Come riconoscere l'origine della carne

Da quale azienda proviene la mia carne? Senza ulteriori ricerche, i consumatori difficilmente potranno scoprirlo. E la ricerca fallisce anche completamente nel caso di prodotti animali finiti

I consumatori possono trovare le prime indicazioni dell'origine dei prodotti a base di carne sulla confezione

© Plainpicture GmbH

Le notizie sui focolai di corona nei macelli tedeschi sono sconvolgenti: come fanno i consumatori a sapere da quale azienda proviene la carne che acquistano? E puoi essere infettato attraverso la carne?

Ricerca nel database con numero di approvazione

La prima indicazione dell'origine è l'etichetta ovale sulla confezione, riferisce il centro di consulenza per i consumatori della Renania settentrionale-Vestfalia.

Indica in quale paese dell'UE, ad esempio DE per la Germania, e in quale stato federale il prodotto è stato elaborato o confezionato per ultimo. Ad esempio, NW sta per North Rhine-Westphalia. Con l'aiuto del numero di approvazione a cinque cifre, l'operazione può essere determinata tramite una banca dati dell'Ufficio federale per la protezione dei consumatori e la sicurezza alimentare (BVL).

Se, ad esempio, non è presente un numero a cinque cifre sulla confezione, i consumatori possono anche inserire il nome dell'azienda nel database e visualizzare i numeri dell'azienda associata. Tuttavia, questa ricerca raggiunge i suoi limiti quando si tratta di alimenti trasformati o prodotti finiti: qui, l'origine dei singoli ingredienti è difficilmente rintracciabile per i consumatori.

Probabilmente nessuna infezione da SARS-CoV-2 attraverso il cibo

Per quanto riguarda il rischio di infezione attraverso la carne: finora non ci sono prove scientifiche che le persone possano essere infettate dal coronavirus attraverso il consumo o attraverso il contatto con alimenti contaminati, spiega Bernhard Burdick, esperto di nutrizione presso il centro di consulenza per i consumatori del Nord Reno-Westfalia. Anche la trasmissione della malattia attraverso le superfici è molto improbabile, poiché i virus sono solo scarsamente stabili nell'ambiente.

Fondamentalmente: la carne non deve essere consumata cruda, ma solo ben riscaldata, indipendentemente dal macello da cui proviene. Altri suggerimenti per la scelta della carne:

Qualità della carne: i consumatori riconoscono la carne fresca dal suo odore, superficie, colore e marezzatura. Chi opta per la carne biologica sostiene l'allevamento rispettoso degli animali.

Raffreddamento continuo: la carne cruda deve essere trasportata e conservata in un luogo fresco, nel migliore dei casi non più caldo di 4 gradi Celsius. Borse termiche e batterie ricaricabili sono adatte per il trasporto. I germi patogeni presenti sulla superficie della carne possono quindi moltiplicarsi solo lentamente. D'altra parte, molti batteri si moltiplicano particolarmente rapidamente tra 10 e 65 gradi Celsius, compresi quelli che possono causare infezioni alimentari come la diarrea.

Conservazione: il posto migliore per la carne nel frigorifero è la lastra di vetro sopra lo scomparto delle verdure. Nel caso di carni confezionate del supermercato che vengono conservate in frigorifero per più di un giorno, va rispettata la temperatura di refrigerazione consigliata sulla confezione - spesso massimo due gradi -. In caso contrario, la data di scadenza non è più valida.

La carne disimballata dal macellaio deve essere preparata lo stesso giorno o al più tardi il giorno successivo. Se la carne deve essere preparata in un secondo momento, è meglio congelarla nel frattempo o acquistare merce confezionata.

Preparazione in cucina: La carne cruda deve essere tolta dal frigorifero solo poco prima della preparazione. La carne non deve essere lasciata a lungo in tavola non refrigerata. Se hai una quantità maggiore di carne, usane prima una piccola quantità e, se necessario, prendi di più dal frigorifero.

Inoltre, la carne cruda non deve mai entrare in contatto con altri alimenti non più riscaldati. Ciò è particolarmente vero per la carne di pollame cruda: questa è particolarmente spesso contaminata da batteri patogeni ed è molto deperibile. Chiunque abbia toccato la carne cruda dovrebbe quindi lavarsi accuratamente le mani e asciugarle prima di toccare qualsiasi altra cosa.