Allergia al nichel

L'arrossamento della pelle e il prurito possono essere sintomi di un'allergia al nichel. Il nichel si trova spesso nei gioielli, nelle fibbie delle cinture o nelle montature degli occhiali. L'allergia al nichel è una delle allergie più comuni in Germania. Maggiori informazioni su cause, diagnosi e terapia

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Il nichel nei gioielli può causare allergie da contatto

© La tua foto oggi / A1Pix / Phanie

Allergia al nichel - in breve

Un'allergia al nichel di solito si manifesta in un'eruzione cutanea pruriginosa che si verifica sulle parti interessate del corpo dopo il contatto con materiali contenenti nichel. In contrasto con le allergie immediate di tipo I (tra cui, ad esempio, polline, veleno di insetti e la maggior parte delle allergie alimentari), la reazione è ritardata in questo cosiddetto tipo tardivo (tipo IV).

In alcuni casi, la dieta può influenzare i sintomi. Un medico ha effettuato la diagnosi in base ai sintomi e con l'aiuto di un test allergologico (patch test). Se è certo che c'è un'allergia al nichel, il contatto con questo materiale dovrebbe essere evitato il più possibile. Agenti antinfiammatori, ad esempio in unguenti o creme, e nei casi più gravi le compresse che sopprimono la risposta immunitaria alleviano i sintomi. In consultazione con il medico, una dieta a basso contenuto di nichel può essere utile, tra le altre cose.

Cos'è un'allergia al nichel?

In caso di allergia al nichel, il sistema di difesa del corpo (sistema immunitario) reagisce al nichel - dopo il contatto con oggetti contenenti nichel. Le difese del corpo classificano "erroneamente" il nickel come un pericoloso intruso che deve essere combattuto. La cosiddetta sensibilizzazione di tipo IV al nichel è l'allergia più comune agli allergeni da contatto in Germania e si manifesta nella popolazione con una frequenza intorno al 15%, per cui le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite rispetto agli uomini. Tuttavia, le allergie al nichel sono diventate più rare in questo paese da quando è stato implementato un regolamento nel 1994 che ha lo scopo di ridurre l'esposizione al nichel. Oggetti come gioielli possono rilasciare solo una certa quantità di nichel, vale a dire non più di 0,5 µg di nichel per centimetro quadrato a settimana.

Come già accennato, l'allergia al nichel è una delle cosiddette allergie da contatto: a contatto con oggetti contenenti nichel, il sudore leggermente acido della pelle può sciogliere gli ioni di nichel da un metallo. Questi poi penetrano nello strato corneo della pelle, la barriera fisica della pelle. Nelle persone con una predisposizione corrispondente, il sistema immunitario, la cosiddetta difesa del corpo, reagisce a questi ioni di nichel. Un'allergia al nichel è preceduta da una fase di cosiddetta sensibilizzazione, in cui le cellule immunitarie imparano a riconoscere il nichel come nocivo ea reagire ad esso. Quando la pelle viene nuovamente a contatto con la pelle, si verifica una reazione difensiva con la tipica eruzione cutanea locale e, in casi molto rari, generalizzata.

Il nichel è un metallo vitale per il corpo come oligoelemento, poiché è necessario per il funzionamento di alcuni enzimi. Tuttavia, il nichel è dannoso in quantità maggiori. Il nichel assorbito attraverso il cibo entra nel sangue, si lega a determinate proteine, in parte immagazzinato e in parte escreto nelle urine. Il nichel irrita la pelle di quasi tutti quando viene applicato in alte concentrazioni. In caso di allergia al nichel, tuttavia, una piccola quantità di nichel è sufficiente per innescare una reazione eczema (infiammazione) sulla pelle.

Come si verifica un'allergia al nichel?

Gli ioni di nichel sono in realtà troppo piccoli per essere riconosciuti dalle cellule immunitarie della pelle. Ma il nichel ha la proprietà di formare un legame con alcune proteine. In questo modo, la sostanza può attivare speciali cellule di difesa della pelle. Rilasciano sostanze messaggere che provocano una reazione infiammatoria (un eczema allergico) sulle aree stesse della pelle che sono venute a contatto con il nichel. Fondamentalmente, anche piccole quantità di nichel possono essere sufficienti per causare un eczema allergico. Fortunatamente, i cambiamenti della pelle sono di solito solo da lievi a moderati e associati a un lieve prurito. Gli ioni di nichel si dissolvono nel sudore e penetrano nella pelle. Il danno cutaneo preesistente aumenta il rischio di sviluppare un'allergia al nichel.

