Cos'è un'allergia agli acari della polvere domestica?

Quali sintomi possono verificarsi in caso di allergia agli acari della polvere domestica, che aspetto hanno diagnosi e terapia e cosa è necessario considerare nella vita di tutti i giorni

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Acari della polvere domestica: i loro escrementi causano problemi a chi soffre di allergie

© Thinkstock / Hemera

Allergia agli acari della polvere domestica - spiegata brevemente

Chi soffre di allergia agli acari della polvere reagisce alle proteine ​​nelle feci e nei corpi degli aracnidi. Questi si accumulano sul materasso, ad esempio, ma si trovano anche nella polvere. Un medico può fare la diagnosi sulla base dei sintomi tipici e dei test allergologici.

Chiunque soffra di allergia agli acari della polvere domestica dovrebbe rimuovere gli acari il più lontano possibile dal proprio appartamento o casa. Se questo non aiuta abbastanza, l'immunoterapia con allergeni (desensibilizzazione) è un'opzione. Se i sintomi allergici persistono, possono essere d'aiuto antistaminici e spray nasali con cortisone.

Cos'è un'allergia agli acari della polvere domestica?

Di solito si tratta di una reazione allergica alle escrezioni e ai detriti corporei dei cosiddetti acari della polvere domestica. Il termine spesso utilizzato "allergia alla polvere domestica" non è quindi corretto dal punto di vista medico. Perché l'effetto che scatena l'allergia di solito non è la polvere, ma i componenti proteici degli escrementi e del corpo degli acari della polvere che sono contenuti in esso.

Queste minuscole creature sono aracnidi e difficilmente possono essere viste ad occhio nudo perché hanno una dimensione di circa 0,1 millimetri. In questo paese è principalmente la specie Dermatophagoides pteronyssinus o Dermatophagoides farinae. Gli acari della polvere domestica si nutrono principalmente delle scaglie di pelle che gli esseri umani secernono ogni giorno.

Gli acari della polvere preferiscono rimanere sui materassi, ma anche sui mobili imbottiti o sui tappeti. Il letto offre agli acari le migliori condizioni per la sopravvivenza, poiché si nutrono principalmente di scaglie di pelle che l'uomo perde ogni giorno. Inoltre, gli aracnidi hanno bisogno di calore e di un livello di umidità relativamente alto, che il dormiente dona involontariamente ogni notte. Poiché chi soffre di allergia agli acari della polvere domestica è esposto alla sostanza allergenica tutta la notte, spesso hanno i sintomi più gravi al mattino.

Importante: gli acari della polvere a letto non hanno nulla a che fare con la scarsa igiene. Si verificano in ogni appartamento. Tuttavia, alcune abitudini - ad esempio ventilazione rara - e un clima interno caldo e umido possono rendere la vita più facile agli acari.

Le persone sensibili sono allergiche alle proteine ​​nelle feci e nel corpo degli acari. Questi includono gli allergeni "Der p 1" dalle feci, "Der p 2" dal corpo dell'acaro e "Der p 23", un nuovo principale allergene dal guscio delle feci.

I componenti degli acari e degli escrementi si accumulano sul materasso, ma entrano anche nella polvere domestica e vengono così distribuiti su tappeti, pavimenti, tende e divani. Ad ogni movimento che una persona fa, quando aspira o scuote i cuscini, la polvere viene fatta saltare in aria. Il materiale essiccato viene scomposto in particelle fini, entra brevemente nell'aria della stanza e può depositarsi sulle mucose degli occhi, del naso e delle vie respiratorie profonde.

Il sistema immunitario del corpo di chi soffre di allergie riconosce gli allergeni e li classifica come pericolosi. Un'allergia agli acari della polvere domestica è una cosiddetta allergia di tipo I. Il sistema immunitario produce l'anticorpo immunoglobulina E (IgE), che si lega a speciali cellule immunitarie, i cosiddetti mastociti.Se attivati, rilasciano sostanze messaggere nel punto di azione, in questo caso nelle mucose delle vie aeree, ad esempio la mucosa nasale o bronchiale. C'è una reazione allergica e infiammazione con i loro sintomi tipici. Poiché il corpo reagisce molto rapidamente (entro pochi minuti) all'allergene con sintomi, le allergie di tipo I sono anche chiamate allergie di tipo immediato.

