Domande e risposte sulla stitichezza

Può avere molte cause. Cosa possono fare i pazienti nei casi acuti e anche preventivamente

© Getty Images / Suki Photography / Sandra Grimm

Perché non posso andare in bagno?

Stress, mancanza di esercizio e disidratazione, una dieta povera di fibre: ci sono molte ragioni per un intestino pigro. Alcuni cibi, tra cui cioccolato, mirtilli, vino rosso e tè nero, hanno un effetto costipante.

Possibili cause sono anche i farmaci, in particolare gli antidolorifici oppiacei forti, alcuni farmaci antipertensivi e alcuni antidepressivi. Le malattie metaboliche e nervose possono favorire la stitichezza, come l'ipotiroidismo scarsamente controllato, il morbo di Parkinson, nonché la demenza e la depressione.

Devo davvero "doverlo" ogni giorno?

Due volte al giorno o due volte a settimana: la frequenza con cui una persona ha un movimento intestinale varia da persona a persona. L'aspettativa che avvenga ogni giorno crea pressioni inutili. La stitichezza cronica è presente solo se meno di due movimenti intestinali a settimana sono la norma per almeno tre mesi, così come sintomi come una sensazione di pienezza e dolore durante la pressione.

Buono a sapersi: non esiste l'auto-avvelenamento dovuto a movimenti intestinali rari.
La norma della quantità di feci è spesso sovrastimata: in media, le persone espellono solo da 100 a 200 grammi al giorno.

Non voglio prendere lassativi. È possibile senza di essa?

Un'adeguata idratazione, una dieta ricca di fibre e un regolare esercizio fisico sono essenziali per una sana digestione. Ma con la stitichezza persistente, cambiare il tuo stile di vita spesso non è sufficiente.

Quindi le fibre alimentari come i semi di lino, le bucce di psillio o la crusca di frumento, che vengono consumate con molta acqua, aiutano. Si gonfiano nell'intestino, aumentano il volume delle feci e sono adatti per l'ingestione a lungo termine. Per evitare gas e crampi, la dose deve essere aumentata lentamente.

Se questo non ha successo entro due settimane, si possono provare i cosiddetti lassativi osmoticamente efficaci come il lattulosio e il macrogol. Legano il fluido nell'intestino e ne rendono il contenuto più morbido e voluminoso. Il bisacodile e il picosolfato di sodio stimolano anche i muscoli del colon. Chi soffre di stitichezza dovrebbe chiedere consiglio individuale alla farmacia.

Non devo andare subito dal dottore, vero?

La stitichezza non è cosa da poco. I limiti dell'automedicazione vengono raggiunti al più tardi quando si verificano ulteriori sintomi. Se hai un dolore simile a un crampo, una sensazione di pressione, febbre, nausea e sangue nelle feci, non dovresti esitare a consultare un medico. Le persone anziane, in particolare, dovrebbero sempre consultare un medico come precauzione se le loro abitudini intestinali cambiano.

Per la stitichezza cronica che persiste da più di tre mesi, i farmacisti sconsigliano l'automedicazione: se i lassativi da banco non funzionano a sufficienza o sono necessari in modo permanente, i pazienti devono consultare un medico. Questo vale anche quando si alternano costipazione e diarrea.

Da quando sono più grande, ho avuto più problemi. Perché?

Si stima che fino al 40% delle persone di età superiore ai 60 anni soffra di stitichezza cronica: le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite rispetto agli uomini e il problema aumenta con l'età. Possibili ragioni: le persone anziane ingeriscono farmaci più spesso o soffrono di malattie che favoriscono la stitichezza.

Con il passare degli anni anche i muscoli intestinali si indeboliscono, così che il chimo viene trasportato più lentamente. Inoltre, gli anziani spesso bevono troppo poco e non fanno abbastanza esercizio.

I lassativi creano davvero dipendenza?

I lassativi non hanno effetti psicologici che incoraggerebbero un uso improprio. Nonostante ciò, vengono maltrattati, soprattutto da giovani donne con disturbi alimentari, a dosi spesso troppo elevate per dimagrire. Il minor peso ottenuto in questo modo non è sostenibile, ma si basa solo su forti perdite di acqua ed elettroliti.

Si consiglia cautela anche quando i pazienti assumono anche diuretici: questi aumentano il rischio di perdita di elettroliti, che può portare a complicazioni come aritmie cardiache.

Se usati come previsto, i lassativi da banco sono ben tollerati. Anche agenti rigonfianti come i semi delle pulci o la crusca di frumento sono adatti per l'uso a lungo termine.

Il farmacista può aiutarmi?

Con la stitichezza, la sofferenza è spesso alta, ma molti malati evitano di parlarne. "La farmacia offre la possibilità di una consulenza discreta e personale che tutti dovrebbero utilizzare", spiega Christian Schulz, farmacista specializzato per la farmacia generale di Bielefeld. È meglio che fare le proprie ricerche su Internet per falsa vergogna.

"Il farmacista aiuta nella scelta di un farmaco adatto e fornisce informazioni su come i pazienti possono riconoscere un sovradosaggio o un sottodosaggio da soli", afferma Schulz. Nel caso di feci molli o liquide, ad esempio, la dose di lassativo è probabilmente troppo alta.

Durante la consultazione, i farmacisti prestano attenzione anche a possibili segni di abuso di droghe. "Alcuni principi attivi non dovrebbero essere assunti per più di una o due settimane senza il consiglio del medico, poiché possono causare stitichezza se vengono assunti per lungo tempo", afferma Mathias Arnold, vicepresidente dell'Associazione federale delle associazioni dei farmacisti tedeschi . Man mano che il corpo si abitua a prenderlo regolarmente, aumenta la lentezza dell'intestino esistente.

Suggerimento: questa colazione fa uscire le viscere

250 grammi di yogurt naturale,
2 cucchiai di farina d'avena,
1/2 cucchiaio di semi di chia
Mescola 1/2 cucchiaio di semi di lino.

Aggiungi un po 'di frutta. Le mele, le pesche noci o le bacche sono buone.
Il modo migliore per farlo è bere tè o acqua non zuccherati.