Cosa comporta la fine della prioritizzazione della vaccinazione?

La campagna di vaccinazione corona sta già riprendendo notevolmente. Tra poche settimane, le linee guida che assicurano ancora la priorità per alcuni gruppi a rischio verranno abbandonate. Questo porterà la svolta decisiva?

È una data che molti stanno aspettando con impazienza dopo mesi estenuanti nella pandemia della corona: al più tardi entro giugno, tutte le persone in Germania dovrebbero essere in grado di essere vaccinate, come ha annunciato la cancelliera Angela Merkel (CDU). Quindi dovrebbe terminare la cosiddetta prioritizzazione, che finora definisce una sequenza di chi si mette al lavoro e quando.

La data esatta per questo non è ancora chiara e dipende anche da come vengono somministrati i vaccini in modo affidabile. Una panoramica di importanti domande e risposte:

Perché esiste una priorità?

C'erano e ci sono molte critiche all'ordine ufficialmente fissato. Ma il ministro della Salute Jens Spahn (CDU) difende lo strumento: "Salvare vite umane non è una burocrazia". Lo scopo è quello di riservare il vaccino inizialmente scarso alle persone con il più alto rischio di decorso corona grave e fatale: i vecchi, i malati cronici e molti gruppi professionali con alti livelli di rischio di infezione che non possono recarsi in ufficio a casa.

Dopo i primi due gruppi prioritari, al terzo e ultimo gruppo dovrebbero essere offerte le vaccinazioni a maggio. Non esiste un quarto gruppo, quindi tutti hanno un turno.

Qual è il programma di vaccinazione per tutti?

Dopo il vertice sulle vaccinazioni con gli stati federali di lunedì, la Merkel ha pianificato che non tutti avrebbero potuto fare un'iniezione in un colpo solo a giugno. Ognuno potrebbe poi occuparsi degli appuntamenti in estate.

Quando arriverà esattamente il momento, dipenderà anche dalla rapidità con cui procederanno le vaccinazioni del terzo gruppo di priorità a maggio. Le parti interessate stanno già entrando in contatto in molte pratiche. I medici dell'assicurazione sanitaria ti consigliano di informarti via e-mail piuttosto che al telefono.

Com'è lo stato delle vaccinazioni al momento?

Non mancano medici disposti a vaccinare e capacità nei centri di vaccinazione. Ma c'è ancora molto meno vaccino disponibile di quello che potrebbe essere iniettato. Ad esempio, attualmente ci sono fino a 36 dosi di vaccino Biontech / Pfizer a settimana e fino a 50 dosi di Astrazeneca per studio medico.

Il numero totale di dosi somministrate giornalmente oscillava nei giorni feriali tra 707.000 e 395.000. Al 23,9% delle persone in Germania è stata ora somministrata almeno una dose di vaccino. Il 7,3% ha entrambe le cose, ovvero 6 milioni di persone.

Come deve continuare la campagna di vaccinazione?

Secondo Spahns, una persona su quattro sarà vaccinata all'inizio di maggio e una su tre entro giugno. Già oggi ci sono sempre meno lattine inutilizzate nelle scorte, secondo il dipartimento di Spahn. I medici dell'azienda dovrebbero aderire alla campagna di vaccinazione a partire da giugno.

Perchè così tardi?

"Ciò è dovuto alla quantità di vaccino", ha affermato un portavoce di Spahn. Nelle aziende, coloro che non sono rigorosamente contrari alle vaccinazioni, ma preferirebbero non agire da soli, dovrebbero quindi essere raggiunti più intensamente. La Merkel ha assicurato che a tutti dovrebbe essere offerta una vaccinazione entro la fine dell'estate, il 21 settembre.

Cosa fanno le vaccinazioni per tutti?

Molti sperano che questa sia l'ultima svolta sulla via d'uscita dalla pandemia e dalle restrizioni quotidiane. L'Istituto Robert Koch si aspetta l'immunità di base in Germania, non l'eradicazione del virus. Non tutti saranno vaccinati o potranno essere vaccinati. E possono sempre esserci nuove mutazioni virali.

Ma tutto questo può essere affrontato meglio. È prevedibile che coloro che sono stati vaccinati e coloro che sono guariti dal Covid-19 non saranno più soggetti a restrizioni di libertà nella misura attuale. Un'ordinanza corrispondente sarà avviata nel Gabinetto federale la prossima settimana e approvata dal Bundestag e dal Bundesrat entro la fine di maggio.

A che distanza sono le vaccinazioni per gli anziani particolarmente minacciati?

Questo gruppo è particolarmente importante: comportano un rischio particolarmente elevato di malattie gravi. Nella generazione 60+, il tasso di persone con almeno una vaccinazione varia dal 43% in Turingia al 63% a Brema. In questa fascia di età, solo il 14% circa nel Meclemburgo-Pomerania occidentale e il 22% a Brema hanno una protezione vaccinale completa.

Quali sono le preoccupazioni con una rapida autorizzazione alla vaccinazione?

La Fondazione tedesca per la protezione dei pazienti mette in guardia contro alimentare una regola di rilascio dei vaccini. Medici di base e centri di vaccinazione sono stati "bombardati" di richieste di informazioni e molti hanno chiesto una vaccinazione immediata, ha detto il membro del consiglio Eugen Brysch. A causa di quantità insufficienti di vaccino, crea frustrazione. E: "Una corsa di levrieri significa che alla fine vince sempre il più forte".

L'associazione sociale VdK ha avvertito che molti anziani e malati erano ancora in attesa di appuntamenti. Alcuni non possono essere vaccinati per motivi medici e non esiste ancora un vaccino per i bambini. Pertanto, un attuale test negativo deve rimanere un modo per partecipare ad appuntamenti di parrucchiere o visite ai nonni.

La campagna di vaccinazione sta andando più lentamente del previsto?

No. Già tre settimane prima dell'inizio della campagna di vaccinazione, Spahn ha dato la prognosi a dicembre che le priorità potrebbero essere sempre più allentate entro l'estate e che ci sarebbero abbastanza vaccini per le vaccinazioni di massa in estate. A metà marzo, ha detto che sarebbero passate alcune settimane prima che i gruppi a rischio fossero completamente vaccinati. "Solo allora potremo parlare di più ampie aperture nella società".

Funzionerà con le vacanze estive?

Dipende da. Più tardi viaggi o più spontaneamente puoi reagire alla pandemia, più è facile. Al momento si applicano ancora le regole di quarantena e, in caso di viaggio aereo, gli obblighi di verifica al ritorno a casa.

Il gruppo turistico Tui, ad esempio, vuole offrire di nuovo viaggi a Ibiza e Formentera dal 1 ° maggio oltre a Maiorca. Seguiranno l'Algarve portoghese, Creta, Rodi, Kos, Corfù e altre destinazioni. FTI Touristik considera possibili vacanze estive prive di rischi a Maiorca, Cipro e Malta.

Coronavirus vaccinazione infezione