Dove le persone vaccinate e convalescenti possono entrare senza condizioni

Niente più test obbligatori o quarantena per le persone che sono state vaccinate o che sono sopravvissute a un'infezione corona: diversi paesi stanno ora seguendo questo principio

Viaggio gratuito per le persone vaccinate e convalescenti - senza requisiti di quarantena e test obbligatori: alcuni paesi e regioni stanno già seguendo questo principio mentre l'Unione europea (UE) sta ancora lavorando alla carta di vaccinazione digitale. In alcuni casi, tuttavia, devono essere osservati divieti generali di ingresso per soggiorni turistici. Una panoramica di ciò che è attualmente valido in quali destinazioni di viaggio.

Danimarca: secondo i consigli di viaggio del Foreign Office (AA), chiunque si sia ripreso da un'infezione corona può presentare il risultato positivo del test se questo test è stato eseguito tra 14 giorni e otto settimane prima del volo. In questo caso, il test non è più necessario, ma è comunque necessaria una quarantena. L'ingresso per motivi turistici non è comunque attualmente consentito.

Estonia: chiunque sia stato vaccinato contro il coronavirus negli ultimi sei mesi o abbia dimostrato di essersi ripreso dal Covid-19 può rientrare senza restrizioni, come un test obbligatorio. Questo è previsto dal vigente regolamento di ingresso. In entrambi i casi, devono essere presentate prove mediche che possono essere lette, ad esempio, nelle informazioni di viaggio e di sicurezza del Ministero degli esteri per l'Estonia.

Georgia: il paese del Caucaso consente l'ingresso senza restrizioni per via aerea alle persone che sono completamente vaccinate contro il virus e ne hanno le prove. Se è disponibile un certificato di vaccinazione straniero, questo deve essere tradotto in georgiano o in inglese. Tutti gli altri viaggiatori richiedono un test PCR, che non deve essere più vecchio di 72 ore. Secondo l'AA, un altro test è necessario dopo l'ingresso.

Islanda: la prova di una vaccinazione corona esenta i viaggiatori dai test e dalla quarantena. Come deve apparire esattamente il certificato di vaccinazione può essere trovato presso l'autorità sanitaria islandese. Ci sono anche informazioni sulla genesi lì, che possono anche rientrare senza condizioni con un certificato corrispondente. L'autorità di frontiera islandese decide sul riconoscimento, spiega l'AA.

Israele: secondo le informazioni dell'AA, ci sono eccezioni all'obbligo di testare e mettere in quarantena all'ingresso per i viaggiatori che possono dimostrare di essere già stati vaccinati o di essere già stati malati di Covid-19. Tuttavia, esiste ancora un divieto di ingresso per gli stranieri. Secondo l'AA, le eccezioni si applicano solo ai viaggiatori stranieri che possono dimostrare di vivere in Israele.

Lituania: i viaggiatori che hanno contratto il Covid-19 negli ultimi tre mesi e ora si sono ripresi dall'obbligo di quarantena sono esentati dall'obbligo di quarantena. Hai bisogno di un certificato medico - tradotto in inglese, russo o lituano, sottolinea l'AA. Chi ha già ricevuto due dosi di vaccino non deve entrare in quarantena.

Madeira: sulla popolare isola delle vacanze nell'Atlantico, i viaggiatori che sono già completamente vaccinati non sono tenuti a presentare un test PCR negativo. Secondo l'ufficio turistico, il certificato di vaccinazione deve essere in inglese e contenere informazioni importanti come nome, data di nascita, tipo di vaccino e data di vaccinazione.

Il test non è inoltre richiesto per le persone che hanno già avuto un'infezione della corona negli ultimi 90 giorni e che possono dimostrarlo con un certificato medico. Tutti gli altri visitatori devono continuare a presentare un test negativo.

Polonia: nel paese limitrofo non è previsto alcun obbligo di quarantena di dieci giorni e obbligo di test corona, anche per le persone che hanno dimostrato di essere state vaccinate contro il virus. Per evitare altrimenti la quarantena, tutti gli altri turisti necessitano di un test PCR negativo, che non deve essere più vecchio di 48 ore, secondo il Foreign Office.

Romania: anche in questo paese è stato revocato l'obbligo del test, tra le altre cose, per i viaggiatori che sono stati vaccinati in modo verificabile o si sono ripresi da Corona negli ultimi 90 giorni. Secondo l'AA, la seconda dose di vaccinazione deve essere stata somministrata almeno 10 giorni prima dell'ingresso in Romania. Se l'infezione è sopravvissuta, devono essere trascorsi almeno 14 giorni dal risultato del test all'ingresso.

Seychelles: nello stato insulare nell'Oceano Indiano, l'obbligo di quarantena per tutti i viaggiatori ad eccezione dei passeggeri provenienti dal Sud Africa non si applicherà più dal 25 marzo 2021. I visitatori devono quindi presentare solo un test PCR negativo, che è stato effettuato un massimo di 72 ore prima della partenza, secondo l'AA. Tuttavia, questo vale anche per le persone che sono già state vaccinate.

Regole simili per le persone vaccinate e la genesi come in altri paesi europei si applicano anche nella Repubblica di Moldova e San Marino.

Discussione sul pass per la vaccinazione corona a livello dell'UE

Nell'UE è in discussione l'introduzione di un pass digitale per la vaccinazione corona per i viaggi gratuiti. Alla fine, ogni paese potrebbe decidere autonomamente quali diritti sono collegati al documento. Ma potrebbero volerci mesi prima che ciò accada. I diversi paesi dell'UE hanno opinioni diverse sul passaporto.

E per quanto riguarda il volo e la crociera?

La compagnia aerea australiana Qantas ha annunciato a novembre che avrebbe portato solo persone vaccinate su determinate rotte. Altre compagnie aeree furono allora irritate. L'associazione per il trasporto aereo BDL ha prontamente chiarito che non la pensava così.

Tra le compagnie di crociera ci sono finora solo pochissimi fornitori che stanno pianificando una vaccinazione obbligatoria, come mostra una panoramica del portale Cruisetricks.de. Le compagnie di navigazione Aida Cruises, TUI Cruises, Hapag-Lloyd Cruises, MSC Crociere e Costa, apprezzate dai turisti tedeschi, non hanno attualmente tale obbligo.

Coronavirus