Ernia inguinale (ernia inguinale)

Se le aree della parete addominale sono perforate, ciò può portare a protuberanze nella regione dell'inguine. I medici parlano di un'ernia inguinale. Tutto su sintomi, diagnosi e terapia può essere trovato qui

Testo in un linguaggio semplice Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

In caso di ernia inguinale, il tessuto (spesso tessuto intestinale) penetra attraverso una cosiddetta porta erniaria e forma una protuberanza (sacco erniario)

© W & B / Szczesny

Ernia inguinale (ernia inguinale) - spiegata brevemente

Un'ernia inguinale (ernia inguinale) è una lacuna che esiste già o si è sviluppata nel tempo. Il peritoneo (sacco erniario) può scorrere attraverso questa fessura (porta erniaria). In questo sacco erniario si possono trovare anche i visceri addominali (contenuto dell'ernia). Pertanto, il vero problema di un'ernia (in latino: rottura) non è l'apertura stessa, ma il rischio che ne deriva che gli organi addominali (principalmente parti dell'intestino) possano rimanere intrappolati in questa fessura e, nel peggiore dei casi, morire. Il sintomo principale di un'ernia inguinale è il dolore all'inguine, a volte si nota un rigonfiamento visibile nella regione inguinale. La terapia di un'ernia inguinale consiste nella cura operativa. Non tutte le ernie devono essere operate immediatamente. Il più delle volte, i pazienti non hanno grossi reclami. Tuttavia, dovresti sottolineare che un intrappolamento con dolore può verificarsi in qualsiasi momento. Poiché questa condizione può avere conseguenze dannose e significative, si deve consigliare al paziente di sottoporsi a un'operazione il prima possibile. Esistono diverse procedure chirurgiche (procedure aperte o endoscopiche) che vengono selezionate individualmente a seconda del tipo di frattura e del paziente.

Cos'è un'ernia inguinale?

Se c'è una fessura nella regione inguinale - già esistente, ad esempio a causa di un anello inguinale interno allargato, o una fessura nella fascia dei muscoli che formano il canale inguinale - si parla di ernia inguinale. Gli intestini della cavità addominale (= contenuto di ernia) insieme al peritoneo circostante (= sacco erniario) possono passare attraverso questa fessura (= apertura erniaria).

Statisticamente, il 3% di tutte le donne e il 27% di tutti gli uomini soffrono di ernia durante la loro vita. Il rischio aumenta con l'età. Se è presente un'ernia inguinale, il 90 per cento dei maschi ne è affetto, ciò è dovuto principalmente all'anatomia (vedi anche la nostra guida: Dolore inguinale, ernia inguinale). Più spesso, un'ernia inguinale si trova sul lato destro. Il trattamento chirurgico di un'ernia inguinale è stato ancora una delle 20 operazioni più frequenti nella chirurgia addominale nel 2017.

Rappresentazione schematica del canale inguinale con anello inguinale interno ed esterno

© W & B / Szczesny

Informazioni di base: il canale inguinale

Struttura del canale inguinale

L'inguine forma la transizione tra l'addome e le cosce. Il canale inguinale (canalis inguinalis) si trova in questa regione; corre sopra il legamento inguinale. La sua lunghezza è di circa cinque centimetri. Corre obliquamente da "esterno-posteriore" a "interno-anteriore" e quindi penetra nella parete addominale per condurre strutture importanti (vasi, nervi, legamento cervicale o funicolo spermatico) agli organi genitali. Le strutture citate entrano attraverso il cosiddetto anello inguinale interno (interno nel senso di "nell'addome") e lasciano nuovamente il canale inguinale in corrispondenza dell'anello inguinale esterno. Tra le altre cose, questo è importante per comprendere i vari tipi di frattura (vedi ernia diretta e indiretta).

