Disagio e alterazioni genitali: possibili cause

In molti casi, i disturbi nell'area genitale sono causati da batteri, funghi o virus, alcuni dei quali possono essere trasmessi durante il sesso

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Prurito (prurito), dolore o gonfiore agli organi genitali, così come una sensazione di bruciore durante la minzione (alguria) e secrezione dalla vagina o secrezione dall'uretra, possono avere molte cause diverse. I sintomi sono spesso causati da batteri, virus o funghi, spesso trasmessi attraverso il contatto sessuale. Ma malattie della pelle, disturbi ormonali o cancro o loro precursori possono anche farsi sentire con disturbi nell'area genitale. Altre possibili cause sono malformazioni (ad esempio un'uretra fessurata), lesioni o irritazioni, ad esempio dovute ad un eccessivo attrito.

Un medico dovrebbe sempre chiarire i reclami nell'area genitale. Oltre al medico di famiglia, l'urologo, il ginecologo e il dermatologo sono contatti competenti per questo. Un trattamento tempestivo è particolarmente importante per le malattie sessualmente trasmissibili perché di solito sono contagiose e, senza una terapia adeguata, possono avere gravi effetti a lungo termine, come l'infertilità o il cancro. Per alcune malattie, ad esempio torsione testicolare o priapismo (erezione dolorosa permanente), è necessario un trattamento di emergenza.

La seguente panoramica offre solo una selezione delle cause più importanti dei disturbi genitali. Non è completo e non deve essere inteso come una guida all'autodiagnosi. Solo il medico può fare la diagnosi.

Chiedi a un dottore

Preoccupato per un problema intimo?
Su Intimarzt.de riceverai una valutazione professionale anonima, rapida ed economica (€ 24,95) del tuo problema intimo da uno specialista in malattie della pelle e veneree di Heidelberg. Grazie all'azione consigliata, sai anche cosa fare al riguardo.

Possibili cause di disturbi genitali in entrambi i sessi

Infezione da clamidia: le infezioni da clamidia sono tra le più comuni malattie a trasmissione sessuale. I patogeni sono principalmente batteri della Chlamydia trachomatis. In molti casi, specialmente nelle donne, l'infezione è priva di sintomi, in modo che le persone infette possano trasmettere inconsapevolmente l'agente patogeno al loro partner. Se ci sono effetti collaterali, soprattutto prurito, sensazione di bruciore durante la minzione e secrezione. Se un'infezione da clamidia non viene rilevata, può diffondersi ad altri organi (prostata, epididimo; cervice, rivestimento uterino) e renderli sterili.

Gonorrea (gonorrea): malattia prevalentemente a trasmissione sessuale causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae. I sintomi tipici negli uomini sono infiammazione dell'uretra (uretrite), dolore e sensazione di bruciore durante la minzione e secrezione purulenta dall'uretra. Nelle donne, l'infezione di solito passa inosservata all'inizio, a volte l'uretra o la cervice si infiammano. Tuttavia, i batteri in ascensione possono infettare gli organi genitali interni e causare infiammazione delle tube di Falloppio (salpingite), ovaie (ooforite) o rivestimento uterino (endometrite).

Sifilide (Lues, Lues venera): una malattia a trasmissione prevalentemente sessuale - causata dal batterio Treponema pallidum. Può essere efficacemente combattuto con la penicillina (o altri antibiotici). Nella fase iniziale, un'ulcera si forma tipicamente sul pene o sulla vagina, ma ciò non causa dolore; i nodi di linfa vicini si gonfiano. Se la sifilide non viene curata, può portare a gravi danni agli organi dopo anni; nella fase finale, il sistema nervoso centrale viene attaccato e distrutto.

Herpes genitale (herpes genitalis): per la maggior parte causato da virus herpes simplex di tipo 2 (HSV 2), ma anche il tipo 1 (patogeno che causa l'herpes labiale) può essere la causa. L'herpes genitale è una delle malattie a trasmissione sessuale. I sintomi sono prurito e bruciore nella zona genitale (anche sull'ano e sui glutei), successivamente gruppi di vescicole che si riempiono di forma fluida nelle regioni colpite, dopo un po 'si seccano per formare croste e infine guariscono. I linfonodi inguinali possono essere gonfi. Tuttavia, poiché i virus rimangono nel corpo dopo la scomparsa dei sintomi, la malattia può ripresentarsi in qualsiasi momento.

