Sindrome fibromialgica: che cos'è?

Dolore cronico in più parti del corpo, disturbi del sonno, esaurimento: tali sintomi possono indicare fibromialgia. Cosa dovresti sapere al riguardo

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Fibromialgia - spiegata brevemente

  • La sindrome della fibromialgia è una sindrome da dolore cronico.
  • Il dolore persistente si manifesta in varie parti del corpo, accompagnato da altri sintomi come esaurimento e disturbi del sonno.
  • Spesso è necessario molto tempo per ottenere la diagnosi corretta perché attualmente non esistono metodi specifici di rilevamento, come un esame del sangue.
  • La terapia dipende dalla gravità della malattia e si compone di vari componenti.

Cos'è la sindrome della fibromialgia?

La sindrome fibromialgica, o FMS in breve, è una sindrome da dolore cronico che può ridurre significativamente la qualità della vita. È caratterizzato da dolore esteso e persistente in varie parti del corpo, spesso al petto, alla schiena, alle braccia e alle gambe. Oltre al dolore, ci sono altri disturbi, inclusi problemi di sonno e stanchezza.

Fibromialgia come la parola descrive "dolore muscolare delle fibre". I medici parlano di una sindrome perché esiste un tipico complesso di vari sintomi che non può essere spiegato da un trigger specifico.

Gli scienziati non sono d'accordo su cosa lo causa e cosa promuove la sindrome. Non è una malattia mentale, non è reumatismi dei tessuti molli o qualsiasi altra malattia reumatica infiammatoria. Per quanto ne sappiamo, non ci sono disturbi sottostanti nei muscoli o nelle articolazioni. La FMS è spesso associata a una depressione o a un disturbo d'ansia, che probabilmente si sviluppa a seguito di molti anni di sofferenza e di odissee mediche. Anche altre malattie si verificano più frequentemente in relazione alla FMS.

Significativamente più donne sviluppano la FMS rispetto agli uomini, per lo più di età compresa tra i 30 ei 50 anni. In Germania, circa il 2-3% della popolazione ne è colpita. La sindrome fibromialgica può verificarsi anche nei bambini e negli adolescenti.

Quali sono le cause che potrebbero scatenare la sindrome fibromialgica?

La linea guida medica tedesca classifica la fibromialgia come una "sindrome somatica funzionale". Ciò significa: esiste un tipico complesso di sintomi fisici (sindrome) che dura per un certo periodo di tempo e non può essere spiegato da una causa fisica (verificabile) (somatica).

Non è chiaro quale meccanismo di malattia potrebbe essere alla base di questo. Ci sono attualmente diverse spiegazioni:

Elaborazione del dolore disturbata nel sistema nervoso centrale

Il dolore acuto si verifica quando, ad esempio, tocchiamo la stufa calda o cadiamo durante l'esercizio. Quindi le fibre nervose della regione interessata, ad esempio la mano o il ginocchio, inviano segnali elettrici attraverso il midollo spinale al sistema nervoso centrale (SNC). Lì i segnali vengono elaborati e il dolore viene percepito. Tutto questo accade molto rapidamente e scompare di nuovo. Il dolore cronico si verifica, tra le altre cose, quando le fibre nervose dalla periferia inviano costantemente segnali al sistema nervoso centrale. "Ricorda" gli stimoli, è sensibilizzato e nel tempo reagisce sempre prima agli stimoli in arrivo. Si verifica una cosiddetta sensibilizzazione centrale.

Alcuni ricercatori suggeriscono che questo potrebbe accadere anche con la sindrome della fibromialgia. Segnali di dolore persistenti potrebbero portare il sistema nervoso centrale a diventare iperattivo e, tra le altre cose, a non elaborare il dolore normalmente. Potrebbe reagire con un maggiore senso di dolore. Ad esempio, le persone colpite percepiscono le influenze esterne come dolorose che normalmente non dovrebbero ferire, come un massaggio. I medici chiamano questa allodinia.

Numerose sostanze messaggere sono coinvolte nell'elaborazione del dolore. Questi cosiddetti neurotrasmettitori includono, ad esempio, serotonina, glutammato e dopamina. In sottogruppi di pazienti con fibromialgia, le concentrazioni di queste sostanze messaggere possono essere modificate, come indicano alcuni studi.

Come nasce il dolore?

© W & B / Michelle Günther

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

© W & B / Michelle Günther

Se prendiamo in mano il coperchio della pentola calda, la prima cosa che notiamo sono le cellule sensoriali speciali che si distribuiscono nella pelle e negli organi. Le terminazioni nervose sensoriali sono anche chiamate nocicettori. In una frazione di secondo reagiscono al caldo, al freddo o alla pressione e inviano queste informazioni come segnali elettrici attraverso le fibre nervose sensoriali nel midollo spinale.

