagnia di assicurazione sanitaria, ma sono almeno un anno. Maggiori dettagli sono nel contratto. Così come i periodi di disdetta, che - se si vuole uscire dal programma - vanno rispettati, altrimenti il ​​termine viene automaticamente prorogato. I partecipanti non sono autorizzati a cambiare semplicemente il medico di base durante il periodo del contratto. O solo se c'è un motivo importante. Ciò include, ad esempio, il trasferimento dello studio medico o della persona assicurata stessa.

Ma cosa succede se il paziente semplicemente non si sente in buone mani e trattato dal medico prescelto? In questo caso, Heike Morris consiglia da un lato di contattare la propria compagnia di assicurazione sanitaria. La compagnia di assicurazione sanitaria può aiutare a trovare soluzioni. Tuttavia, la condizione per un cambiamento è che il nuovo medico abbia anche un contratto con la compagnia di assicurazione sanitaria del paziente.

D'altro canto, possono essere d'aiuto anche i dipendenti dell'Independent Patient Counseling Germany, che consigliano coloro che cercano consulenza gratuitamente e per conto della legge. Ad esempio, è possibile revocare la dichiarazione di partecipazione per iscritto, "se, ad esempio, il tuo istinto non è più corretto entro le prime due settimane", spiega l'esperto.

Inoltre, il paziente ha ancora diritto alla risoluzione straordinaria, ad esempio in caso di differenze inconciliabili.

Diritto di cedere la cartella del paziente

Al fine di evitare possibili complicazioni, il Servizio di consulenza indipendente per il paziente consiglia di portare con sé tutti i documenti sulle malattie precedenti e sugli esami precedenti quando si cambia medico di famiglia. I pazienti hanno il diritto di avere una copia della loro cartella clinica. Il secondo modo è chiedere al nuovo medico di famiglia di richiedere i documenti al vecchio studio.

Il principio di libertà si applica anche alla scelta di uno specialista. Ciò è già evidente dal fatto che il paziente non è indirizzato a una persona specifica, ma piuttosto a un medico di una specifica disciplina specialistica. Le persone senza un contratto di medico di famiglia possono rivolgersi a uno specialista senza un rinvio. Se prendi parte a un programma di assistenza, puoi rivolgerti direttamente solo ai rappresentanti di determinate discipline, come il ginecologo, l'oftalmologo o il pediatra.

Diritto a una seconda opinione: Sì, prima di determinate operazioni

È molto simile se il paziente vuole ottenere una seconda opinione. In particolare, prima di qualsiasi operazione in corso, molte persone vogliono mettersi in sicurezza attraverso la valutazione di un secondo specialista. L'esperto spiega: "Dalla metà del 2015, i pazienti con assicurazione sanitaria obbligatoria hanno diritto legale a un secondo parere prima di alcune operazioni prevedibili e sensibili alla quantità, come le operazioni alle tonsille o l'isterectomia".

Il legislatore ha riconosciuto che esiste il rischio che la decisione sull'operazione possa essere guidata anche dagli interessi economici dell'ospedale. Il foglio informativo per i pazienti del comitato federale misto fornisce ulteriori informazioni: https://www.g-ba.de/downloads/17-98-4765/2019-10-28_G-BA_Patientenmerkblatt_Zweitmeinungsverfahren_bf.pdf.

Un medico con l'approvazione per una seconda opinione può essere trovato su https://www.116117.de/de/zweitmeinung.php.