Scabbia: contagio, sintomi e trattamento

La scabbia è una malattia della pelle contagiosa causata da minuscoli parassiti chiamati acari della scabbia. La pelle diventa infiammata e pruriginosa. Maggiori informazioni su cause, sintomi e terapia

Testo in un linguaggio semplice Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

In poche parole: cos'è la scabbia?

La scabbia (scabbia) è una condizione contagiosa della pelle causata da parassiti. I minuscoli acari pruriginosi si insinuano nello strato corneo superiore della pelle e formano piccoli passaggi lì.

  • Sintomi: i sintomi tipici sono un forte prurito e una pelle arrossata e squamosa parzialmente coperta da noduli delle dimensioni di una capocchia di spillo. A un esame più attento, ad esempio con una lente di ingrandimento, è spesso possibile vedere i condotti degli acari allungati e avvolgenti. Il forte prurito porta a frequenti graffi - da qui il nome della malattia "scabbia".
  • Diagnosi: la diagnosi di scabbia si basa essenzialmente sui sintomi tipici. Idealmente, è anche possibile rilevare direttamente gli acari del prurito, le loro uova e le feci.
  • Trattamento: per il trattamento della scabbia sono disponibili agenti antiacaro che vengono applicati sulle aree della pelle colpite sotto forma di unguenti o creme. È possibile anche il trattamento con le compresse. Inoltre, la persona interessata dovrebbe rimuovere gli acari che possono essere nei suoi vestiti o nella biancheria da letto. Nella maggior parte dei casi è possibile uccidere tutti gli acari del prurito e curare la malattia. Se non trattata, la scabbia può diventare cronica.

Sintomi della scabbia

Quando compaiono i primi sintomi?

I classici sintomi della scabbia non compaiono la prima volta fino a 2-6 settimane dopo la trasmissione del parassita. Questo è il tempo necessario al sistema immunitario per sviluppare una specifica reazione di difesa contro gli acari. Se ci sono ulteriori episodi di malattia, occorrono solo pochi giorni prima che compaiano i sintomi. Le persone colpite possono trasmettere la scabbia anche prima che si manifestino i sintomi.

Quali aree della pelle sono colpite dalla scabbia?

Gli acari pruriginosi preferiscono le regioni calde della pelle dove lo strato superiore della pelle è particolarmente sottile. Le alterazioni infiammatorie della pelle tendono quindi a manifestarsi tra le dita delle mani e dei piedi, nella zona delle ascelle, nella zona dell'ombelico o dell'areola, sulle caviglie e sui bordi interni del piede, e nella regione genitale.

Di solito la testa, il collo e la schiena non sono colpiti dalla scabbia. Nei neonati e nei bambini piccoli, la scabbia si può trovare anche sul cuoio capelluto peloso e sui palmi delle mani e dei piedi.

La carnagione della scabbia può avere un aspetto molto diverso: ecco un esempio

© Shutterstock / Chuck Wagner

Quali sono i sintomi tipici della scabbia?

Caratteristico della scabbia è il prurito pronunciato, che aumenta quando è caldo.La pelle delle zone colpite è arrossata e può bruciarsi facilmente. Si formano noduli delle dimensioni di uno spillo e talvolta vesciche nei bambini piccoli. Possono svilupparsi forfora e croste, soprattutto se sono presenti ulteriori graffi. Tuttavia, la carnagione della scabbia può avere un aspetto molto diverso. A volte i sintomi si discostano anche dal "modello classico". Oltre all'eruzione cutanea, se guardi da vicino, potresti vedere i fori curvi e curvi degli acari, a volte anche gli acari del prurito stessi nella pelle.

Poiché il prurito è generalmente favorito dal calore, il prurito della scabbia è particolarmente forte, soprattutto di notte, a causa del calore del letto. Il prurito crea un circolo vizioso: il graffio costante danneggia la pelle, provocando ulteriore prurito.

Particolarmente contagiosa: scabbia crustosa

Nel caso di una forma particolarmente grave di scabbia, la cosiddetta scabbia da corteccia, la pelle viene modificata su una vasta area oltre le regioni tipiche. Ampie parti della pelle sono arrossate, i palmi e i piedi sono caratterizzati da una grave cornificazione e da una massiccia desquamazione. Il prurito altrimenti prevalente è significativamente inferiore nella scabbia della corteccia e può anche essere completamente assente.

