Il governo prepara la regolamentazione delle eccezioni per le persone vaccinate

Coloro che sono vaccinati contro il Covid-19 proteggono anche il pubblico in generale: le persone completamente vaccinate probabilmente non sono più ad alto rischio di infezione. Ciò rende possibile più libertà

Per coloro che sono stati completamente vaccinati contro il Covid-19 e per coloro che sono guariti, il governo federale ritiene che dovrebbero esserci alcune eccezioni alle restrizioni di contatto e di uscita applicabili. Ciò emerge da un documento sulle questioni chiave concordato sabato in seno al governo, preparato dalla cancelliera Angela Merkel con i capi di governo degli stati federali in preparazione del vertice sulle vaccinazioni previsto lunedì.

L'autorità decisionale qui spetta al governo federale. Tuttavia, l'emendamento alla legge sulla protezione dalle infezioni stabiliva che il Bundestag e il Bundesrat dovevano approvare tali modifiche. Tuttavia, non è stato ancora stabilito quando un progetto di ordinanza corrispondente sarà adottato dal gabinetto.

Agevolazione delle regole di ingresso, acquisti, servizi

Nel documento, che è a disposizione dell'Agenzia di stampa tedesca, si legge, per quanto riguarda le norme di ingresso, l'accesso a negozi e determinati servizi, dovrebbero essere fornite le persone che sono state vaccinate contro il Covid-19 e quelle che sono guarite. si applicano le stesse eccezioni previste per un periodo di sette giorni -Incidenza superiore a 100 per i risultati negativi al coronavirus. Tuttavia, non dovrebbe essere concesso alcun sollievo quando si entra dalle cosiddette aree con varianti virali.

"A seconda dell'evoluzione della situazione di infezione, del tasso di vaccinazione e delle conoscenze scientifiche sul rischio di infezione per le persone vaccinate, convalescenti e testate, in futuro dovranno essere fatte ulteriori eccezioni alle misure di protezione", è registrato nella chiave emette carta. Tuttavia, l'obbligo di indossare una copertura per bocca e naso o il requisito della distanza continuerebbe ad applicarsi alle persone vaccinate, convalescenti e testate per un periodo di tempo più lungo.

Eccezioni alle restrizioni sui contatti

Nello specifico, si propone di fare delle eccezioni in materia di restrizioni di contatto per coloro che sono stati vaccinati con un vaccino approvato nell'UE e per coloro che sono guariti, soprattutto nelle strutture della comunità come le case di cura e di riposo.

"Dovrebbero essere previste anche adeguate eccezioni nel settore delle restrizioni all'uscita". Tuttavia, secondo il governo federale, le esenzioni da fare per vaccinati e convalescenti non danno diritto all'apertura di alcune strutture - come musei o piscine.

Chi è considerato guarito?

Le persone che hanno recuperato dovrebbero quindi essere considerate "che possono dimostrare un risultato positivo del test PCR da almeno 28 giorni". Ciò si applica fino a sei mesi dopo che il recupero è stato stabilito, poiché per quel periodo si può assumere una protezione immunitaria sufficiente.

Le interferenze con i diritti fondamentali vengono eliminate

Nel documento, che deve essere discusso con gli stati federali e che serve a preparare un'ordinanza legale ai sensi della legge sulla protezione dalle infezioni, viene espressamente sottolineato che il sollievo e le esenzioni per determinati gruppi di persone non riguardano la concessione di diritti o privilegi speciali , ma piuttosto su di loro Abrogazione di violazioni dei diritti fondamentali non più giustificate ».

Il ministro della Giustizia federale Christine Lambrecht ha dichiarato al "Handelsblatt": "Se è certo che una vaccinazione non solo protegge dalle malattie, ma può anche prevenire l'ulteriore trasmissione del virus, questo deve essere preso in considerazione nelle misure". Questo non è un privilegio per le persone vaccinate, ma un requisito della costituzione. Lambrecht ha fatto riferimento al nuovo regolamento della legge sulla protezione dalle infezioni. Secondo ciò, il governo federale è stato espressamente autorizzato a “stabilire regolamenti speciali, eccezioni e sgravi per le persone che dovrebbero essere immunizzate contro il coronavirus”.

La protezione dalla vaccinazione si applica 15 giorni dopo l'ultima vaccinazione

A metà aprile, il Robert Koch Institute ha dichiarato che, sulla base delle conoscenze attuali, il rischio di trasmissione del virus da parte di persone completamente vaccinate non era più tardi del 15 ° giorno dopo la somministrazione della seconda dose di vaccinazione - o nel caso di Johnson & Johnson vaccino dopo la somministrazione della prima e unica dose di vaccinazione inferiore rispetto a se un test rapido negativo fosse stato trovato in persone infette senza sintomi.

"È giunto il momento che le consultazioni dello stato federale di lunedì portino al tavolo i diritti di libertà per le persone vaccinate", ha detto il portavoce per la politica interna del gruppo parlamentare FDP, Konstantin Kuhle. A lui è incomprensibile, "perché il governo federale esce di scena con le sue proposte solo dopo l'adozione del cosiddetto freno di emergenza federale".