Perché stiamo sbadigliando?

Stanchezza, noia, fame, stress: lo sbadiglio si verifica in un'ampia varietà di situazioni. Quale scopo questo serva è ancora un mistero per la scienza

Attenzione: sbadigliare è contagioso

© F1online / JGI Grill / Blend Images

Hai dovuto sbadigliare? È del tutto possibile che le primissime righe di questo testo suscitino il desiderio di spalancare la bocca e inspirare ed espirare profondamente. Vedi, lo sbadiglio è così contagioso che può essere attivato non solo guardandolo o ascoltandolo, ma anche leggendo la parola o semplicemente pensandoci.

Rischio di contagio per vicinanza emotiva

Il fenomeno può essere osservato ancora meglio nei gruppi: "Se qualcuno inizia a sbadigliare, la maggior parte dei presenti seguirà presto", afferma Jürgen Zulley, professore di psicologia biologica all'Università di Regensburg ed ex capo del centro di medicina del sonno presso il università e clinica distrettuale lì.

Presumibilmente gli effetti contagiosi dello sbadiglio hanno qualcosa a che fare con l'empatia. La ricerca mostra che le persone molto compassionevoli sbadigliano più velocemente di quelle che hanno difficoltà a entrare in empatia con gli altri.

Lo sbadiglio si diffonde dagli esseri umani agli animali

In uno studio dell'Università di Pisa è stato inoltre dimostrato che la vicinanza emotiva allo sbadiglio gioca un ruolo determinante nell'effetto contagioso. È quindi molto più facile essere infettati da familiari, amici e conoscenti che da estranei.

A proposito: la voglia di sbadigliare viene trasmessa anche dall'uomo agli animali. "Gli studi dimostrano che anche i cani intorno alle persone che sbadigliano iniziano a farlo", dice Zulley. Studi di follow-up mostrano che questo effetto è tanto più pronunciato quando gli animali conoscono le persone. I ricercatori vedono questo come una prova che anche i cani hanno empatia.

Anche lo stress, la noia o la fame possono essere fattori scatenanti

Quando qualcuno sbadiglia, ad altri piace sbadigliare, su questo non c'è dubbio. Oltre a numerosi studi scientifici, la nostra esperienza quotidiana dimostra questo fenomeno. La domanda sul perché, invece, è più difficile da rispondere: lo sbadiglio può essere utilizzato per trasmettere l'umore e sincronizzare i gruppi.

Secondo il motto: se tutti sono più o meno stanchi o svegli allo stesso tempo, questo serve alla coesione sociale. Tuttavia, questa spiegazione dall'etnologia ignora il fatto che non sbadigliamo solo quando siamo stanchi. "Lo stress, la noia o la fame sono anche noti fattori scatenanti", afferma Zulley. Sono noti casi di paracadutisti che devono sbadigliare prima di saltare. Anche prima di esami importanti, alcune persone aprono la bocca: neanche la stanchezza può spiegare.

Tanti tentativi di spiegazione, nessuna risposta

Per decenni, gli scienziati hanno rintracciato le ragioni dello sbadiglio. Ciò ha portato a una serie di spiegazioni, ma non c'è ancora una risposta definitiva. Ad esempio, l'ipotesi dell'ossigeno è stata popolare per molto tempo ed è ancora utilizzata oggi come spiegazione per lo sbadiglio. È stato smentito da tempo: già nel 1987, lo psicologo statunitense Robert Provine ha dimostrato in un esperimento che l'apporto di ossigeno non aveva alcuna influenza sulla frequenza degli sbadigli.

La convinzione che sbadigliare ti svegli è altrettanto persistente. Tuttavia, uno studio dalla Svizzera mostra che non vi è alcuna differenza nell'attività cerebrale prima e dopo lo sbadiglio. Tuttavia, molti ricercatori ritengono che sbadigliare serva a tenersi svegli o ad aumentare la vigilanza. Questa tesi è supportata dall'osservazione che spesso sbadigliamo in situazioni noiose o con attività costanti.

Inoltre, lo sbadiglio è anche uno stiramento e uno stiramento. "Aumentare l'attenzione è il minimo comune denominatore quando si cerca di spiegare lo scopo biologico dello sbadiglio", afferma Zulley. Questo sembra plausibile: se sbadigliare effettivamente servisse ad aumentare la consapevolezza, avrebbe senso sia in situazioni stressanti che noiose.

Sbadigliare raffredda il cervello?

Un'altra spiegazione si basa sul fatto che lo sbadiglio viene utilizzato per la termoregolazione nel cervello. Gli psicologi americani sono stati in grado di dimostrare in un esperimento sugli animali nel 2010 che i topi sbadigliavano quando la temperatura nel loro cervello aumentava.

Sbadigliare lo fece cadere di nuovo. Sulla base di questa ipotesi, i ricercatori hanno condotto studi sull'uomo: se la temperatura esterna era più alta della temperatura corporea, le persone osservate sbadigliavano meno spesso. Un altro studio ha osservato che in estate si verificano più sbadigli.

Questo approccio esplicativo lascia anche molte domande senza risposta. Tuttavia, ci sono suggerimenti contro lo sbadiglio che si basano su di esso, ad esempio: se ti metti un panno fresco sulla fronte, si dice che sei meno facilmente infettato dallo sbadiglio degli altri.

Sbadigliare non è considerato così importante

"Poiché lo sbadiglio è poco rilevante per la salute, non è stato ancora ben studiato", afferma Zulley. Dopotutto: nel giugno 2010, scienziati di tutto il mondo si sono incontrati per la prima volta a Parigi per un congresso sbadigliante e lì si sono scambiati i risultati delle loro ricerche. Quindi qualcosa sta accadendo nella ricerca. "Ma ci vorrà sicuramente del tempo prima che lo sbadiglio sia davvero decifrato", dice Zulley. "Fino ad allora, rimarrà semplicemente un comportamento strano e sconcertante."