Mentre la maggior parte delle persone con scabbia ha meno di dieci acari nello strato corneo della loro pelle, ce ne possono essere alcune centinaia nelle persone con scabbia. Pertanto, questa variante della scabbia è particolarmente contagiosa.

Gli acari scavano nello strato corneo superiore della pelle e vi depongono le uova. Non inizia a prudere fino a settimane dopo

© W & B / Astrid Zacharias

Contagio: come si trasmette la scabbia?

Gli acari del prurito si trasmettono principalmente da persona a persona attraverso il contatto con la pelle. Per essere infettato, tuttavia, il contatto deve avvenire per un periodo di tempo sufficientemente lungo. Tocchi brevi, come stringere la mano, di solito non sono sufficienti per l'infezione da scabbia. Spesso gli acari si trasmettono attraverso un intenso contatto fisico al partner o tra genitori e figli.

Poiché gli acari del prurito possono sopravvivere solo per un tempo relativamente breve senza il loro ospite, gli esseri umani, la trasmissione attraverso coperte o vestiti è possibile, ma meno comune. In questo modo, i viaggiatori vengono continuamente infettati quando trascorrono la notte in alloggi economici e trasandati. Se l'igiene personale è insufficiente, il numero di acari sulla pelle è particolarmente elevato; questo aumenta anche il rischio di trasmettere la scabbia.

La scabbia è particolarmente diffusa dove molte persone vivono in un piccolo spazio in cattive condizioni igieniche. C'è anche un particolare rischio di scabbia se il sistema immunitario è indebolito, ad esempio nelle persone anziane. Ma la scabbia a volte si verifica anche negli ospedali o nelle case di cura a causa dello stretto contatto fisico tra il paziente e il personale infermieristico.

La frequenza con cui si manifesta la scabbia dipende da fattori come la densità della popolazione, le cure mediche, la salute delle persone e le condizioni igieniche. Tuttavia, l'infestazione da acari pruriginosi non è automaticamente una prova di scarsa igiene personale.

Diagnosi: come fa il medico a riconoscere la scabbia?

I sintomi, l'infestazione delle zone cutanee tipiche e il evidente prurito notturno portano il sospetto in direzione della scabbia. La diagnosi è tanto più probabile se i membri della famiglia del paziente hanno sintomi simili.

Il medico fa la diagnosi rilevando gli acari, i loro dotti, le uova o le escrezioni. Con il dermatoscopio (= microscopio a luce incidente), un dispositivo simile a una lente d'ingrandimento con illuminazione integrata che posiziona sulla pelle, potrebbe essere in grado di rilevare gli acari del prurito.

Inoltre, il medico può utilizzare un ago sottile per estrarre il materiale dal passaggio ed esaminarlo al microscopio. Con un ingrandimento sufficiente, si possono vedere acari, uova e una palla di feci. In linea di principio, la prova diretta di acari della scabbia, in alternativa uova o feci di acari, è considerata evidenza di scabbia.

Tuttavia, spesso non è possibile fornire questa prova: di norma, non ci sono più di dieci acari nella pelle di una persona affetta. Inoltre, gli acari e soprattutto le loro uova e le loro escrezioni sono così piccoli che spesso sono difficili da vedere anche con l'aiuto del microscopio a luce riflessa. Pertanto, la diagnosi di scabbia viene solitamente effettuata sulla base dei cambiamenti pruriginosi della pelle nelle aree tipiche.

Chiedi al dermatologo

Preoccupato per un problema di pelle?
Su Online-Hautarzt.net riceverai una valutazione professionale anonima, rapida ed economica (€ 24,95) del tuo problema di pelle da parte di un dermatologo di Heidelberg. Grazie all'azione consigliata, sai anche cosa fare al riguardo.

Terapia: cosa si può fare contro la scabbia?

La scabbia può essere trattata con agenti antiacaro (anti-scabbia, acaricidi o scabicidi) per applicazione o per ingestione.

