Ben preparato per un consulto medico

I medici spesso hanno troppo poco tempo per i loro pazienti. In questo modo, puoi ancora scoprire cosa vuoi sapere e quindi migliorare le tue possibilità di recupero

Visitare il medico con una lista di controllo preparata: i pazienti possono facilitare il lavoro del medico

© Shutterstock / Hanna Kuprevich

I pazienti hanno problemi molto diversi, i medici hanno una cosa in particolare: non c'è tempo. E c'è poco incentivo finanziario per una lunga consultazione. La cosiddetta medicina parlante è remunerata a un livello basso. Le conversazioni nelle pratiche tedesche sono quindi più simili a un breve scambio di informazioni che a un dialogo sensibile. Molti pazienti poi si infastidiscono di non aver scoperto tutto quello che volevano sapere. Ma puoi fare qualcosa da solo per rendere più soddisfacente la tua visita dal medico. La cosa più importante: prepararsi bene.

"In questo modo, i pazienti danno un contributo significativo", afferma il dott. Johannes Schenkel, direttore medico dell'Independent Patient Advisory Service Germany (UPD). Consiglia
annotare in anticipo quali domande si desidera chiarire e portare con sé questo elenco in pratica. "Questo non aiuta nella situazione stressante che significa una visita dal medico
dimenticare."

Il supporto è benvenuto

I punti elenco per le risposte possono anche essere annotati sul foglietto di carta. Se si può prevedere che un consulto con il medico sarà più difficile, una persona di cui ti fidi può essere accompagnata per il supporto. "Non devi aver paura che i medici non lo desiderino. Di solito non è un problema", dice Schenkel. L'amico o il familiare potrebbe porre una domanda importante o ricordare i sintomi chiave.

Farmaco

Chiunque abbia ancora domande sui farmaci dopo una consultazione con un medico può chiarirle con un farmacista. Il farmacista è uno specialista nella modalità di azione, eventuali effetti collaterali e interazioni ed è felice di dare consigli su come prenderli. Chiunque abbia un piano farmacologico dovrebbe sempre presentarlo al farmacista. Controlla la combinazione dei vari principi attivi. Grazie a un codice a barre su di esso, il piano può essere letto, aggiornato e ristampato.

Se alcuni aspetti rimangono poco chiari, i pazienti non dovrebbero aver paura di chiedere ripetutamente. "Questo è un tuo diritto. Dopotutto, si tratta della tua salute", afferma il professor Dr. Marie-Luise Dierks, capo dell'università dei pazienti presso la Hannover Medical School. Per avere successo consiglia perseveranza, ma allo stesso tempo amichevole e diplomatica.

Non dimenticare i tuoi documenti importanti

Una buona preparazione per una visita dal medico include anche avere con sé i documenti essenziali. Ad esempio, risultati precedenti, valori già raccolti, immagini MRI, radiografiche e TC o certificato di vaccinazione. Il paziente dovrebbe anche conoscere le sue medicine. "Porta gli integratori che stai attualmente prendendo con te dal medico. Anche da banco e integratori alimentari", dice Dierks.

Questa informazione è importante per poter prestare attenzione a possibili interazioni con una nuova prescrizione. Chiunque abbia un piano farmacologico dovrebbe mostrarlo. Chi ha prescritto tre o più farmaci ha diritto a questo. Il medico che prescrive il terzo farmaco deve rilasciarlo, ma il documento è più chiaro e completo se viene mantenuto dalla farmacia principale.

Esprimere richieste e paure

Le informazioni provenienti dalla consultazione con il medico possono spesso essere assorbite ed elaborate meglio se il paziente si rassicura e descrive il contesto con le sue stesse parole. Può dire, ad esempio: "Ho capito bene che ..." o "Quindi questo significa per me ...". Nella tua descrizione, tuttavia, non per nominare i reclami in modo molto breve e sobrio per risparmiare tempo, ma piuttosto per affrontare le paure.

"Chiunque abbia paura che il proprio mal di testa provenga da un tumore al cervello dovrebbe anche dirlo", afferma Schenkel, esperto di UPD. Solo allora il medico può dissipare tali dubbi se necessario. A volte anche le condizioni di vita giocano un ruolo, ad esempio per la giusta terapia. Schenkel: "Nel caso di una madre single con cancro, la cura del bambino deve essere presa in considerazione nel concetto di terapia". Ad esempio, è possibile scegliere una struttura appropriata.

Esperti a pieno titolo

A volte una conversazione non è sufficiente. Dopo diagnosi incisive, molti pazienti non sono più in grado di discutere in dettaglio le opzioni di trattamento. "Non abbiate paura di chiedere un altro appuntamento", consiglia Schenkel. Se non sei sicuro che il trattamento proposto sia quello giusto, puoi anche consultare un altro medico. "Ma dovresti dire loro apertamente che si tratta di una seconda opinione e portare con te i documenti pertinenti", dice Schenkel.

I pazienti hanno il diritto di ricevere i loro risultati e dovrebbero richiederli attivamente. È sempre bene essere un esperto della propria causa. Se vuoi saperne di più sulla tua malattia, puoi anche chiedere consigli sulla letteratura o siti web affidabili. Dierks: "I pazienti ben informati non devono chiedere tanto al dottore".

Altre buone domande

Ci sono molte altre domande utili su diagnosi, trattamenti, operazioni, prescrizioni e farmaci sul sito web dell'università dei pazienti di Hannover. È anche possibile selezionare quelli giusti per te, creare una lista di controllo individuale da essa e stamparla.

www.patienten-universitaet.de: Suggerimenti per la consultazione del medico e liste di controllo per la visita del medico