Il canale inguinale è formato dalle placche tendinee (aponeurosi) e dalle guaine del tessuto connettivo (fascia) dei muscoli addominali e del legamento inguinale:
Anteriore: placca tendinea (aponeurosi) del muscolo addominale obliquo esterno (Musculus obliquus externus abdominis)
Lato superiore: superficie del muscolo addominale obliquo interno (M. obliquus internus abdominis) e del muscolo addominale trasverso (M. obliquus transversus)
Dorso: fascia del M. obliquus transversus
Lato inferiore: legamento inguinale

Rappresentazione schematica (semplificata) di un'ernia con porta erniaria, sacco erniario e contenuto erniario

© W & B / Felix Schneider

Gli intestini della cavità addominale (= contenuto dell'ernia) insieme al peritoneo circostante (= sacco erniario) possono passare attraverso una fessura (= apertura erniaria).

Questo spazio può già esistere, ad esempio sotto forma di un anello inguinale interno (troppo grande), oppure può sorgere solo, ad esempio a causa del cedimento dei muscoli. Poiché questi muscoli addominali formano la parete del canale inguinale, una rottura della muscolatura porta a un sacco erniario (a seconda delle dimensioni anche con il contenuto dell'ernia) che spinge nel canale inguinale (vedi anche ernia inguinale diretta e indiretta) e muovendosi lungo il canale inguinale verso l'esterno l'Anello può avanzare. Questo sacco erniario è quindi visibile dall'esterno come un rigonfiamento sull'anello inguinale esterno. È anche possibile un ulteriore avanzamento ai testicoli. Nelle donne in particolare si riscontra spesso una cosiddetta frattura della coscia dovuta all'anatomia (vedi anche la nostra guida: cause di ernia inguinale / frattura della coscia).

Cause: come si manifesta un'ernia inguinale?

In linea di principio, tutti i fattori che aumentano la pressione nella cavità addominale possono favorire lo sviluppo di un'ernia. In questo caso si parla di ernia sintomatica, poiché si presenta come espressione di un'altra malattia. I fattori che portano ad un aumento della pressione nell'addome (pressione intra-addominale) sono costipazione cronica (costipazione), ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica), gravidanza e ascite. Ma anche coloro che devono tossire costantemente, ad esempio a causa di una broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), hanno maggiori probabilità di contrarre un'ernia inguinale. Coloro che spesso trasportano o sollevano carichi pesanti esercitano anche una pressione costante sulla regione inguinale. I medici osservano anche un'ernia inguinale più frequentemente nei bambini prematuri e nei ragazzi con testicoli ritenuti. Tuttavia, questa maggiore pressione nell'addome di solito non causa problemi nella regione inguinale. Oggigiorno si presume che ci debba essere contemporaneamente una debolezza del tessuto connettivo (rottura della matrice extracellulare) affinché si formi un'ernia.

Cos'è un "inguine molle"?

Gli atleti, in particolare i giocatori di calcio, hockey e tennis, lamentano spesso dolori all'inguine. Tuttavia, non vi è alcuna ernia dietro questo, ma piuttosto un incipiente rigonfiamento della parete posteriore del canale inguinale. Tuttavia, l'inguine di un atleta, come viene anche chiamato l'inguine molle, può svilupparsi in un'ernia.

Classificazione delle ernie inguinali - ernia inguinale indiretta e diretta

I medici distinguono tra due tipi di ernie inguinali: diretta e indiretta. Un'ernia inguinale indiretta può essere congenita o acquisita e spesso colpisce bambini e giovani. In questa forma, il sacco erniario attraversa l'anello inguinale interno, che rappresenta l'ingresso al canale inguinale. Questo anello può essere leggermente espanso dalla nascita. Gli uomini sono anatomicamente gravati qui, perché nei bambini non nati maschi i testicoli migrano dalla cavità addominale attraverso il canale inguinale nell'area genitale - fino alla nascita. Se il canale non si chiude completamente in seguito, lo spazio esistente promuove un'ernia inguinale. Può anche accadere che il canale bloccato si apra un po 'più tardi, soprattutto se ci sono fattori favorevoli.

