La differenza tra batteri e virus

Batteri e virus possono farti ammalare: non hanno molto di più in comune. Spieghiamo la differenza tra i patogeni dalla taglia al controllo con i farmaci

A differenza dei virus (a destra), i batteri (a sinistra) possono moltiplicarsi. Un virus ha bisogno di un host per riprodursi

© Thinkstock / iStockphoto, Ingram Publishing

Li conosciamo tutti dalla vita di tutti i giorni: batteri e virus. Sappiamo che sono invisibili all'occhio umano, si verificano quasi ovunque e possono farci ammalare. Sono disponibili in un'ampia varietà di forme, e molte di esse esistevano in un'epoca in cui non c'erano esseri viventi più grandi sulla terra. Ma qual è la differenza tra un virus e un batterio?

La dimensione: i batteri sono molto più grandi dei virus

Il modo più semplice per distinguere batteri e virus è dalla loro dimensione. "I batteri sono fino a cento volte più grandi dei virus", spiega il dott. med. Clemens Fahrig, medico capo e direttore medico della clinica di medicina interna presso l'ospedale evangelico Hubertus di Berlino. La maggior parte dei batteri ha un diametro compreso tra 0,6 e 1,0 micrometri (µm). Possono ancora essere visti con un normale microscopio ottico. I virus molto più piccoli, d'altra parte, possono essere visti solo al microscopio elettronico.

Il progetto: i virus sono strutturati in modo più semplice

"La differenza principale è il progetto", afferma Fahrig. Anche virus e batteri differiscono nella loro "anatomia". "I batteri, ad esempio, hanno una vera parete cellulare e una struttura interna", spiega lo specialista in medicina interna. All'interno del muro si trovano il citoplasma, i ribosomi e il materiale genetico del batterio.

Il citoplasma è la struttura di base della cellula e in essa avvengono i processi metabolici. I ribosomi aiutano con la sintesi proteica e con la riproduzione del batterio. Inoltre, molti batteri portano uno o più flagelli, che vengono utilizzati per la locomozione. Alcune specie hanno i cosiddetti pili, che aiutano ad attaccarsi ad altri batteri, superfici o cellule.

I virus sono strutturati più semplicemente. Sono costituiti principalmente dal loro materiale genetico, che è racchiuso in un guscio di proteine, il capside. Alcuni virus hanno anche un involucro virale costituito da un doppio strato lipidico.

Moltiplicazione: i virus hanno bisogno di un host

Le cellule batteriche, come le cellule umane, di solito si moltiplicano attraverso la divisione cellulare. Prima che una cellula batterica possa dividersi, copia il suo materiale genetico. Quindi il batterio si restringe nel mezzo. Una cellula madre diventa due cellule figlie, che a loro volta possono dividersi.

I virus non possono moltiplicarsi da soli. Poiché non hanno citoplasma né ribosomi, non possono né copiare il loro materiale genetico né produrre il proprio guscio. I virus quindi attaccano le cellule estranee, le cosiddette cellule ospiti, nelle quali introducono di nascosto le proprie informazioni genetiche. L'informazione genetica del virus "programma" il materiale genetico della cellula ospite in modo che produca molti più virus. I nuovi virus lasciano la cellula ospite per esocitosi, che è quella che viene chiamata scarica dalla cellula, per gemmazione o per lisi. Durante il germogliamento, i virus vengono pizzicati con parti della cellula; durante la lisi, la membrana della cellula ospite si dissolve.

I batteri sono esseri viventi, i virus no

Anche lo stile di vita e quindi il metabolismo dei batteri sono molto diversi. Ci sono batteri che hanno bisogno di ossigeno per il loro metabolismo e alcuni per i quali l'ossigeno è veleno. Alcuni batteri hanno bisogno della luce per esistere, altri di certe sostanze chimiche, come lo zolfo.

I virus non hanno un proprio metabolismo. Pertanto, a differenza dei batteri, non sono annoverati tra gli esseri viventi, al massimo tra le forme borderline.

Caratteristiche


batterio virus
Dimensione: 0,1-700 micron
20-300 nanometri

Planimetria:

esseri unicellulari

proprio metabolismo e

propria cella

non un essere vivente

senza metabolismo e

senza cell


Propagazione: Divisione cellulare Cellula ospite

Composizione di batteri e virus

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

Struttura di un batterio

Un batterio è un essere vivente unicellulare. Oltre al loro corredo genetico (DNA), tutti i batteri hanno un citoplasma, una membrana citoplasmatica e ribosomi. Ciò consente ai batteri di far funzionare il proprio metabolismo.

Alcuni batteri hanno anche una membrana della parete cellulare, flagelli per la locomozione o pili per l'attaccamento alle superfici.

Crea un virus

Nel nostro caso, il virus ha un involucro proteico (capside) e un involucro virale (doppio strato lipidico). Questo non è il caso di tutti i virus.

I virus con un involucro virale sono generalmente sensibili ai solventi per il grasso, compreso il sapone. Pertanto il lavaggio delle mani aiuta.

Precedente

1 di 2

Il prossimo

Come i batteri e i virus ti fanno ammalare

Batteri e virus ci fanno ammalare in modi diversi. I virus possono, ad esempio, distruggere le cellule del nostro corpo durante il loro processo di riproduzione. Oppure le cellule di difesa del corpo eliminano la cellula infettata dal virus. Ad esempio, i batteri possono causare malattie attraverso i loro prodotti metabolici. Alcuni di questi sono tossici per l'uomo.

Trattamento diverso: gli antibiotici aiutano solo con i batteri

"Gli antibiotici influenzano e attaccano le strutture dei batteri, come la parete cellulare, e possono portare alla morte dei batteri", afferma Fahrig. Poiché la parete cellulare dei batteri ha una struttura diversa dalla membrana cellulare delle cellule del corpo, gli antibiotici attaccano solo i batteri e non le cellule del corpo. Alcuni antibiotici non uccidono affatto i batteri, ma solo impediscono loro di moltiplicarsi. "Tuttavia, i batteri sono cellule indipendenti che possono adattarsi ad altre condizioni ambientali. Pertanto, i batteri possono anche sviluppare resistenza agli antibiotici", osserva Fahrig.

Poiché i virus non hanno un proprio metabolismo o parete cellulare, gli antibiotici sono impotenti. Tuttavia, esistono anche agenti che impediscono la moltiplicazione dei virus. Nel caso di molte infezioni virali come il raffreddore, il trattamento è limitato alla terapia che non combatte il virus stesso, ma allevia i sintomi della malattia. Le difese del corpo devono quindi occuparsi del resto da sole.

Gli antivirali inibiscono la moltiplicazione dei virus

Gli antivirali sono farmaci che utilizzano diversi meccanismi per inibire la riproduzione di alcuni virus. Sono usati per alcune malattie virali. "È possibile impedire che il virus si diffonda nel corpo", afferma lo specialista in medicina interna. Il farmaco spesso attacca non solo i virus, ma anche le cellule del corpo. Inoltre, non sono disponibili farmaci efficaci per tutte le malattie causate dai virus.

Gli antivirali hanno diversi punti di attacco nelle fasi di moltiplicazione di un virus. Alcuni farmaci impediscono al virus di attraccare o entrare nella cellula ospite. Altri, d'altra parte, interrompono la produzione e la composizione del materiale genetico o dell'involucro.

Le vaccinazioni possono proteggere da alcuni batteri e virus

Una vaccinazione prepara il sistema immunitario a difendersi dagli agenti patogeni. Esistono vaccini contro alcune malattie batteriche e virali. Un vaccino contiene agenti patogeni indeboliti o solo parti innocue dell'agente patogeno. Il sistema immunitario riconosce le strutture estranee e forma anticorpi contro di loro. Se lo stesso tipo di agente patogeno entra nel corpo dopo la vaccinazione, l'intruso può di solito essere reso innocuo rapidamente. "Questo è stato possibile per decenni con molte malattie virali come la poliomielite", spiega Fahrig. "Nel caso dell'HIV o dell'epatite C, tuttavia, questo non ha ancora avuto successo a causa delle proprietà complicate dei virus".

Inoltre, alcuni virus cambiano molto rapidamente il loro aspetto esteriore. Ciò rende difficile lo sviluppo del vaccino. Ecco perché, ad esempio, ogni anno deve essere sviluppato un nuovo vaccino per il patogeno dell'influenza.

infezione