Come si arriva a un'allergia agli acari della polvere domestica non è ancora del tutto chiaro. Alcune proteine ​​degli acari sono probabilmente riconosciute preferenzialmente dal sistema immunitario innato, altre penetrano nella mucosa meglio degli enzimi e favoriscono così lo sviluppo di allergie. La base è, da un lato, la disponibilità ereditata a soffrire di allergie da parte dei genitori o dei nonni. Inoltre, le influenze ambientali e lo stile di vita giocano un ruolo. Gli studi indicano anche che i bambini che hanno pochi contatti con agenti patogeni e allergeni hanno maggiori probabilità di sviluppare allergie in seguito.

Quali sono i sintomi di un'allergia agli acari della polvere domestica?

Molte persone sono allergiche agli acari della polvere senza che l'allergia provochi alcun sintomo. In alcune delle persone colpite, tuttavia, è evidente attraverso i sintomi tipici. Difficilmente differiscono da quelli causati dalla febbre da fieno.

Tuttavia: durante i mesi invernali, soprattutto all'inizio della stagione di riscaldamento, le persone allergiche agli acari della polvere di solito soffrono di più rispetto alla stagione calda. Il motivo: gli acari della polvere domestica si moltiplicano durante l'estate perché le condizioni sono ideali per loro. La maggior parte di loro muore in autunno, quando inizia la stagione del riscaldamento e l'umidità è bassa. I loro costituenti, che si sono accumulati in grandi quantità, si seccano e si distribuiscono con la polvere domestica tramite l'aria secca di riscaldamento. Il raffreddore da fieno, invece, causa problemi soprattutto in primavera ed estate.

I sintomi di un'allergia agli acari della polvere possono includere, ad esempio:

  • naso chiuso e che cola, attacchi di starnuti (rinite allergica)
  • prurito, lacrimazione o occhi arrossati (congiuntivite allergica)
  • tossire
  • Respirazione difficile o rumori sibilanti
  • in rari casi reazione cutanea con prurito, arrossamento della pelle e comparsa di pomfi

I sintomi si manifestano principalmente di notte e al mattino perché chi soffre di allergie è maggiormente esposto agli allergeni presenti sul materasso durante il sonno.

La tosse e le difficoltà respiratorie possono verificarsi solo durante o subito dopo lo sforzo fisico, quando le vie aeree sono ulteriormente appesantite. Soprattutto nei bambini, questa asma da sforzo indica un'allergia agli acari della polvere domestica. Appare subito dopo o durante un'attività fisica intensa e dura circa mezz'ora.

Ma anche passare l'aspirapolvere o spolverare può innescare i sintomi. Questo perché la polvere e gli allergeni vengono soffiati nell'aria e possono raggiungere le mucose. Più acari ci sono nell'appartamento, più violenta può scoppiare l'allergia.

Disturbi cronici con allergie di lunga data

Chiunque abbia sofferto di allergia agli acari della polvere per molti anni può sviluppare sintomi permanenti. Questi si verificano non solo in camera da letto di notte o al mattino, ma anche in altri luoghi e in altri momenti.

Da un lato, la mucosa nasale e i seni paranasali possono infiammarsi cronicamente a causa dell'esposizione permanente agli allergeni, che può portare a frequenti congestioni nasali, riduzione della qualità del sonno e mal di testa sordo. A volte ci sono anche ricorrenti attacchi di starnuti.

D'altra parte, la mucosa bronchiale può infiammarsi. Un buon terzo dei soggetti allergici sviluppa gradualmente asma allergico e ipersensibilità generale delle vie aeree. I medici si riferiscono a questo come "iperreattività bronchiale non specifica". Quest'ultimo si manifesta come una fastidiosa tosse secca o può occasionalmente portare a un senso di oppressione al petto.