Cosa c'è dietro i disturbi anali

Dolore all'ano? Strana sensazione durante la defecazione? Perché è importante superare la vergogna se hai problemi e consultare un medico se hai disturbi anali

Nel suo studio a Nittendorf, nell'Alto Palatinato, Frederik Mader a volte vede selfie straordinari - da una regione del corpo che non è una vista quotidiana: l'ano. Chiunque abbia problemi lì vuole sapere cosa sta succedendo. Hai bisogno di uno specchio o di uno smartphone per questo.

Ciò che la fotocamera del telefono cellulare registra viene quindi presentato al medico. Per lo più sono grumi gonfi con sangue congestionato delle dimensioni di un nocciolo di ciliegia sull'ano. Le persone colpite spesso riescono a malapena a sopportare il dolore e sono in uno stato di agitazione. È un tumore? Come ti sbarazzi di quelle cose sui glutei? Il medico generico Mader di solito rassicura "una storia innocua che passerà di nuovo". E molti pazienti stanno meglio con questo.

Dott. Frederik Mader, medico di base di Nittendorf

© W & B / Ulrike Frömel

Trombosi della vena anale: innocuo coagulo di sangue sull'ano

I noduli sono trombosi della vena anale, spesso denominate erroneamente emorroidi. Costituiscono circa un quarto di tutti i disturbi dell'ano diagnosticati. Ci sono coaguli di sangue innocui nei vasi che compaiono quasi sempre all'improvviso. Mader: "Puoi solo aspettare che vada via da solo e prendere pomate e pillole antinfiammatorie e antidolorifiche per tutto il tempo."

Tuttavia, se la trombosi della vena anale diventa più grande, devono essere rimosse. "Questo viene fatto in anestesia locale", spiega Mader. La ferita quindi rimane aperta in modo che la secrezione possa defluire. L'area viene lavata dopo ogni movimento intestinale. Questo dovrebbe risolvere il problema dopo alcuni giorni.

Prevenire il dolore anale con feci molli

La causa della trombosi non può essere chiarita con precisione. Probabilmente una seduta difficile in bagno è stata preceduta da tante pressioni. Una forte pressione interrompe il flusso sanguigno nelle vene, causando un coagulo.

L'unica misura preventiva possibile è mantenere le feci morbide, generalmente il miglior consiglio per prevenire i disturbi anali. "Le persone che mangiano più diete ricche di fibre, cioè, mangiano meno carne e più verdure, hanno meno problemi rettali. Molti disturbi anali sono tipici della nostra società benestante", afferma il coloproctologo di Friburgo Dr. Bernhard Strittmatter. Gli alimenti a basso contenuto di fibre portano a feci spesse. Lo stesso vale per lo sport e l'esercizio troppo poco nella vita di tutti i giorni.

Ma anche con una sedia progettata in modo ottimale, non tutti i disturbi anali possono essere evitati. Se le emorroidi, i cuscinetti vascolari negli ultimi centimetri del retto, si ingrandiscono, l'80 per cento di questo è dovuto a una debolezza dei tessuti genetici e può essere semplicemente un sintomo della vecchiaia, come spiega Strittmatter.

Le ragadi anali causano dolore acuto durante i movimenti intestinali

Più dolorose di molti problemi di emorroidi sono le ragadi anali, che costituiscono anche circa un quarto di tutti i disturbi anali. Le piccole crepe nell '"anoderma", la pelle sensibile dell'ano, si verificano principalmente nei pazienti più giovani.

Ad esempio con gli studenti durante il periodo stressante degli esami. Spesso mangiano male, bevono troppo poco, rendono le feci dure e premono sul water. La pelle anale si strappa e il dolore aumenta la tensione nello sfintere. Ciò riduce il flusso sanguigno al retto e impedisce la guarigione di piccole ferite.

"Una particella dura nel letame si graffia molto facilmente e la fessura diventa sempre più grande", spiega Mader. Di conseguenza, ogni movimento intestinale provoca un dolore acuto. Gli unguenti possono alleviare un po 'il dolore e promuovere la guarigione. Altri rari fattori di rischio per le ragadi anali sono gli antibiotici e la chemioterapia, che rendono la pelle più sensibile, e il rapporto anale.

Vai dal dottore presto

Indipendentemente dal disagio anale: se il sangue viene scoperto sulla carta igienica o nella toilette, le persone colpite dovrebbero consultare un medico. Le donne che hanno familiarità con esami simili da parte dei ginecologi hanno maggiori probabilità degli uomini di farlo. "Quest'ultimo arriva solo quando non funziona più. La vergogna è grande", dice Strittmatter.

Ma vale la pena superare le inibizioni. Questo accorcia il calvario perché la terapia può iniziare prima. E l'esame è in gran parte indolore per la maggior parte dei disturbi anali.

Molti medici esaminano le persone sdraiate su un fianco su un divano. Come i suoi colleghi specialisti, Mader è dotato di una poltrona ginecologica e di strumenti speciali. Il medico prima sente con il dito e, se deve usare uno strumento, può intorpidire leggermente il canale anale o sedare il paziente se il dolore è più grave.