Cosa puoi fare per le vene varicose?

Le vene varicose colpiscono principalmente le vene della gamba e le loro connessioni verso l'interno. Un trattamento precoce può prevenire complicazioni

Testo in un linguaggio semplice Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Una panoramica delle vene delle gambe: le vene superficiali e profonde della gamba sono collegate dalle cosiddette vene perforanti

© W & B / Dr. Ulrike Möhle

Vene varicose - spiegate brevemente

Le vene varicose sono vene dilatate, irregolarmente tortuose. Se non sono solo le minuscole vene dei ragni superficiali, le vene varicose possono anche essere un problema medico e provocare complicazioni come la trombosi venosa. In caso di vene varicose, quindi, consultare un medico e chiarire se è necessario un trattamento. A seconda della gravità della malattia, è possibile utilizzare anche varie misure in combinazione. Questi includono la rimozione chirurgica, l'eliminazione mediante procedure con catetere termico (laser, onde radio), la scleroterapia o misure conservative come il trattamento compressivo.

Cosa sono le vene varicose?

Le vene varicose sono vene dilatate in modo permanente, irregolarmente tortuose. I medici parlano anche di vene varicose, vene varicose o varici. Si trovano principalmente sulle gambe, a volte anche nella zona pelvica. Anche la "variante minima", le vene dei ragni effettivamente innocue, trovano molti malati esteticamente fastidiosi. Queste sono le più piccole vene della pelle ingrossate che brillano attraverso la pelle con i loro rami in viola o blu. Occasionalmente questi causano anche dolore locale. La scleroterapia o la terapia laser possono migliorare la carnagione.

Tuttavia, la malattia vascolare non riguarda solo la bellezza: una volta avanzate, le vene varicose sono anche un problema medico. Le gambe colpite sono spesso a disagio o si gonfiano durante il giorno. Possono verificarsi cambiamenti permanenti della pelle e talvolta ulcere ostinate. A volte una trombosi venosa è anche la causa o la conseguenza.

La pompa muscolare aiuta a trasportare il sangue dalle vene al cuore

© W & B / Setzer / arr. Jörg Neisel

Sfondo: piccola venologia

Ad eccezione delle vene polmonari, le vene assorbono il sangue impoverito di ossigeno dai tessuti e lo trasportano al cuore. In tal modo, devono lavorare contro la gravità. Le "pompe muscolari" li aiutano sulle gambe: quando i muscoli delle gambe si contraggono, spremono le vene profonde come una spugna e convogliano il sangue verso il cuore.

Le vene profonde della gamba raccolgono il sangue dalle vene superficiali della gamba. Le valvole venose, che agiscono come una valvola di ritegno, impediscono al sangue di rifluire quando i muscoli si rilassano. Inoltre, l'effetto di aspirazione del cuore e le variazioni di pressione nel torace e nell'addome durante la respirazione supportano il ritorno del sangue dalle vene profonde delle gambe.

Dalle vene superficiali ci sono connessioni venose nel sistema venoso profondo, le cosiddette vene perforanti.

Insignificante 9,6%

Vene del ragno, vene varicose reticolate 59 %

Vene varicose 14.3 %

Gonfiore alle gambe 13,4%

Cambiamenti della pelle 2,9%

Ulcera guarita 0,6%

Ulcera aperta 0,1%

Frequenza dei disturbi venosi cronici (secondo lo studio Bonn Vein: 3072 donne e uomini di età compresa tra 18 e 79 anni, questionario, visita medica; Rabe et al.: Phlebologie 32: 1-14).
Se muovi il mouse sull'immagine, vedrai i numeri corrispondenti

© Wort & Bild Verlag Konradshöhe GmbH & Co. KG

Malattia diffusa vene varicose

Le vene varicose sono comuni. Ad esempio, secondo i risultati dello studio sulle vene di Bonn pubblicato nel 2003, circa il 14% dei tedeschi è stato colpito in modo significativo tra il 2000 e il 2002. In considerazione dell'aumento dell'aspettativa di vita e di altri fattori favorevoli (più su questo nella sezione seguente), i disturbi venosi sono ancora in una tendenza al rialzo. In altre parole: la stragrande maggioranza della popolazione tedesca mostra cambiamenti a vari livelli nelle vene.