© W & B / Michelle Günther

Le fibre nervose sensoriali conducono il segnale "caldo" al midollo spinale. C'è un punto di commutazione qui che decide se e quale riflesso deve essere attivato. Il segnale sensoriale viene trasferito a un nervo motore, che è quindi responsabile della reazione. Ecco perché tiriamo via le dita dalla pentola alla velocità della luce, senza pensarci troppo. Affinché il riflesso si attivi e possiamo tirare via la mano dalla pentola calda, l'impulso non deve essere trasmesso al cervello. Ciò garantisce che possiamo reagire rapidamente al dolore.

© W & B / Michelle Günther

Solo poco dopo che il riflesso è stato attivato, il messaggio "dolore" viene trasmesso al cervello attraverso il midollo spinale. Allora diventiamo consapevoli del dolore.

Precedente

1 di 3

Il prossimo

Malfunzionamento del sistema nervoso autonomo

Il sistema nervoso autonomo (funzioni involontarie) è una parte del nostro intero sistema nervoso, l'altra è il sistema nervoso somatico (funzioni arbitrarie, cioè controllabili). Entrambi fanno parte a loro volta del sistema nervoso centrale e periferico. Il sistema nervoso centrale è costituito dal cervello e dal midollo spinale, il sistema nervoso periferico attraversa i vari organi e regioni del corpo. Il sistema nervoso autonomo è costituito dal simpatico ("fuga o attacco") e dal parasimpatico ("riposo e digestione"). Alcuni studi suggeriscono che sottogruppi di pazienti con sindrome fibromialgica potrebbero anche essere causati da un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo (disautonomia). In alcuni pazienti il ​​sistema nervoso simpatico è troppo attivo, in altri pazienti il ​​sistema nervoso parasimpatico. Poiché il sistema nervoso autonomo controlla numerose funzioni corporee, ciò potrebbe spiegare i sintomi spesso diversi delle persone colpite.

Disturbi nell'area del sistema nervoso periferico

Il sistema nervoso periferico comprende fibre nervose grandi e piccole che attraversano il corpo e trasmettono segnali al sistema nervoso centrale. Studi recenti suggeriscono che un disturbo nell'area delle piccole fibre nervose, in particolare le cosiddette piccole fibre, potrebbe anche contribuire al dolore FMS in alcuni di coloro che ne sono affetti. Le piccole fibre finiscono nella pelle, dove sono responsabili, tra le altre cose, della percezione del dolore, della sensazione di temperatura, del prurito e della percezione del tatto piacevole. Un articolo di revisione ha mostrato che una media del 49% dei pazienti FMS esaminati presentava anomalie nell'area delle piccole fibre. Tuttavia, non è ancora chiaro come queste fibre nervose siano danneggiate nel paziente e come questo danno possa eventualmente contribuire al dolore.

Poiché il sistema nervoso, il sistema immunitario, il sistema endocrino e la psiche sono strettamente collegati e influenzano numerose funzioni del corpo, la sindrome fibromialgica ha una varietà di effetti.

Quali fattori possono favorire un FMS?

  • Predisposizione genetica: alcune persone con FMS probabilmente abbattono troppo rapidamente la sostanza messaggera del cervello, la serotonina. Questo potrebbe aiutare a percepire il dolore come tale prima e interferire con l'elaborazione del dolore.
  • Se alcune infezioni promuovono la FMS è controverso, ma viene ripetutamente citato dai pazienti come potenziale fattore scatenante.
  • La mancanza di vitamina D è spesso discussa come fattore influenzante. Tuttavia, moltissime persone hanno bassi livelli di vitamina D, quindi questo fattore è molto aspecifico.
  • Un eccesso di stress psicologico e / o fisico percepito negativamente è un fattore di rischio comune per la sindrome fibromialgica.
  • Le persone con determinati tratti caratteriali e comportamenti sembrano sviluppare la fibromialgia più spesso, motivo per cui alcuni medici vedono i fattori psicologici come fattori scatenanti. In genere colpisce le persone che, tra le altre cose, sono molto coscienziose, aiutano gli altri, sono autocritiche e sopprimono le emozioni.
  • Fumo, obesità, mancanza di esercizio
  • Trauma emotivo o fisico, come un abuso sessuale o un incidente

A causa dei possibili fattori di influenza, alcuni scienziati cercano di spiegare la sindrome fibromialgica con il cosiddetto modello biopsicosociale: alcuni fattori fisici e psicologici innescano la malattia con una predisposizione corrispondente. Tuttavia, questo non significa che sia una malattia mentale, ma solo che diverse circostanze sfavorevoli si uniscono e sconvolgono il corpo.

Nota importante:
Questo articolo contiene solo informazioni generali e non deve essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri esperti non possono rispondere a singole domande.

1 | 2 | 3 | infastidire dolore