Freno della fame: perdere peso con le iniezioni?

Un nuovo farmaco per il diabete chiamato semaglutide crea una sensazione di sazietà e frena l'appetito. Di conseguenza, fa perdere i chili in modo vigoroso. È adatto anche per perdere peso da solo?

Il sogno di tante persone che vogliono dimagrire: un farmaco che elimina la fame

© iStock / Deagreez

Se vuoi perdere peso, devi cambiare il tuo stile di vita. L'obiettivo principale è cambiare la tua dieta, seguita da più esercizio. Ma l'obesità, il nome medico per essere molto sovrappeso, è estremamente difficile da combattere. Il più delle volte, tutta la disciplina è inutile e alcune persone continuano persino ad aumentare di peso. Pochissimi riescono ad attenersi alla loro dieta.

I farmaci che migliorano il successo rappresenterebbero un grande passo avanti. I ricercatori e le aziende farmaceutiche ripongono qualche speranza nella sostanza semaglutide. Viene iniettato sotto la pelle una volta alla settimana. Con il dosaggio più alto, le persone obese sono state in grado di ridurre il loro peso corporeo in media di quasi il 14% entro un anno. Questo è più di quanto è stato ottenuto in precedenza con un farmaco in uno studio sulla perdita di peso. I risultati dello studio, supportati dal produttore, sono stati pubblicati nell'agosto 2018 sulla rivista specializzata Lancet.

Un anno - 14% in meno di peso

Semaglutide è simile all'ormone intestinale endogeno GLP-1 e imita i suoi effetti. Tra le altre cose, frena l'appetito e crea una sensazione di sazietà. Il relativo ingrediente attivo liraglutide è sul mercato per la perdita di peso in Germania da tre anni. Entrambe le sostanze sono principalmente farmaci usati per trattare il diabete di tipo 2. Liraglutide è stato approvato in tutta Europa nel 2009 e semaglutide all'inizio del 2018.

Tuttavia, il semaglutide non può ancora essere utilizzato per la riduzione del peso in nessuna parte del mondo. Ciò richiede studi su un numero maggiore di persone obese. Solo allora verrà mostrato se l'effetto di perdita di peso è davvero significativamente maggiore rispetto a liraglutide. Questo è ciò che suggeriscono i risultati preliminari.

Non una panacea

Tuttavia, questi farmaci non sono una panacea per l'obesità. "Di solito i farmaci vengono prescritti solo se il cambiamento nella dieta, nell'attività fisica e nelle misure di terapia comportamentale non funziona", afferma Stefan Engeli, professore presso l'Istituto di farmacologia clinica presso la Hannover Medical School e membro del consiglio della German Obesity Society.

Le medicine possono solo aiutare gli sforzi di perdita di peso di un individuo. Ma almeno: "Alcuni pazienti ottengono una riduzione di peso che in precedenza non potevano ottenere con i soli cambiamenti dello stile di vita", afferma Engeli.

I principi attivi imitano l'ormone: due effetti importanti

© W & B / Jörg Neisel

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

© W & B / Jörg Neisel

Semaglutide e le sostanze correlate vengono iniettate sotto la pelle con una penna una volta alla settimana, ad esempio sullo stomaco. Semaglutide è più resistente dell'ormone naturale GLP-1

© W & B / Jörg Neisel

L'effetto su appetito e sazietà aiuta a perdere i chili in eccesso

© W & B / Jörg Neisel

Semaglutide normalizza la glicemia nel diabete di tipo 2

Precedente

1 di 3

Il prossimo

L'obesità non è una malattia

Andreas Birkenfeld, professore di medicina metabolica e vascolare presso l'Università tecnica di Dresda e coautore dello studio Lancet, lo valuta in modo simile. Ma vede anche alcuni ostacoli. Le assicurazioni sanitarie legali non riconoscono i farmaci per la perdita di peso come necessari, tra le altre cose perché l'obesità non è considerata una malattia. Anche la consulenza nutrizionale e i programmi di dimagrimento non sono sempre pagati dalle assicurazioni sanitarie.

Se in futuro un medico prescrive liraglutide o eventualmente semaglutide a un non diabetico per dimagrire, il paziente deve pagare di tasca propria i costi di diverse migliaia di euro all'anno.

Altro possibile ostacolo: semaglutide deve essere iniettato una volta alla settimana. "Molti diabetici sono abituati a farsi l'iniezione da soli regolarmente, ma coloro che non hanno il diabete possono evitarlo", afferma Birkenfeld. Tuttavia, stanno già sviluppando compresse che possono essere ingerite.

Ormone intestinale dell'intestino tenue GLP-1

Effetti sul corpo
Circa 20 minuti dopo l'inizio di un pasto, l'intestino tenue rilascia l'ormone GLP-1 nel flusso sanguigno. Diversi organi reagiscono a questo.

Il fegato limita il rilascio di zucchero nel sangue.

Il pancreas rilascia più dell'ormone insulina. Abbassa i livelli di zucchero nel sangue.

Lo stomaco si svuota più lentamente. Ci vuole più tempo perché il cibo venga digerito e perché i nutrienti entrino nel sangue.

Il cervello reagisce con una diminuzione dell'appetito e una sensazione di sazietà.

Segnali dall'intestino tenue: il corpo reagisce pochi minuti dopo l'inizio di un pasto. Un ormone con l'abbreviazione GLP-1 gioca un ruolo importante in questo

Professor Stefan Engeli, membro del consiglio della German Obesity Society

© W & B / Stefan Thomas Kröger

Terapia per tutta la vita contro l'effetto yo-yo

Ma quanto è sostenibile il successo sostenuto da sostanze come il semaglutide entro un anno? "La riduzione del peso e il mantenimento richiedono una terapia permanente. Se interrompi una dieta, aumenti di peso. Se interrompi l'assunzione di un farmaco dimagrante, aumenti di peso", afferma Engeli. La maggior parte delle persone ha quindi bisogno di farmaci su base permanente per evitare l'effetto yo-yo.

Un altro punto sono gli effetti collaterali del semaglutide. Spesso nelle prime settimane si verificano nausea e vomito perché la preparazione ritarda lo svuotamento gastrico. Di solito i sintomi scompaiono dopo pochi giorni. Tuttavia, ci vorrà del tempo per capire se e quali effetti indesiderati si verificano dopo anni di utilizzo.

Trattamenti per l'obesità

Non sussiste alcun diritto al pagamento delle spese di cura. Le terapie devono essere approvate dalla cassa malati.

Programmi clinici di perdita di peso: sotto la guida di professionisti, i partecipanti imparano a cambiare la loro dieta. Una perdita a lungo termine fino al dieci percento del peso corporeo è realistica.

Interventi chirurgici: ultima risorsa in caso di obesità pronunciata. Esistono diverse procedure. Il più comune: i chirurghi riducono le dimensioni dello stomaco e disattivano parte dell'intestino tenue. È possibile una riduzione a lungo termine del peso corporeo da un quinto a un terzo. Ma gli interventi comportano anche rischi a breve e lungo termine.