Ernia inguinale indiretta

  • Corre sull'anello inguinale interno attraverso il canale inguinale fino all'anello inguinale esterno
  • Può essere congenito (mancanza di adesione dopo penetrazione testicolare) o acquisito (allargamento dell'anello inguinale interno)

Viene sempre acquisita un'ernia inguinale diretta. Qui, si è formato un tessuto connettivo debole nell'area della parete posteriore del canale inguinale, attraverso il quale si schiaccia il sacco erniario. Ad un certo punto c'è un punto debole fisiologico in cui non ci sono muscoli. Questo è esattamente dove il tessuto inguinale cede sotto stress eccessivo. L'età ha un effetto positivo qui. Perché nel corso della vita il nostro tessuto connettivo si indebolisce. Le persone anziane hanno quindi maggiori probabilità di soffrire di un'ernia diretta.

Ernia inguinale diretta

  • Il sacco erniario penetra nella parete addominale in linea retta e raggiunge così il canale inguinale. Lo segue fino all'anello inguinale esterno.
  • È sempre acquisito e la maggior parte degli uomini ne sono colpiti

Classificazioni più moderne delle ernie inguinali cercano di descrivere il tipo e la qualità in modo più dettagliato, in particolare la classificazione di Nyhus si è affermata qui. Tra le altre cose, distingue se c'è un difetto nella parete posteriore e viene utilizzato anche per selezionare la procedura chirurgica.

Il gonfiore visibile nella zona inguinale è il sintomo più comune, insieme al dolore nella regione inguinale

© SPL / Dr. P. Marazzi

Sintomi: quali sintomi provoca un'ernia inguinale?

Se si tratta di una piccola pausa, di solito si verifica solo un leggero disagio. Ad esempio, se c'è una trazione nella regione inguinale quando una persona si muove o solleva qualcosa, questo può indicare un'ernia inguinale. Il trascinamento si attenua di nuovo quando si sdraia o si riposa. Altri pazienti riferiscono una sensazione di corpo estraneo all'inguine. Se l'ernia si ingrandisce, appare una sorta di "protuberanza" all'inguine. Si manifesta all'improvviso, ad esempio a causa di tosse o starnuti. Spesso può essere spinto indietro verso l'interno. Come tirare, la protuberanza spesso scompare quando la persona sta riposando. A volte un gonfiore nello scroto può anche essere un segno se l'ernia raggiunge i testicoli.

Se, ad esempio, ci sono parti intestinali nel sacco erniario e il contenuto dell'ernia rimane intrappolato (incarcerazione), si verifica un forte dolore all'inguine. Inoltre, potrebbero esserci nausea, vomito e febbre. Questa è un'emergenza che richiede un intervento chirurgico immediato. Dovresti quindi recarti in una clinica il prima possibile o chiamare il servizio di ambulanza.

Se i bambini hanno un'ernia inguinale, i genitori spesso lo notano. Se lavi il piccolo o cambi il pannolino, noterai il rigonfiamento nella zona inguinale. Lo scroto può gonfiarsi nei ragazzi e le labbra esterne nelle ragazze. Se il piccolo reagisce in modo sensibile quando i genitori premono sul gonfiore o se questo provoca anche dolore alla prole, il bambino deve consultare un medico! Anche qui gli organi interni possono essere bloccati nel sacco erniario.

Il dolore all'inguine può avere anche altre cause. Leggi qui: Sintomo Dolore all'inguine.

Importante: fintanto che le ernie non causano alcun disagio o solo un leggero disagio, di solito sono innocue. Tuttavia, esiste il rischio che il contenuto dell'interruzione venga intrappolato. Se un pezzo di intestino è bloccato nella protuberanza e viene schiacciato, in quel punto scorre troppo poco sangue attraverso il tessuto. Nel peggiore dei casi, può morire. Pertanto, consultare sempre un medico se si nota il tipico gonfiore all'inguine. Se fa molto male lì, se ti senti male o se senti allo stesso tempo febbre, vai immediatamente in ospedale. Può essere un'ernia inguinale pizzicata, che è un'emergenza e richiede un intervento chirurgico immediato. Tale ernia può anche essere infettata. Se l'infiammazione si diffonde all'addome, può svilupparsi una peritonite pericolosa per la vita.

Diagnosi: come viene diagnosticata un'ernia inguinale?

Se il paziente descrive sintomi che suggeriscono un'ernia inguinale, il medico pone prima domande specifiche. Ad esempio, quando si verificano i reclami e se sono permanenti. Il medico quindi esamina la regione inguinale. Se non vede una protuberanza, chiede al paziente di tossire. Perché questo aumenta la pressione nell'addome e l'ernia diventa visibile sotto la pelle. Se il gonfiore può già essere visto in questo modo, il medico lo sente e verifica se può essere spinto verso l'interno (riposizionato). Osserva anche come il "bernoccolo" cambia quando è sdraiato e in piedi. Nel caso del paziente in piedi, anche l'anello inguinale esterno viene palpato dal medico e, nel caso dell'uomo, vengono esaminati anche i testicoli. Questo esame clinico è generalmente sufficiente per fare la diagnosi di un'ernia inguinale. Se un'ernia non può essere rilevata in modo affidabile dall'esame (le cosiddette ernie occulte, cioè nascoste), viene eseguito un esame ecografico della regione inguinale. Se nemmeno l'esame ecografico produce un risultato chiaro, è possibile utilizzare una tomografia a risonanza magnetica (MRT) o una tomografia computerizzata (TC). Un'ernia non è sempre la causa del dolore all'inguine; può anche essere causata da linfonodi ingrossati, tumori o rigonfiamenti vascolari.

Terapia: come viene trattata un'ernia inguinale?

In passato e anche oggi, la diagnosi di "ernia inguinale" è in linea di principio l'indicazione per un intervento chirurgico, in quanto non è possibile una guarigione spontanea, ad esempio rafforzando i muscoli. Al giorno d'oggi la formulazione è meno chiara. Nel caso di un'ernia inguinale unilaterale maschile senza sintomi, è anche possibile aspettare ("vigile attesa"). Tuttavia, l'attuale linea guida HerniaSurge indica che la maggior parte dei pazienti con ernie asintomatiche sviluppa sintomi nel tempo e dovrebbe quindi essere operata nel tempo. Sia l'indicazione per l'intervento chirurgico che il tempo per l'intervento devono essere chiariti con il paziente. Perché con ogni ernia c'è il rischio che le anse dell'intestino o parti del peritoneo rimangano intrappolate in questa fessura e muoiano. Questa condizione è pericolosa per la vita e quindi richiede un intervento chirurgico immediato (intervento chirurgico d'urgenza). Pertanto, un'ernia inguinale dovrebbe essere operata prima che diventi una situazione di emergenza.

Quale metodo chirurgico è adatto per un'ernia inguinale dipende da molti fattori. L'età del paziente gioca un ruolo, così come la posizione e le dimensioni della frattura. Anche se la frattura è unilaterale o bilaterale o se si tratta di una nuova frattura (recidiva) è importante quando si sceglie una terapia. Inoltre, alcune procedure non sono adatte perché richiedono l'anestesia generale. Questa non è un'opzione per ogni paziente. Le linee guida attualmente valide del gruppo HerniaSurge raccomandano che le tecniche basate su mesh nelle procedure endoscopiche o nella chirurgia a cielo aperto secondo Lichtenstein (vedi galleria di immagini) dovrebbero essere utilizzate per il trattamento dell'ernia inguinale unilaterale negli uomini. Tuttavia, questo deve essere inteso solo come una raccomandazione. Quale metodo viene scelto deve essere adattato individualmente al paziente sotto gli aspetti sopra menzionati e viene chiarito con il paziente in una consultazione dettagliata con il medico.

Importante: un'operazione di ernia inguinale deve essere eseguita da un chirurgo esperto specializzato in una delle procedure descritte di seguito.

