Cos'è l'ingrandimento benigno della prostata?

Se gli uomini hanno problemi a urinare, potrebbe essere dovuto a un ingrossamento benigno della prostata (iperplasia prostatica benigna, IPB). Maggiori informazioni su cause, sintomi, diagnosi e terapia

Testo in un linguaggio semplice Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Ingrandimento benigno della prostata - in breve

Una ghiandola prostatica ingrossata può causare problemi durante la minzione, come un aumento della voglia di urinare di notte, un flusso di urina indebolito o una minzione ritardata. Ci sono diversi approcci di trattamento dall'attesa e dai farmaci alle diverse tecniche chirurgiche. I pazienti dovrebbero chiarire con il proprio medico quali sono adatti e promettenti nel loro caso.

Cos'è l'iperplasia prostatica benigna?

L'iperplasia prostatica benigna (IPB) è il termine medico per un allargamento benigno della ghiandola prostatica. Un altro termine che viene usato raramente per questo è "adenoma prostatico".

La prostata è una piccola ghiandola delle dimensioni di un castagno situata sotto la vescica urinaria. Racchiude l'uretra negli uomini come un anello. Insieme alle vescicole seminali e ai testicoli, la prostata è responsabile della formazione del liquido seminale.

Già all'età di 35 anni, la ghiandola prostatica può aumentare gradualmente di volume. Dall'età di 75 anni, quasi tutti gli uomini hanno un ingrossamento benigno della prostata. Tuttavia, il semplice ingrossamento della prostata non deve ancora essere considerato una malattia; questo può essere paragonato, ad esempio, a un grande naso, che non ha valore di malattia.

IL NOSTRO ESPERTO: Professor Dr. med. Passo cristiano

© W & B / privato

Spesso, tuttavia, sono proprio le parti della ghiandola che circondano l'uretra che si ingrandiscono. Una possibile conseguenza: l'uretra si restringe gradualmente (vedi grafico sopra). Questo può portare a disagio durante la minzione e quindi a un ingrossamento benigno della prostata che richiede un trattamento (iperplasia prostatica benigna, IPB).

I problemi di minzione sono la malattia benigna più comune negli uomini anziani e non sempre la prostata deve essere ingrandita. Difficoltà a urinare, i cosiddetti "sintomi del tratto urinario inferiore" (LUTS), si verificano anche negli uomini senza una ghiandola prostatica ingrossata. La difficoltà a urinare include sia la ritenzione della vescica urinaria che i disturbi della minzione. I disturbi da accumulo urinario si dividono in minzione frequente durante il giorno (pollachiuria), minzione notturna (nicturia) e necessità simile a un attacco di svuotare la vescica (minzione imperativa o sintomi primari) con o senza incontinenza.

IL NOSTRO ESPERTO: Professor Dr. med. Christian Gratzke

© W & B / privato

Poiché i sintomi sono simili, l'allargamento benigno della prostata, la LUTS e un restringimento dell'uscita della vescica, che causa anche fastidio alla minzione ed è talvolta causato da un ingrossamento della prostata, sono ora spesso riassunti come "Sindrome della prostata di Beningnes (BPS)".

I disturbi di svuotamento della vescica urinaria dovuti ad un ingrossamento benigno della prostata sono generalmente caratterizzati da sintomi quali un inizio ritardato della minzione, un indebolimento del flusso urinario, una minzione prolungata e una sensazione di urina residua.

Poiché possono esserci varie malattie dietro i problemi di minzione, è importante che i sintomi siano chiariti con il medico in una fase precoce. Questionari standardizzati, esami ecografici e metodi speciali di esame urologico aiutano a garantire la diagnosi e valutare l'entità della malattia.

Attenzione: l'ingrandimento benigno della prostata non ha nulla a che fare con il cancro alla prostata e deve essere chiaramente distinto da questa malattia! Puoi trovare ulteriori informazioni sul cancro alla prostata nella Guida al cancro alla prostata.

Nota importante:
Questo articolo contiene solo informazioni generali e non deve essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri esperti non possono rispondere a singole domande.

Leggi anche: