Per la giornata del dipartimento della salute

I politici hanno recentemente sostenuto il servizio sanitario pubblico con molto denaro. Ma ci sono dubbi sul fatto che i doni di Berlino risolveranno i problemi a lungo termine

© W & B / Nina Schneider

Cosa fanno effettivamente le persone che lavorano nei dipartimenti sanitari? Non tutti lo sanno per certo. La pandemia della corona si sta attualmente concentrando principalmente sulla protezione dalle infezioni. Ma questo è solo uno dei tanti compiti del servizio sanitario pubblico, o ÖGD in breve. Questi vanno dal monitoraggio dell'acqua potabile o dell'igiene nelle strutture di assistenza agli esami di ammissione alle scuole all'assistenza medica per le persone socialmente svantaggiate, compresi i bambini e i giovani. In realtà, l'ÖGD è quindi un pilastro importante del nostro sistema sanitario. Eppure ha condotto a lungo un'esistenza oscura.

Ha salvato le autorità sanitarie tedesche per anni

Poi è arrivata Corona. Le autorità sanitarie trascurate sono diventate fari di speranza. Sono "il fulcro della lotta contro Corona", ha sottolineato il ministro federale della Sanità Jens Spahn. “L'attenzione è buona. Sfortunatamente, negli ultimi anni non si era mai fermata abbastanza a lungo per migliorare la situazione ", dice Gudrun Widders, capo del dipartimento della salute nel quartiere berlinese di Spandau.

Per molto tempo molti uffici sono stati carenti di personale qualificato: "Negli ultimi anni in alcuni luoghi sono stati salvati molti compiti", dice Widders, che è anche coinvolto con l'associazione statale dei medici nel servizio sanitario pubblico degli stati di Brandeburgo e Berlino.

La Merkel annuncia il sostegno finanziario

A settembre, la cancelliera Angela Merkel ha incontrato medici e sindaci per discutere del futuro della salute pubblica. È stato annunciato un "Patto per la sanità pubblica". Il governo federale vuole portare avanti il ​​progetto con oltre quattro miliardi di euro entro il 2026. Volevano "prendere un sacco di soldi in mano", ha detto in seguito il Cancelliere. Dott. Ute Teichert, presidente dell'Associazione federale dei medici del servizio sanitario pubblico (BVÖGD) ha definito il patto "un'opportunità storica".

I numeri sembrano buoni: entro il 2022 verranno creati 5mila nuovi posti di lavoro per medici, personale specializzato e amministrativo.La nuova tecnologia dovrebbe aiutare a "rendere il lavoro dell'ÖGD più efficiente e accelerare i processi", come viene chiamato. Il fatto che i dati sull'infezione della corona siano ancora inviati via fax in Germania è stato ripetutamente citato in politica come prova della mancanza di digitalizzazione e networking.

È abbastanza per tutti?

Ma ci sono dubbi se il patto da solo basterà a sopperire a tutti i fallimenti. Questo ha anche a che fare con la struttura dell'ÖGD. Le circa 400 autorità sanitarie differiscono a seconda dello stato o del distretto. Anche con lo staff, afferma il dott. Peter Tinnemann, che conduce ricerche presso l'Istituto di medicina sociale, epidemiologia ed economia sanitaria della Charité di Berlino: "Distribuire molti soldi secondo il principio dell'annaffiatoio non risolverà i problemi esistenti a causa delle diverse attrezzature delle autorità sanitarie . "

È difficile dire dove sia maggiore il bisogno. Non esiste un'istituzione sovraordinata che registri quante persone lavorano attualmente nel servizio sanitario pubblico. Questo è il motivo per cui non ci sono informazioni affidabili su quale ufficio abbia più urgentemente bisogno di aiuto dal patto.

I dati incoerenti creano confusione

E anche i compiti che gli uffici svolgono sono incoerenti. Anni fa, Berlino ha iniziato a registrare tutti i compiti delle autorità sulla base delle leggi federali e statali. Ciò significa che Berlino è l'unica città finora ad avere un cosiddetto "ufficio sanitario modello". Una base di pianificazione importante che finora è mancata ad altri comuni.

Esistono già diverse risposte alla domanda su quanti professionisti medici sono attualmente attivi nel servizio pubblico. Da parte dei datori di lavoro, cioè distretto e consiglio comunale, si parla di circa 2.900 medici a tempo pieno. Secondo i dati dell'Associazione medica tedesca, ci sono solo 2.561 medici che lavorano nell'ÖGD.

Disparità nella distribuzione degli stipendi

Il fatto che il sindacato dei medici del Marburger Bund stia discutendo con i comuni su tali numeri ha a che fare con un conflitto in corso sull'ÖGD. Finora, gli specialisti dei dipartimenti sanitari hanno guadagnato meno dei medici che lavorano in un ospedale municipale. Il Marburger Bund mette la differenza di stipendio a 1.500 euro al mese. Ecco perché Teichert di BVÖGD dice anche che questo è "esplosivo" che non può essere eliminato con il solo patto.

Da parte dei datori di lavoro, ovvero dei comuni, è stata finora rifiutata una tariffa extra per i medici. La paura: una tale regolamentazione potrebbe anche innescare la cupidigia tra altri gruppi nel servizio pubblico. L'Associazione delle associazioni municipali dei datori di lavoro (VKA) non vede alcun motivo per negoziare con il sindacato medico. "Questi regolamenti di contrattazione collettiva sono appropriati per il servizio sanitario pubblico e sono stati provati e testati per molti anni", ha detto una portavoce dell'VKA.

Le differenze di stipendio scoraggiano i giovani medici

I medici considerano tali dichiarazioni come pura presa in giro. Sono convinti: se non cambia nulla nel pagamento, anche il "Patto per l'ÖGD" potrebbe fare poco. Per anni, l'ÖGD è stata afflitta da giovani medici tra i medici. Spesso le posizioni rimangono vacanti per molto tempo quando i colleghi più anziani vanno in pensione, dice Gudrun Widders da Berlino: "Le differenze di stipendio spaventano i giovani colleghi di cui abbiamo urgente bisogno".

Nella Renania settentrionale-Vestfalia e nella Renania-Palatinato, il Marburger Bund vuole negoziare direttamente con 78 sindaci responsabili. Ute Teichert spera che il patto multimiliardario possa aiutare finalmente a "scuotere i comuni": "Ora nessuno può dire che questo è troppo costoso".

Coronavirus