G20: distribuire equamente i vaccini corona

Il virus corona ha colpito quasi tutti i paesi del mondo. Al vertice del G20, gli Stati più ricchi e potenti si sono impegnati a collaborare per combattere la pandemia

Conferenza digitale per un mondo più giusto: i paesi del G20 vogliono rendere più facile per i paesi più poveri l'accesso al vaccino corona

© ddp Images / Balkis Press / ABACA

Le principali potenze economiche vogliono lavorare insieme per garantire l'equa distribuzione di vaccini corona a prezzi accessibili in tutto il mondo. Nella dichiarazione finale del vertice del G20 di domenica, hanno anche deciso di fare tutto il possibile per far ripartire l'economia globale in grave difficoltà.

Equità del vaccino

Il tema principale della due giorni di video summit, guidato dall'Arabia Saudita, è stata la lotta contro la pandemia della corona, che ha già ucciso quasi 1,4 milioni di persone in tutto il mondo. Il virus si è diffuso in quasi tutti i paesi del mondo. Si prevede, tuttavia, che la distribuzione dei vaccini possa iniziare al più tardi entro la fine dell'anno.

Con la sua dichiarazione finale, il G20 ha contrastato i timori che i paesi poveri potessero essere gravemente svantaggiati. "Non risparmieremo alcuno sforzo per garantire un accesso equo ed economico a tutte le persone", afferma.

Il gruppo si è inoltre impegnato a fornire finanziamenti per l'iniziativa di distribuzione internazionale di vaccini (Covax). La Germania sta contribuendo con più di mezzo miliardo di euro, ha affermato il cancelliere Angela Merkel. Entro la fine del 2021, tuttavia, mancano ancora sei miliardi di dollari USA (5,1 miliardi di euro). La Merkel era pronta a fare di più, ma ha anche responsabilizzato altri Paesi: "La Germania ha fatto raramente qualcosa. Ma neanche la Germania da sola può mantenere l'alleanza internazionale".

Nella dichiarazione finale, la lotta alle pandemie è indicata come la chiave per la ripresa economica. I paesi poveri hanno la prospettiva di un ulteriore alleggerimento del debito. Nel prossimo anno si verificherà se la situazione economico-finanziaria richieda una proroga di sei mesi del differimento di rimborso concordato fino a giugno 2021.

Presidente del Consiglio dell'UE: trattato globale per combattere le future pandemie

Il presidente del Consiglio dell'UE Charles Michel ha proposto un trattato globale per combattere le future pandemie. La cooperazione internazionale deve essere fermamente concordata con il coinvolgimento di tutte le organizzazioni delle Nazioni Unite per poter reagire più rapidamente e in modo più coordinato. La Merkel ha sostenuto la proposta.

Prossimo vertice a fine ottobre

Il 1 ° dicembre l'Italia assumerà la presidenza del G20 dall'Arabia Saudita. Il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha annunciato il prossimo vertice per la fine di ottobre, poi forse di nuovo fisicamente.