Sistema immunitario: batteri intestinali per la difesa

Equilibrio interiore benefico: più la vita è attiva nell'intestino, più il nostro sistema immunitario è in forma. Ma la diversità del microbioma è a rischio

Varietà colorata: nel nostro corpo e sul nostro corpo ci sono tanti germi quante sono le cellule

© W & B / Martina Ibelherr

Sembra paradossale: il compito del nostro sistema immunitario è combattere i germi. Ma senza di loro le nostre difese sono piatte. Quanto diversi i batteri intestinali influenzano il sistema immunitario, tuttavia, dà solo un'idea delle ultime ricerche.

È noto che lo zoo microbico nell'intestino costituisce un baluardo contro gli intrusi dannosi. Il denso ecosistema difficilmente offre una nicchia gratuita. Alcune parti della nostra difesa hanno anche bisogno del microbioma non solo per uno sviluppo stabile. Serve anche come partner di formazione permanente. Se manca o non è abbastanza forte, ci sono delle conseguenze.

La grande estinzione delle specie

Questo è esattamente ciò che accade nelle nazioni industrializzate: gli esseri umani non solo provocano l'estinzione delle specie nel loro ambiente attraverso il loro modo di vivere. Anche la diversità sta scomparendo nel suo corpo. "Il nostro microbioma si sta impoverendo", afferma il microbiologo Gessner. Le ragioni sono, ad esempio, una dieta squilibrata e un uso eccessivo di antibiotici.

Lo yogurt è una fonte di probiotici naturali

© Westend61 / Robijn Page

I principali ricercatori del microbioma come il professor Martin Blaser dell'Università di New York (USA) lo vedono persino come la causa principale dell'aumento di molte malattie della civiltà, compresi i disturbi del sistema immunitario.

Non senza conseguenze

"Questa ipotesi è una variante dell'ipotesi dell'igiene", spiega Gessner. Troppo pochi nemici esterni portano le nostre difese ad attaccare sostanze effettivamente innocue come il polline. A quanto pare, gli aggressori dall'esterno sono meno importanti per il sistema immunitario rispetto al confronto con i nostri coinquilini. "Impara a sviluppare la tolleranza", dice Gessner, anche contro le proprie cellule del corpo.

Il colorato mondo dei microbi - L'ecosistema intestinale è composto da più di 1000 specie. Qualche esempio:

© W & B / Martina Ibelherr

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

© W & B / Martina Ibelherr

Batteriofago

sono virus che attaccano solo i batteri

© W & B / Martina Ibelherr

Escherichia coli

sono frequenti abitanti dell'intestino e producono vitamina K.

© W & B / Martina Ibelherr

Lactobacillus

si trova principalmente nei prodotti lattiero-caseari

© W & B / Martina Ibelherr

Bifidobacterium

produce acido lattico

© W & B / Martina Ibelherr

Enterococus

vive nella terra, ma anche nelle persone

© W & B / Martina Ibelherr

candida albicans

è un fungo e vive anche in un intestino sano

© W & B / Martina Ibelherr

Rotavirus

sono tra i patogeni diarroici più comuni

Precedente

1 di 7

Il prossimo

Ci sono molte indicazioni che la flora intestinale abbia un ruolo nella sclerosi multipla e nei reumatismi, ma anche nelle allergie e nell'asma. "Una connessione con le malattie infiammatorie croniche intestinali, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa è quasi certa", afferma il ricercatore del microbioma Haller. Gli studi hanno dimostrato che un probiotico che contiene speciali batteri E. coli può ridurre il rischio di ricaduta.

Ciò rafforza la protezione

  • Nutrizione: più è diversificato il microbioma, meglio è per il sistema immunitario. Una dieta variata con molte fibre e fibre vegetali promuove la biodiversità.
  • Probiotici: puoi prevenire un'infezione da clostridi con la terapia antibiotica. La tua farmacia ti consiglierà il momento ottimale da prendere.
  • Germi da mangiare: in generale, il consumo di probiotici è salutare. Le fonti naturali includono yogurt, kefir, crauti, formaggio e sottaceti.