Da dove viene il nome "vene varicose"?

Contrariamente alla credenza popolare, le vene varicose non causano crampi. Il termine deriva dall'antico alto tedesco. Nel Medioevo, i vasi tortuosi erano chiamati "vene storte". Nel corso del tempo, la parola "vena varicosa", che viene usata oggi, si è sviluppata da questo.

Video: come si sviluppano le vene varicose?

Cause: perché hai le vene varicose?

I medici distinguono tra vene varicose primarie e secondarie.

Vene varicose primarie

Nella forma primaria delle vene varicose, le cause sono varie e non del tutto chiare.

I fattori di rischio per le vene varicose primarie includono:

  • Predisposizione familiare alla debolezza del tessuto connettivo e ai disturbi venosi o alla debolezza ereditaria della parete venosa
  • sesso femminile e maggiori influenze ormonali durante la gravidanza
  • Stile di vita sedentario
  • Attività professionale prevalentemente in piedi e al caldo (es. Commessa di panifici)
  • Obesità

Molte persone hanno una predisposizione ereditaria alla debolezza del tessuto connettivo e delle vene. Questo è il più importante dei fattori di rischio menzionati.

Più donne (circa il 15%) rispetto agli uomini (circa l'11%) sono affette da vene varicose. Il fatto che le donne siano in vantaggio con le vene varicose è probabilmente dovuto anche al fatto che gli ormoni sessuali femminili di tipo estrogeno influenzano la struttura della parete venosa e delle valvole venose. Durante la gravidanza, sotto l'influenza di un altro ormone sessuale femminile, il progesterone, i muscoli e il tessuto connettivo si allentano, anche nelle vene. Inoltre, l'utero allargato rende difficile il drenaggio del sangue dalle gambe durante la gravidanza. Questo è il motivo per cui le vene varicose si sviluppano spesso durante la gravidanza e quelle esistenti aumentano, di solito temporaneamente, di peso.

Proprio come la pelle perde tonicità nel corso della vita, così le vene nel tempo. Questo è più evidente nella seconda metà della vita. In rari casi, una mancanza congenita di valvole venose può essere la causa delle vene varicose.

Varicosi secondaria

Se le vene varicose sono causate da un'altra malattia, si tratta di una varicosi secondaria. Le trombosi venose profonde delle gambe sono particolarmente adatte. Se le vene profonde delle gambe sono bloccate a causa della trombosi, aumenta il trasporto del sangue attraverso le vene superficiali. A lungo termine, la loro capacità di trasporto è sopraffatta, si afflosciano e si trasformano in vene varicose.

Un'altra causa delle vene varicose può essere l'insufficienza cardiaca: se la metà destra del cuore è particolarmente colpita, l'insufficienza cardiaca destra. La funzione cardiaca disturbata può, tra le altre cose, far aumentare la pressione nelle vene delle gambe. In genere, ciò si traduce in gonfiore delle gambe (edema) e allargamento delle vene delle gambe.

Vene varicose primarie o secondarie?

Il tipo di vene varicose di una persona a volte è difficile da giudicare, poiché le due forme non sono immediatamente distinguibili l'una dall'altra in termini di sintomi e complicanze negli stadi avanzati della malattia. La corretta assegnazione della malattia è molto importante per una consulenza e un trattamento ottimali. Pertanto, è consigliabile chiedere consiglio a uno specialista esperto in vene, di solito un flebologo.

Sintomi: come si sentono le vene varicose?

