Grigliate salutari: carne, pesce e verdure

Grigliare è divertente e un metodo di preparazione sano che non richiede grassi aggiuntivi. Quanta e quale carne è consigliabile e quali verdure alla griglia hanno un ottimo sapore

Grigliate salutari: questo include anche le verdure alla griglia

© Fotolia / Viktor

Se passi davanti ai giardini in un fine settimana soleggiato, puoi spesso sentire l'odore dell'arrosto da lontano: l'estate è tempo per grigliare. Bene, capisci, dice il dott. Matthias Riedl, membro del consiglio dell'Associazione federale dei nutrizionisti tedeschi. La carne è caduta in discredito negli ultimi anni. "È sano e fornisce proteine, minerali, oligoelementi e vitamine del gruppo B vitali". Va comunque gustato con moderazione, selezionato e preparato con cura.

Carne con moderazione - anche le verdure grigliate hanno un buon sapore

Quindi non dovresti pescare più di 150 grammi di carne - che corrisponde all'incirca al peso di una salsiccia spessa - dalla griglia, consiglia il capo di uno studio di medicina nutrizionale ad Amburgo. "Il corpo non può elaborare più proteine ​​contemporaneamente. Il resto viene immagazzinato come grasso". Per inciso, le proteine ​​animali possono essere utilizzate molto bene dopo lo sforzo fisico.

Poiché una dieta ricca di carne contiene anche sostanze come colesterolo, acidi grassi saturi e purine, che in eccesso possono avere effetti sfavorevoli, la Società tedesca per la nutrizione (DGE) raccomanda non più di 300-600 grammi di carne e insaccati a persona per persona. settimana per gli adulti da consumare - con due o quattro salsicce questa quantità sarebbe già stata raggiunta.

Meglio il petto di pollo che il collo di maiale

Che si tratti di maiale, manzo, agnello o pollame, il nutrizionista Antje Gahl del DGE consiglia soprattutto di mangiare pezzi magri. "Non deve essere sempre una bistecca o un filetto, ma non sempre neanche la salsiccia." Per fare un confronto: mentre un bratwurst naturale ha un contenuto di grassi di circa il 25 percento, il petto di pollo e la cotoletta sono solo il due percento, le costolette circa il cinque percento e la carne macinata l'undici percento. Si consigliano anche pesce solido come tonno, trota o salmone.

Il nutrizionista Riedl consiglia cautela con la carne rossa: "Chiunque mangi regolarmente grandi quantità di manzo o maiale aumenta il rischio personale di sviluppare il cancro al colon, a differenza del pollame o del pesce".

Niente di curato dalla ruggine: cancerogeno!

La salsiccia di carne, prosciutto, pancetta, salsicce, Kassler e salsicce viennesi, invece, sono prodotti a base di carne stagionata e non devono essere grigliati, spiega l'esperto Gahl. Il motivo: "A temperature superiori a 150 gradi Celsius, il sale di salatura reagisce con gli amminoacidi o le proteine ​​della carne per formare nitrosammine cancerogene".

Anche se il grasso della carne o della marinata gocciola sulla brace o sulla serpentina del grill elettrico, si formano sostanze cancerogene, i cosiddetti IPA o idrocarburi policiclici aromatici. Per evitare che ciò accada, Gahl consiglia di posizionare il cibo da grigliare in una teglia, se possibile. I vassoi per griglia in alluminio o foglio di alluminio sono metodi efficaci ed economici per evitare gli IPA, tuttavia l'alluminio può migrare nel cibo alla griglia. "In considerazione dei rischi, tuttavia, è giustificabile utilizzarlo quando si griglia la carne", afferma Gahl. In questo caso, però, è meglio aggiungere sale e condimento solo alla fine della cottura alla griglia. Inoltre carne, pesce e insaccati vanno lasciati sulla griglia solo per la cottura e non più per il riscaldamento, perché qui si producono anche sostanze nocive per la salute: "Bisogna anche tagliare sempre le zone nere".

Nel complesso, per la grigliatura vale quanto segue: più dolce, più sano. Matthias Riedl considera la versione americana del "barbecue" con calore medio e indiretto più salutare rispetto a una grigliata breve e tagliente su un fuoco aperto.

Suggerimento per un dessert: che ne dici di un po 'di frutta grigliata

Dopotutto, non deve essere sempre carne alla griglia, sottolinea il nutrizionista Gahl. "Verdure colorate come zucchine o fette di melanzane, pomodori cocktail con olio d'oliva ed erbe aromatiche, funghi, pannocchie, peperoni o patate forniscono anche colore e varietà". Con rametti freschi di rosmarino o timo si ottiene la tipica nota mediterranea. Anche ananas, mango o banana sono adatti per grigliare: direttamente sulla griglia o in una teglia, la banana è meglio con la buccia. Puoi creare un buon dessert in un attimo senza alcuno sforzo aggiuntivo.

nutrizione