Condilomi genitali (Condylomata acuminata): infezione dei genitali (possibilmente anche dell'ano) con il virus del papilloma umano (HPV). Anche qui la via di trasmissione è il contatto sessuale. La maggior parte delle infezioni da HPV sono prive di sintomi. Se si sviluppano verruche genitali, in cui le strutture verrucose si sviluppano dai noduli, ciò può accadere solo settimane dopo l'infezione, a volte anche mesi. Si trovano principalmente sull'asta del pene (uomini) e sulle labbra (donne).

Infezioni del tratto urinario: a causa della loro uretra più corta, attraverso la quale i patogeni (principalmente Escherichia coli) possono entrare più facilmente nel tratto urinario, le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite da infezioni del tratto urinario rispetto agli uomini. I sintomi nell'area genitale (dolore / sensazione di bruciore durante la minzione, prurito, secrezione) sono causati da un'infiammazione dell'uretra o della vescica.

Tricomoniasi: infiammazione della vagina e dell'uretra (donne) o solo dell'uretra (uomini) causata da parassiti (Trichomonas vaginalis). Nelle donne, il prurito si manifesta su una vagina spesso arrossata e gonfia. Inoltre, c'è una secrezione di odore schiumoso e sgradevole, spesso anche una sensazione di bruciore durante la minzione. Gli uomini di solito non si lamentano.

Eczema: malattie della pelle non contagiose possono apparire in diverse forme nell'area genitale, ad esempio come eczema pruriginoso, trasudante, vesciche o squamoso. Differiscono anche nella loro localizzazione (generalizzata o limitata a singole regioni) ed estensione (piccole macchie, grandi macchie, nettamente definite, sfocate).

Malattie fungine (micosi): le infezioni fungine nell'area genitale sono causate principalmente dal lievito Candida albicans. Le micosi da Candida degli organi genitali femminili colpiscono prevalentemente la vulva e la vagina. Sono accompagnati da prurito, sensazione di bruciore durante la minzione, gonfiore, arrossamento e secrezione. Negli uomini l'infezione si manifesta come balanite, un'infiammazione del glande con prurito e arrossamento. Possono verificarsi anche cambiamenti nella pelle (papule), depositi biancastri e gonfiore del prepuzio.

Lichen sclerosus et atropicus: la causa di questa malattia della pelle e delle mucose non è nota. Nella zona genitale provoca inizialmente bruciore e prurito, successivamente compaiono noduli pruriginosi e alterazioni cutanee biancastre che si induriscono nel tempo. Nelle donne sono tipicamente colpite le labbra, l'ingresso vaginale, il perineo e l'ano, negli uomini il glande e il prepuzio.

Cancro: nelle donne, il carcinoma vulvare dovrebbe essere menzionato qui (sintomi: prurito nella zona genitale, ulcere e noduli sulle labbra, secrezione, piaghe, possibilmente verruche genitali), negli uomini tumori ai testicoli e carcinoma del pene. Il cancro ai testicoli colpisce principalmente gli uomini più giovani (20-45 anni di età). Il sintomo principale, che è evidente relativamente presto alla palpazione, è solitamente il gonfiore unilaterale o l'indurimento dei testicoli. Il cancro del pene di solito si sviluppa lentamente. Gonfiore e cambiamenti infiammatori nel glande e nel prepuzio possono essere i primi segni visibili e evidenti. Successivamente, i linfonodi dell'inguine si ingrandiscono.

L'eritroplasia - innescata dal virus del papilloma umano (HPV) - è uno stadio precanceroso (precancerosi) dei genitali che si verifica negli uomini (pene, glande, prepuzio) e nelle donne (labbra); Anche la mucosa orale e la regione anale possono essere colpite. I sintomi sono grandi macchie rossastre nettamente delimitate che di solito non causano ulteriori sintomi. Il cancro della pelle può svilupparsi da eritroplasia non trattata.