Le vene varicose spesso iniziano nell'adolescenza o nella prima età adulta. A poco a poco, le vene dei ragni o le vene bluastre, nodose e ispessite diventano sempre più visibili attraverso la pelle. Le vene varicose di grosso calibro a volte sporgono come nodi o fili. Colpiscono le vene del tronco - le vene rosa grandi e piccole (Vena saphena magna e Vena saphena parva) - oi loro rami laterali.

Le vene varicose di grandi dimensioni hanno maggiori probabilità di causare disagio rispetto alle vene del ragno. Molti malati soffrono di una sensazione di tensione e pesantezza o dolore alle gambe dopo lunghi periodi in piedi o seduti. I sintomi peggiorano durante il giorno e con temperature calde e nelle donne poco prima delle mestruazioni. L'elevazione delle gambe o il raffreddamento portano sollievo.

Molti pazienti riferiscono anche disturbi come parestesia, calore e irrequietezza alle gambe. Le persone affette lamentano anche più spesso crampi alle gambe (notturni), ma questi non sono tipici delle vene varicose. Si basano principalmente su carichi paralleli errati in caso di usura articolare o sovraccarichi dopo un allenamento fisico insolitamente duro.

La tendenza al gonfiore (edema) può aumentare nel tempo. Nasce dal fatto che il volume del sangue e la pressione nelle vene patologicamente alterate sono aumentate. Quindi il liquido viene premuto nel tessuto circostante.

Possibili complicazioni con le vene varicose

Le vene varicose possono causare complicazioni. Questi includono:

  • Flebite
  • Trombosi (formazione di coaguli nelle vene) ed embolia polmonare
  • insufficienza venosa cronica
  • Sanguinamento delle vene varicose

Attenzione: in caso di dolore o gonfiore insolito alla gamba, consultare immediatamente un medico; in caso di improvvisa mancanza di respiro o dolore al petto, chiamare immediatamente il medico di emergenza (servizio di ambulanza, numero di emergenza 112). Vi è quindi il sospetto di una trombosi venosa delle gambe o di un'embolia polmonare!

Flebite

Le vene varicose sono la principale causa di flebite. La diagnosi è quindi varicoflebite. La parete interna infiammata della vena è spesso l'impulso per la formazione di un coagulo di sangue (trombo), che può bloccare il vaso. In questo caso, i medici parlano di una varicotrombosi.

I sintomi sono

  • Arrossamento,
  • Surriscaldamento e
  • Dolore

nel luogo appropriato. Spesso si può avvertire un cordone venoso indurito e soggetto a tenerezza. Le occlusioni infiammatorie lunghe nelle vene varicose delle vene del tronco sulla gamba sono estremamente dolorose. Nel caso della grande vena rosa, la vena più lunga del corpo, si verificano all'interno della gamba, a volte fino all'inguine. Una trombosi della piccola vena rosa è evidente sul polpaccio, a volte fino all'incavo del ginocchio. Questa cosiddetta varicotrombosi non solo provoca le aree infiammate e dolenti in modo visibile e tangibile, ma anche dolore durante la deambulazione.

La varicoflebite / varicotrombosi può verificarsi spontaneamente a causa del flusso sanguigno rallentato nella vena cutanea dilatata. A volte possono essere fattori scatenanti urti o lesioni da pressione, congestione del sangue dovuta a una seduta lunga e angusta con poco spazio per le gambe, nonché una grave perdita di liquidi durante l'esercizio o con temperature esterne calde.

Trombosi ed embolia polmonare

Se il coagulo di sangue coinvolto si espande da una vena superficiale o varicosa, cioè una varicotrombosi, nella vena profonda, si tratta di una trombosi venosa profonda. Naturalmente, la formazione di coaguli può anche avere origine in una vena profonda di per sé. Parti di tale trombosi venosa possono staccarsi e essere lavate nei polmoni attraverso le vene. Se blocchi uno dei vasi polmonari lì, si verifica una cosiddetta embolia polmonare che, a seconda dell'entità, può essere pericolosa per la vita.