CHI a Berlino: combattere il fumo più forte!

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la Germania deve recuperare terreno nella lotta al fumo. L'OMS elogia le nuove misure contro la pubblicità del tabacco, ma potrebbero andare oltre

Divieto di fumo: secondo l'OMS, il governo federale non ha ancora rimesso a sufficienza l'industria del tabacco

© Getty Images / EyeEm / Nipitphon Na Chiangmai

In Germania, a partire dal 1 ° gennaio 2021, i prodotti del tabacco non possono più essere pubblicizzati nei cinema se un film è approvato per i minori di 18 anni. Dal 2022 sarà vietata la pubblicità dei prodotti del tabacco convenzionali sui cartelloni pubblicitari. Dal 2023 in poi, i riscaldatori di tabacco e dal 2024 le sigarette elettroniche non possono più essere pubblicizzati lì.

"È deplorevole che il divieto di pubblicità al cinema si applichi solo ai film approvati per i minori di 18 anni", ha affermato Rüdiger Krech, direttore dell'OMS per la promozione della salute. Altri paesi hanno completamente vietato la pubblicità dei prodotti del tabacco nei cinema. "Avremmo anche voluto che il divieto di pubblicità sui cartelloni pubblicitari entrasse in vigore prima". Inoltre, non esiste un divieto totale di pubblicità nei punti vendita come i chioschi o le stazioni di servizio.

Secondo il Rapporto federale sulla droga del 2019, circa il 27% degli uomini e il 21% delle donne fumano in Germania. Si stima che 121.000 persone muoiano ogni anno a causa del consumo di tabacco.

Macchine per il tabacco e accordi di sponsorizzazione non ancora vietati dall'industria del tabacco

"La Germania è stata finora in fondo alla lista in Europa per quanto riguarda le restrizioni sul tabacco", ha detto Krech. Adesso è a centrocampo. Secondo un'analisi dell'OMS, la Germania è solo una dozzina dei 50 o più paesi nella regione europea dell'OMS che non ha completamente vietato la distribuzione di prodotti del tabacco gratuiti.

La Germania non ha ancora vietato completamente gli accordi di sponsorizzazione dell'industria del tabacco con altri 16 paesi.La Germania è anche tra i 22 paesi che non hanno ancora abolito i distributori automatici di tabacco.

La pandemia di coronavirus ha aperto una grande opportunità nella lotta al tabacco, ha affermato Krech: sulla base degli ultimi sondaggi, le analisi dell'OMS mostrano che un numero significativamente maggiore di consumatori di tabacco sono preoccupati per la loro salute e vogliono smettere di fumare più seriamente. Le autorità dovrebbero sostenerli con offerte per aiutarli a smettere. "C'è ancora molto da fare in Germania", ha detto Krech.