In linea di principio, si sono affermati tre diversi metodi chirurgici: l'operazione Shouldice, l'operazione Lichtenstein e procedure minimamente invasive. Il medico e il paziente devono decidere individualmente quale procedura utilizzare. Gli interventi di Shouldice e Lichtenstein coinvolgono le cosiddette vie di accesso anteriori (anteriori), in cui viene praticata un'incisione cutanea sull'inguine. La procedura mininvasiva (TAPP e TEPP) è una cosiddetta via di accesso posteriore (posteriore) in cui le lacune della frattura vengono trattate utilizzando dispositivi endoscopici (chirurgia del buco della serratura) (vedere anche la nostra galleria di immagini, fare clic).

Procedura chirurgica per il trattamento dell'ernia inguinale

© W & B / Ulrike Möhle

ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

© W & B / Ulrike Möhle

Operazione secondo Shouldice

Procedura: il chirurgo esegue un'incisione cutanea nella regione inguinale ed espone la rottura. Quindi apre il sacco erniario che è stato formato dall'ernia e spinge con cura il contenuto dell'ernia indietro nella cavità addominale. Di conseguenza, i tessuti intestinali e / o adiposi tornano alle loro posizioni originali. Il sacco erniario viene quindi ricucito. L'ernia viene quindi chiusa con una sutura e suturata al tessuto connettivo adiacente per stabilizzare la regione inguinale.

Vantaggi: la procedura può avvenire in anestesia locale, non è necessaria l'anestesia generale. È richiesto poco materiale artificiale - solo per cucire. Pertanto non ci sono quasi reazioni allergiche o irritazioni.

Svantaggi: i pazienti devono prendersela comoda per molto tempo dopo l'operazione. Di solito ci vogliono due mesi prima che gli sia consentito di fare esercizio, sollevare qualcosa o fare sport. Dopo la procedura, potresti provare dolore all'inguine per un po '.

Per chi? A volte i medici raccomandano la procedura Shouldice per i giovani e per coloro che hanno subito un'ernia minore. La procedura chirurgica Shouldice è anche un'opzione per i pazienti che rifiutano un impianto di rete.

© W & B / Ulrike Möhle

Funzionamento secondo Lichtenstein

Procedura: In linea di principio, l'operazione procede come la procedura Shouldice. Tuttavia, il chirurgo stabilizza la rottura con una speciale rete di plastica. Lo posiziona sopra il foro creato dalla rottura e ci cuce sopra la rete. Negli uomini, la rete è posizionata attorno al funicolo spermatico in modo che possa continuare a scorrere senza ostacoli attraverso il canale inguinale.

Vantaggi: non è richiesta l'anestesia generale per questo metodo, l'anestesia locale è sufficiente. Il rischio di una nuova interruzione è basso. I pazienti possono riprendere l'attività fisica prima che dopo la procedura Shouldice.

Svantaggi: la rete di plastica viene assorbita dal corpo come materiale estraneo. Con le reti moderne, tuttavia, è molto raro che il corpo reagisca in modo sensibile a loro.

Per chi? L'operazione di Lichtenstein è adatta per gli anziani e per i pazienti con un'ernia maggiore. Questo metodo è consigliato anche se la frattura si ripete o se la persona interessata deve essere rapidamente rimessa in forma per motivi professionali.

© W & B / Ulrike Möhle

Procedure minimamente invasive: TAPP / TEP

Procedura: minimamente invasiva significa che non è necessaria una grande incisione cutanea, ma solo piccole incisioni. Gli esperti differenziano il metodo cosiddetto TEP (ernioplastica extraperitoneale totale) dal metodo TAPP (ernioplastica preperitoneale transaddominale). In entrambi i casi, il chirurgo inserisce un endoscopio e gli strumenti necessari attraverso le piccole incisioni addominali e li spinge in avanti verso l'ernia.

Con la tecnica TEP, il medico utilizza una fessura di tessuto sottile che si trova naturalmente tra la pelle e il peritoneo. Lì taglia la pelle e introduce di nascosto gli strumenti. Il chirurgo spinge il sacco erniario indietro nella cavità addominale e inserisce una rete di plastica attraverso la suddetta fessura, che attacca all'ernia. La rete si fissa da sola, non sono necessarie clip metalliche o simili. Con la procedura TAPP, le incisioni cutanee sono nella zona dell'ombelico e nella metà dell'addome. Quindi la pancia deve essere gonfiata con l'aiuto dell'anidride carbonica. Il chirurgo spinge anche il sacco erniario nella cavità addominale. Spinge la rete di plastica dall'addome, cioè dall'interno, all'ernia. Fa una laparoscopia per questo.