Di solito la scabbia può essere trattata bene. Diversi agenti antiacaro sono disponibili per la terapia. L'obiettivo è uccidere gli acari del prurito presenti nella e sulla pelle. Poiché alcuni preparati hanno forti effetti collaterali, il medico valuta attentamente quale farmaco usare. Particolare cautela è richiesta, soprattutto con donne incinte, donne che allattano e bambini. Le persone colpite dovrebbero chiedere una consulenza individuale e seguire esattamente le istruzioni del medico.

Il principio attivo permetrina sotto forma di crema è spesso usato per trattare la scabbia. L'agente viene applicato su una vasta area secondo le istruzioni del medico e lavato via accuratamente dopo un periodo da otto a dodici ore. Se una persona non affetta, ad esempio la madre, applica l'agente, deve usare i guanti. I pazienti devono cambiare i loro vestiti e la biancheria da letto dopo il trattamento.

Spesso è sufficiente un'unità terapeutica con il principio attivo. Se dopo due settimane ci sono ancora segni di scabbia, il medico ti consiglierà di ripetere l'applicazione. Ulteriori controlli medici di solito vengono effettuati fino a quattro settimane dopo l'inizio della terapia per escludere una riacutizzazione della malattia.

Anche se gli acari sono stati combattuti con successo, il prurito e i cambiamenti della pelle di solito persistono per alcune settimane. Il medico poi parla di eczema post-scabbia, cioè infiammazione della pelle che si manifesta in seguito alla scabbia. Anche se tutti gli acari e le uova di acari sono stati uccisi, i componenti dei parassiti possono rimanere nella pelle e mantenere la risposta infiammatoria del sistema di difesa del corpo. Il medico tratta questa irritazione della pelle con unguenti e creme antinfiammatorie. Inoltre, la persona colpita dovrebbe applicare regolarmente una crema idratante per alcune settimane in modo che la pelle si riprenda più velocemente.

La permetrina è generalmente ben tollerata come trattamento per la scabbia. Tuttavia, è velenoso in grandi quantità. Affinché il corpo non assorba troppo il farmaco, si consiglia di strofinare la pelle esattamente come indicato da un medico. Per quanto possibile, l'agente non deve essere applicato alle ferite. Se anche le superfici del piede più cheratinizzate degli adulti sono affette da scabbia, può avere senso trattarle preventivamente con agenti che ammorbidiscono la cornea, ad esempio con acido salicilico. Se la pelle è gravemente infiammata dalla scabbia, il medico può prescrivere un unguento antinfiammatorio, per lo più contenente cortisone, prima del trattamento vero e proprio.

A causa dei possibili effetti collaterali, i bambini e gli infanti devono essere trattati solo sotto stretto controllo medico. A scopo precauzionale, si consiglia di non fare un bagno caldo ai bambini prima di applicare l'unguento. Il calore aumenta l'afflusso di sangue alla pelle, il che significa che possono essere assorbite quantità maggiori del principio attivo.

Altri principi attivi come il crotamitone o il benzil benzoato possono essere utilizzati anche per il trattamento esterno della scabbia.

Terapia con compresse

Da maggio 2016, l'Ivermectina, una sostanza per la terapia interna della scabbia, è stata ufficialmente approvata in Germania per la prima volta. Come il trattamento esterno, la terapia con le compresse di ivermectina viene eseguita una volta. Il dosaggio dipende dal peso corporeo del paziente. Se i sintomi persistono 14 giorni dopo l'ingestione, il trattamento può essere ripetuto.

Il trattamento interno con ivermectina può essere vantaggioso nei pazienti in cui il trattamento esterno della scabbia ha già fallito o non promette molto successo sin dall'inizio. Questo è il caso, ad esempio, di persone che sono state infettate da centinaia di acari nel senso di una scabbia della corteccia. Nel caso di pazienti particolarmente gravemente colpiti, il medico può persino prescrivere una combinazione di trattamento interno ed esterno. La terapia interna può essere opportuna anche se non è garantito che la crema scabicida possa agire sulla pelle per almeno otto ore, oppure se la pelle è già molto irritata. I pazienti con scabbia dovrebbero discutere con il proprio medico quale sia la terapia migliore per il loro caso individuale.

Se la scabbia si verifica durante la gravidanza o l'allattamento, il trattamento è più difficile. In Germania, nessun farmaco contro la scabbia è stato ufficialmente approvato per le donne incinte o che allattano. Il medico valuta quindi attentamente in ogni singolo caso quale farmaco prescrivere per la scabbia.