Possibili cause di disturbi genitali nelle donne

Vaginosi batterica (Gardnerella vaginosi / colpite amminica / colpite aspecifica): possono insorgere quando viene disturbato l'equilibrio della flora vaginale protettiva, costituita principalmente da batteri lattici (lattobacilli). Altri batteri - spesso Gardnerella vaginalis e batteri anaerobici - diventano quindi sovrappeso, il che spesso porta a una secrezione bianca o giallastra e (non sempre) a un odore sgradevole e di pesce nella regione vaginale.

Disturbi ormonali: la cosa principale da menzionare qui è la mancanza di estrogeni che si verifica durante la menopausa, che provoca l'essiccazione delle mucose vaginali, che può portare a prurito.

Possibili cause di disturbi genitali negli uomini

Balanite: infiammazione del glande e / o del prepuzio (postite) del membro maschile, che può essere causata da batteri, virus, funghi o stimoli meccanici. A seconda della causa, sul glande si verificano diversi cambiamenti della pelle, solitamente accompagnati da prurito e dolore.

Infiammazione della prostata (prostatite): i batteri, che entrano principalmente nella prostata attraverso l'uretra, sono la causa della prostatite batterica acuta. Di solito è accompagnato da febbre alta, forte e frequente bisogno di urinare, minzione difficile e dolorosa (disuria, alguria), sensazione di bruciore nell'uretra e secrezione. Altri segni sono la voglia di defecare e il dolore durante la defecazione.

Infiammazione dei testicoli (orchite): può verificarsi come parte di altre infezioni quando agenti patogeni, principalmente virus, penetrano nel tessuto testicolare attraverso il sangue, il sistema linfatico o il tratto urinario. Possibili malattie "scatenanti" sono, ad esempio, la parotite, la varicella e la febbre ghiandolare di Pfeiffer. I sintomi includono testicoli gonfi e doloranti, arrossamento dello scroto, minzione frequente e febbre.

Infiammazione dell'epididimo (epididimite): infezione solitamente causata da batteri o virus, che nel corso spesso porta anche all'infiammazione dei testicoli. I segni tipici di infiammazione dell'epididimo sono gonfiore doloroso dei testicoli, arrossamento della pelle sullo scroto, febbre, brividi e dolore e sensazione di bruciore durante la minzione.

Cambiamenti e anomalie nel pene: la costrizione del prepuzio (fimosi, parafimosi), la fibromatosi del pene e il priapismo (erezione permanente) dovrebbero essere menzionati qui. In caso di fimosi, il prepuzio non può essere tirato indietro sul glande. Questo è ancora normale nell'infanzia e nella prima adolescenza e la fimosi patologica negli adulti deve essere trattata. Un'emergenza acuta qui è la parafimosi, in cui un prepuzio ritirato con forza interrompe l'afflusso di sangue al glande.

In caso di fibromatosi del pene (ossa del pene), il pene si indurisce a causa di una crescita eccessiva patologica del tessuto connettivo, che può portare a problemi durante i rapporti sessuali.

Anche il priapismo è un'emergenza che deve essere trattata immediatamente per evitare disfunzioni permanenti.

Cambiamenti e anomalie testicolari: nella torsione testicolare, un testicolo è attorcigliato, causando un dolore improvviso che si irradia all'inguine. Il testicolo colpito è rosso e gonfio. La torsione testicolare è un'emergenza medica perché il danno mette in pericolo la fertilità.

Il testicolo ritenuto nei neonati, in cui un testicolo non è ancora disceso nello scroto, richiede quasi sempre un trattamento per prevenire il cancro ai testicoli e problemi di fertilità.

Il gonfiore ai testicoli, che è associato al dolore, può anche essere dovuto a un'ernia della vena varicosa (varicocele) oa una rottura dell'acqua (idrocele). Se si aggiungono nausea, vomito e dolore addominale, può anche essere un'ernia inguinale pizzicata che deve essere operata immediatamente.

Nota importante: questo articolo contiene solo informazioni generali e non deve essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire la consulenza medica. Ti preghiamo di comprendere che non rispondiamo a singole domande.

infezione