Vantaggi: il rischio di una nuova interruzione è considerato basso. Il paziente può presto esercitare di nuovo - dopo soli sette-dieci giorni. Il medico posiziona la rete di plastica senza dover tirare la rottura chiusa. La persona operata viene solitamente risparmiata dal dolore e può muoversi di nuovo rapidamente. Un altro grande vantaggio è che anche le ernie bilaterali possono essere trattate in un'unica operazione con questo metodo.

Svantaggi: l'operazione viene eseguita in anestesia generale, che può essere problematica per le persone anziane, ad esempio. Il chirurgo ferisce raramente il peritoneo durante questa procedura, il che porta al dolore dopo l'operazione.

Per chi? Secondo gli esperti, questa procedura è consigliata a tutti i pazienti per i quali non ci sono controindicazioni contro la procedura. Chi, per motivi professionali, ha bisogno di essere in grado di affrontare nuovamente lo sforzo fisico rapidamente può, ad esempio, optare per questa metodica chirurgica.

Precedente

1 di 3

Il prossimo

Tralicci

I medici generalmente non raccomandano più i tralicci. La persona colpita allunga esternamente una travatura attorno alla regione inguinale. Il nastro ha lo scopo di spingere il contenuto dell'ernia nel canale inguinale. Tuttavia, presenta alcuni inconvenienti: non risolve l'ernia. Inoltre, l'uso a lungo termine indebolisce la parete addominale, il che rende più difficili le operazioni successive.

Dott. Peter Harding

© W & B / privato

Il nostro esperto di consulenza:

Dott. Peter Harding è un medico specializzato in chirurgia generale, chirurgia traumatologica e chirurgia viscerale. È primario presso la clinica di chirurgia generale e viscerale, chirurgia traumatologica e proctologia presso il St. Sixtus Hospital di Haltern am See. Il suo focus professionale è sulla chirurgia dell'ernia, chirurgia mininvasiva ("chirurgia del buco della serratura"), malattie tumorali del tratto gastrointestinale, fegato e pancreas.

Swell:

  • Der Chirurg, Volume 89, Numero 8, agosto 2018. D Weyhe et al., "HerniaSurge: linee guida internazionali per la terapia delle ernie inguinali negli adulti. Commento del Surgical Working Group on Hernia (CHD / DGAV) e della German Hernia Society (DHG) sulle Raccomandazioni più importanti ", pp. 631-638
  • Chirurgo 2017 · 88: 274–275, DOI 10.1007 / s00104-017-0390-7, F. Köckerling, "Chirurgia delle ernie inguinali conforme alle linee guida"
  • Gruppo di lavoro (AWMF), "Linee guida della Società tedesca di chirurgia pediatrica - Ernia inguinale, idrocele". Online: https://www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/006-030l_S1_Leistenhernie_Hydrozele_2014-09-verlaengert.pdf (accesso 5 marzo 2019)
  • Deutsches Ärzteblatt, Berger D., Evidence-Based Treatment of Adults. Online: https://www.aerzteblatt.de/archiv/175103/Evidenzbasierte-Behlassung-der-Leistenhernie-des-Erwachsenen (accesso 27 febbraio 2019)
  • Ufficio federale di statistica, DEStatis, Le 20 operazioni più frequenti in totale (codice OPS 5). Online: https://www.destatis.de/DE/ZahlenFakten/GesellschaftStaat/Gesundheit/Krankenhaeuser/Tabellen/DRGOperationenInsammlung.html (accesso 27 febbraio 2019)

Nota importante:

Questo articolo contiene solo informazioni generali e non deve essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri esperti non possono rispondere a singole domande.

Intestini