Dove si trova il nichel?

Il nichel si trova come elemento chimico nelle leghe o può essere trovato come particella carica (catione) in composti chimici (sali, complessi). Il nichel è diffuso nell'ambiente ed è in gran parte lavorato industrialmente. Ad esempio, può essere trovato in bigiotteria, montature per occhiali, monete, bottoni, chiusure, vernici, protesi, batterie e vari oggetti e materiali. Le ordinanze regolano la quantità di nichel, ad esempio da piercing o bigiotteria, che può passare sulla pelle. Il contatto professionale della pelle con le superfici che rilasciano nichel si verifica, ad esempio, nella galvanica o durante l'assemblaggio di parti nichelate.

Il nichel si trova anche negli alimenti, nelle piante e nelle sigarette. Ad esempio, quantità maggiori possono essere trovate nel cacao, tè nero, caffè, cozze, noci, legumi e cereali integrali.

Sintomi

Le allergie al nichel sono tra le allergie da contatto. Solo poche ore o giorni dopo il contatto con oggetti che rilasciano nichel (esposizione) le aree interessate della pelle iniziano ad arrossarsi, trasudare o prudere. Tipicamente si formano piccoli noduli (papule) e vescicole. Questo eczema allergico da contatto si sviluppa generalmente solo nelle aree che sono state esposte al nichel. Ad esempio, la pelle vicino all'ombelico si infiamma se una fibbia della cintura ha innescato l'allergia. Inoltre, possono verificarsi cambiamenti della pelle anche sul viso, ad esempio a causa della diffusione con le mani o della contaminazione dei cosmetici applicati. I cambiamenti di pelle guariscono da soli in seguito, a condizione che la pelle non venga ulteriormente a contatto con il nichel.

Cambiamenti permanenti della pelle, eczema allergico cronico da contatto, si verificano solo con il contatto frequente o costante con il nichel. La pelle si sfalda, si lacera e si infiamma in alcuni punti e si ispessisce. In alcune zone diventa arrapato e ruvido.

Se vengono ingerite quantità maggiori di nichel con il cibo, l'eczema cutaneo può peggiorare in singoli casi con un'allergia al nichel.

Se le protesi sono il fattore scatenante per un'allergia al nichel, ci sono cambiamenti nella mucosa della bocca.

Anche se un'allergia al nichel è solitamente associata a un forte prurito, le aree infiammate non devono essere graffiate. Il graffio ritarda la guarigione e rende più probabili le infezioni.

È possibile utilizzare un patch test per determinare se è presente una sensibilizzazione al nichel

© Shutterstock / Neeila

Diagnosi: il patch test conferma il sospetto

Il primo punto di contatto è spesso il medico di famiglia. Può fare riferimento a uno specialista in malattie della pelle (dermatologo). Idealmente, questo ha la designazione aggiuntiva di allergologia.

Per determinare un'allergia al nichel, il medico chiede prima della storia medica. Vorrebbe sapere da quanto tempo esistono i cambiamenti della pelle, dove e in quali occasioni compaiono. Potresti già notare che, ad esempio, alcuni gioielli potrebbero essere il fattore scatenante dei reclami. Il medico esamina quindi le aree della pelle colpite.

La prova della sensibilizzazione al nichel è quindi possibile con il cosiddetto test epicutaneo: qui, il solfato di nichel viene attaccato alla pelle della schiena con un cerotto - insieme ad altre sostanze che possono scatenare un'allergia da contatto (come sali metallici, profumi, conservanti). In caso di ipersensibilità al nichel, la pelle reagisce dopo alcune ore nel punto esatto in cui è stato attaccato il solfato di nichel. Dopo 24 o 48 ore, il medico toglie il cerotto ed esamina i cambiamenti della pelle nel sito del test. Infine, il patch test viene solitamente valutato dopo 3-7 giorni.