OP o no: quando devono uscire le cisti?

Le bolle di tessuto possono formarsi ovunque nel corpo, ad esempio nei reni, nel fegato, nel cervello, nella tiroide, nel seno e nelle ovaie. La maggior parte di loro sono innocui. Quando è necessario un intervento

Ecco come si sviluppano le cisti: piccole cavità possono formarsi in tutti gli organi. Ad esempio, si riempiono di fluido tissutale attraverso il sistema linfatico. Quindi incapsulano

© W & B / Martina Ibelherr

Nei reni

Una persona su cinque di età superiore ai 60 anni ha piccole vesciche ai reni e di solito non ne sente nessuna. Le cisti renali sorgono spontaneamente. I medici non sanno ancora perché. La prevenzione non è possibile. Se il medico vede la cisti durante un esame ecografico, verrà osservata ulteriormente solo se appare evidente.

Una cisti renale non deve essere confusa con il rene ciste ereditario. Questo è spesso evidente dall'età di 30 anni. I primi sintomi, come dolore al fianco o sangue nelle urine, compaiono insieme all'ipertensione. Inoltre, queste cisti limitano la funzione di filtro dei reni.

Recentemente, la malattia può essere curata anche con farmaci, che limitano la crescita incontrollata delle cisti.

Nel fegato

Dopo i reni, di tutti gli altri organi interni, il fegato è più comunemente colpito. Ma anche qui il medico dà il tutto chiaro nella maggior parte dei casi: come i reni, quasi tutte le cisti del fegato sono innocue.

Sembra diverso con il quadro clinico del fegato cistico ereditario. Si verifica in pazienti che hanno anche reni cistici. Questo è un aumento patologico delle cisti. In questo caso è necessario un intervento chirurgico, di solito minimamente invasivo.

Nel petto

Nove donne su dieci sviluppano cisti al seno tra i 30 ei 50 anni, la maggior parte delle quali sono benigne. Si presentano nei cosiddetti lobuli della ghiandola mammaria quando il condotto di drenaggio è bloccato o bloccato. A seconda della loro estensione, possono essere dolorosi quando premono sul tessuto circostante. La dimensione varia in parte durante il ciclo.

Dal cervello alle ovaie: le cisti si formano in molte zone del corpo

© W & B / Martina Ibelherr

Ostetrici e ginecologi consigliano di tastare regolarmente il seno per i grumi. A seconda della posizione, della natura e delle dimensioni del seno, si può sentire un nodulo di un centimetro. "Ma non tutti i noduli significano cancro. Tuttavia, i risultati tattili dovrebbero essere sempre chiariti", consiglia la Cancer Society.

Se il ginecologo trova una ciste sospetta, può essere perforata. Il contenuto della vescica viene aspirato con un ago cavo ed esaminato. L'aspirazione riduce anche la pressione. Dopo che la cisti è stata svuotata, di solito viene riempita d'aria per evitare che entri.

Nelle ovaie

Il 98 percento di tutte le bolle di tessuto nelle ovaie sono follicoli, corpo luteo o cisti di luteina, che sono ormonali e regrediscono da sole. "Raramente diventano più grandi di sei pollici", afferma il dott. Herbert Mecke, primario della Clinica di Ginecologia della Clinica Vivantes Auguste Viktoria di Berlino. Vengono rimossi chirurgicamente in caso di grave disagio o dopo una rottura della cisti.

A volte c'è una cisti dell'endometriosi dietro di essa. Il rivestimento dell'utero, l'endometrio, si deposita nelle ovaie. "Queste cisti possono essere rimosse con una laparoscopia", afferma Mecke.

Circa un milione di donne soffre anche di sindrome dell'ovaio policistico. Le cisti ovariche, l'acne, i peli del corpo in eccesso e la glicemia alta sono sintomi di questa malattia metabolica che può portare alla sterilità.

Nella tiroide

Quasi un tedesco su tre ha un nodulo sulla ghiandola tiroidea. Ogni nodulo deve essere eliminato, ma raramente è un carcinoma. Il più delle volte, c'è un nodo di tessuto dietro di esso, che può produrre ormoni o una cisti innocua. Questa bolla di tessuto può crescere fino a un millimetro all'anno.

Dopo una tale scoperta, è spesso necessario attendere e seguire alcuni mesi dopo. Solo se compaiono sintomi, come una sensazione di pressione o dolore durante la deglutizione, o se la cisti cresce così tanto da essere visibile dall'esterno ed è esteticamente fastidiosa, deve essere rimossa chirurgicamente.

Una cisti può svilupparsi anche in altre ghiandole come il pancreas, ad esempio dopo un'infiammazione nota come pancreatite. Queste cavità piene di liquido si formano anche nel tessuto osseo e in organi come la ghiandola surrenale o la milza.

Nel cervello

Per lo più, le cisti cerebrali sono un raro reperto accidentale durante una risonanza magnetica o una TAC. "Le cisti asintomatiche normalmente non richiedono alcun trattamento", sottolinea il dott. Jörg Baldauf, medico senior presso la Clinica di Neurochirurgia dell'Università di Greifswald.

Tuttavia, a seconda del sedile e delle dimensioni, possono in casi molto isolati portare a mal di testa e anche a crisi epilettiche. "Allora diventa necessaria la cosiddetta finestratura", ha detto Baldauf. La vescica della cisti viene aperta in modo minimamente invasivo in modo che il fluido possa defluire.

Sotto la pelle

Sembra un brufolo ed è sodo: l'ateroma. La parola greca per semole di grano si riferisce a una cisti di sebo, precedentemente chiamata anche sacchetto di semole. Si verifica quando una ghiandola sebacea si ostruisce.

Questo è preferibilmente fatto su parti del corpo molto pelose come la testa o il collo. Questi ateromi sono molto comuni, ma non hanno conseguenze sulla salute. Colpisce principalmente gli uomini.

I nodi inizialmente piccoli sono costituiti da grasso, cristalli di grasso e cellule epidermiche e possono avere le dimensioni di una prugna. Gli ateromi causano dolore solo se si infiammano, si arrossano e continuano a gonfiarsi.

In tal caso, dovrebbero essere rimossi chirurgicamente. Gli esperti sospettano che una dieta ricca di carboidrati e anche ricca di grassi possa favorire la formazione di tali cisti di sebo.