Scabbia: questo è importante oltre alla terapia

Inoltre, la terapia farmacologica dovrebbe essere integrata da misure generali. In particolare, i capi di bucato che entrano in contatto intensivo con la pelle (lenzuola, asciugamani, biancheria intima) sono una potenziale fonte di infezione: se li lavi a 60 ° C, tutti i restanti acari della scabbia vengono solitamente uccisi. È meglio conservare i tessuti che non devono essere lavati in un sacchetto di plastica ermetico per quattro giorni a temperatura ambiente fino alla morte degli acari. Queste misure riducono il rischio di reinfezione se si entra in contatto con i tessuti. I mobili imbottiti sono generalmente sicuri se vengono aspirati accuratamente e non utilizzati per quattro giorni.

Di solito da otto a dodici ore dopo l'applicazione dell'agente antiacaro, non c'è più alcun rischio di infezione. Ciò significa che dopo questo periodo i bambini possono tornare all'asilo e alla scuola, gli adulti possono tornare a lavorare.

Possibili complicazioni

La scabbia raramente porta a complicazioni. Nella maggior parte dei casi, un trattamento appropriato può uccidere gli acari del prurito. Tuttavia, un sistema immunitario indebolito aumenta il rischio di complicati cicli di scabbia. In questi casi è importante che lo stato di salute sia attentamente monitorato dal medico. Nei casi più gravi, si forma una rosa dolente (erisipela). Se i batteri entrano nel flusso sanguigno, nel peggiore dei casi può verificarsi avvelenamento del sangue (sepsi).

Informazioni di base: cosa sono gli acari del prurito?

L'agente eziologico della scabbia è l'acaro del prurito (Sarcoptes scabiei variatio hominis). Questo parassita è specializzato negli esseri umani. Gli acari del prurito, che appartengono agli aracnidi, si accoppiano inizialmente sulla superficie della pelle. L'acaro femminile del prurito - ha una dimensione minuscola di 0,4 millimetri - quindi scava i passaggi nello strato superiore della pelle, lo strato corneo. L'acaro depone le uova nei corridoi. Ma anche i loro prodotti di scarto, piccole palline di feci, rimangono lì. Quest'ultimo fa reagire il sistema immunitario, provocando infiammazione e prurito della pelle. Dopo la schiusa, le larve si spostano sulla superficie della pelle e il ciclo vitale degli acari del prurito ricomincia.

Puoi prevenire la scabbia?

Il rischio di scabbia può essere ridotto osservando un'accurata igiene personale, evitando il contatto fisico ravvicinato con le persone colpite ed evitando di pernottare in alloggi economici trasandati durante i viaggi. A volte ha anche senso avere a che fare con persone a stretto contatto. È meglio che il medico curante decida se ciò è consigliabile in un singolo caso.

Dott. med. Angela Unholzer

© W & B / privato

Esperto in consulenza

Dott. med. Angela Unholzer è una dermatologa con qualifiche aggiuntive in allergologia e dermatoistologia. Ha completato la sua formazione specialistica presso la Clinica Universitaria di Dermatologia dell'Università Ludwig Maximilians di Monaco e presso la Clinica di Dermatologia e Allergologia presso la Clinica di Augsburg. In quest'ultima clinica è stata medico senior responsabile del reparto di illuminazione, dell'ambulatorio dermatologico e dell'ambulatorio dermatologico generale dal 2006 al 2012. Ha poi lavorato in uno studio vicino ad Augusta. Ha esercitato in proprio a Donauwörth dal 2014.

Swell:

Linee guida "Scabbia, diagnostica e terapia" della Società tedesca di dermatologia (DDG), a partire dal 2016

Consigli del Robert Koch Institute: Scabies (scabies), https://www.rki.de/DE/Content/Infekt/EpidBull/Merkblaetter/Ratgeber_Skabies.html (accesso a marzo 2019)

BZgA: Scabies, https://www.infektionsschutz.de/erregersteckbriefe/kraetze-skabies/ (accesso a marzo 2019)

Nota importante:

Questo articolo è solo una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire la consulenza medica. Ti preghiamo di comprendere che non rispondiamo a singole domande.

infezione pelle