Quando lo streptococco ti fa star male

Gli streptococchi sono batteri della normale flora batterica umana. Ma svolgono anche un ruolo come agenti patogeni: una panoramica

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Gli streptococchi causano molte infezioni, spesso purulente

© istock / Troscha

Gli streptococchi sono batteri sferici che tipicamente si dispongono in catene o coppie. Fanno parte della flora della pelle e delle mucose e colonizzano l'intestino, la bocca, la gola e la vagina. Alcuni streptococchi possono farti ammalare.

Il genere degli streptococchi comprende diverse specie. Possono essere classificati in base alla loro capacità di dissolvere i globuli rossi (emolisi). In laboratorio, i campioni dell'agente patogeno vengono applicati su piastre nutritive (agar sangue) contenenti sangue e vengono coltivati. Se gli streptococchi scompongono parzialmente il pigmento del sangue (emoglobina) nei globuli rossi, ciò è noto come emolisi alfa. Poiché i prodotti verdastri vengono prodotti durante questa ripartizione, questi ceppi batterici sono anche noti come streptococchi inverdenti. Ad esempio, si trovano spesso nella cavità orale. Beta emolisi significa che gli streptococchi scompongono completamente il pigmento rosso del sangue. Non c'è emolisi con emolisi gamma.

Un'altra classificazione differenzia gli streptococchi in base a determinati componenti della parete cellulare nei gruppi A - Q (classificazione di Lancefield).Gli streptococchi clinicamente più significativi includono streptococchi beta-emolitici di gruppo A.

Quali malattie causano lo streptococco?

Gli streptococchi di gruppo A (Streptococcus pyogenes) sono spesso responsabili di infezioni acute del tratto respiratorio superiore, ad esempio infiammazioni dell'orecchio medio, dei seni, della gola o delle tonsille (angina streptococcica). La scarlattina malattia infantile è anche causata da streptococchi A, così come da infezioni della pelle e dei tessuti molli come l'erisipela.

Gli streptococchi di gruppo B (Streptococcus agalactiae) svolgono un ruolo patogeno, soprattutto nelle persone con sistema immunitario indebolito e nei neonati. Diventano un rischio durante la gravidanza, perché c'è il rischio che il bambino venga infettato durante il parto dalla madre e, nel peggiore dei casi, sviluppi meningite o sepsi neonatale. La somministrazione di antibiotici durante il parto può in gran parte prevenire la trasmissione. Uno striscio può essere utilizzato per determinare se gli streptococchi B si depositano nella vagina o nell'ano. I ginecologi raccomandano questo esame preventivo per gli streptococchi B a tutte le donne in gravidanza tra la 35a e la 37a settimana di gravidanza. Tuttavia, le compagnie di assicurazione sanitaria non sempre coprono i costi. Il medico può fornire informazioni in merito.

Gli enterococchi sono batteri che venivano annoverati tra gli streptococchi di gruppo D, ma ora sono considerati un genere separato di batteri. Gli enterococchi sono abitanti tipici dell'intestino e raramente causano malattie nelle persone sane. Ma possono essere trovati, ad esempio, come agente eziologico della cistite.

I batteri dello Streptococcus pneumoniae sono anche chiamati pneumococchi. Colonizzano il rinofaringe umano e possono causare varie forme di polmonite e altre infezioni talvolta gravi. I neonati, i bambini piccoli, gli anziani e le persone con un sistema immunitario indebolito sono particolarmente a rischio. Ciò include anche pazienti affetti da tumore e pazienti a cui è stata asportata la milza. C'è una vaccinazione contro gli pneumococchi. La Commissione permanente per le vaccinazioni (STIKO) lo raccomanda come vaccinazione standard per i bambini e per tutte le persone di età superiore ai 60 anni.

Gli streptococchi possono anche essere coinvolti in molte altre infezioni, ad esempio avvelenamento del sangue (sepsi).

Malattie secondarie di streptococchi

Alcune settimane dopo l'infezione da streptococchi A, possono verificarsi malattie secondarie. Questi non sono causati dai batteri, ma da anticorpi che sono stati formati dal sistema immunitario contro i batteri e che sono simili alle strutture del corpo nei muscoli, nel tessuto connettivo o nei reni. Questi anticorpi attaccano erroneamente il tuo stesso corpo. Quindi è una malattia autoimmune. Ciò include febbre reumatica acuta con possibile danno alle valvole cardiache (endocardite) e al muscolo cardiaco (miocardite). Se il rene viene attaccato, si chiama glomerulonefrite.

Come viene diagnosticata l'infezione da streptococco?

Le malattie infettive causate da streptococchi vengono diagnosticate in base ai sintomi (come l'eruzione della scarlattina) e al modo in cui la malattia è progredita. Inoltre, l'agente patogeno può essere rilevato direttamente in laboratorio, ad esempio da un tampone della gola o da una ferita. Se hai mal di gola (faringite), un rapido test per gli streptococchi può essere utile per decidere se sono necessari antibiotici.

Trattamento con antibiotici

Le infezioni da streptococco di solito possono essere trattate bene con gli antibiotici. L'antibiotico più adatto dipende dal quadro clinico. A causa del rischio di malattie secondarie da streptococco, è importante assumere antibiotici come prescritto dal medico e non interrompere prematuramente la terapia.

Nota importante:
Questo articolo è solo una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l'autodiagnosi o l'auto-trattamento. Non può sostituire una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri esperti non possono rispondere a singole domande.

gonfiarsi

Istituto Robert Koch: consigli sulle infezioni da Streptocococcus pyogenes. Online: www.rki.de (consultato il 22 gennaio 2019)

Federal Center for Health Education (BzgA): www.Impfen-info.de (accesso 22 gennaio 2019)

Linee guida comuni dell'associazione professionale dei ginecologi eV (BVF), Associazione federale "Il bambino prematuro" eV (BVDfK), Società tedesca di ginecologia e ostetricia (DGGG), Società tedesca di igiene e microbiologia (DGHM), Società tedesca di infettivi pediatrici Malattie (DGPI), Società tedesca di medicina perinatale (DGPM) e Società di neonatologia e medicina di terapia intensiva pediatrica eV (GNPI): profilassi della sepsi neonatale - forma precoce - da streptococchi del gruppo B. Linea guida 3/2016. Online: www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/024-020l_S2k_Prophylaxe_Neugeborenensepsis_Streptokokken_2016-04.pdf (accesso 22 gennaio 2019)

Dizionario clinico Pschyrembel. De Gruyter, Berlino 2017

Leggi anche: