Bretelle: necessarie dal punto di vista medico?

Gli assicuratori sanitari pagano più di un miliardo di euro all'anno per le correzioni della protesi da parte degli ortodontisti. Tuttavia, i benefici medici sono fortemente messi in discussione

Più della metà dei bambini e degli adolescenti in Germania ad un certo punto indosserà l'apparecchio, di solito per due o quattro anni. Il numero di pazienti è recentemente diminuito, ma i costi per caso sono addirittura raddoppiati tra il 2008 e il 2016. Le assicurazioni sanitarie pagano oltre un miliardo di euro all'anno per apparecchi ortodontici e altri trattamenti ortodontici.

Ma ci sono forti dubbi sulla giustificazione di questa spesa. Perché: non esistono studi sugli effetti a lungo termine di tali misure. L'evidenza scientifica di "misure ortodontiche con apparecchi fissi" è estremamente bassa. Questo è stato il risultato che fa riflettere di un rapporto per l'Istituto tedesco di documentazione e informazione medica (Dimdi) nel 2008.

Nell'aprile 2018, il Controllo federale delle finanze ha avvertito il Bundestag che i vantaggi dell'ortodonzia devono finalmente essere ricercati. Il Ministero della Salute ha quindi commissionato una perizia che avrebbe dovuto raccogliere i risultati finora.

Lacune nella ricerca sui servizi sanitari

L'istituto di ricerca indipendente Iges giunge a una conclusione molto simile alla relazione Dimdi di dieci anni prima: gli studi non hanno consentito di trarre conclusioni sui benefici rilevanti per il paziente in relazione alle misure ortodontiche diagnostiche e terapeutiche. Quindi le parentesi graffe sono in gran parte inutili?

Se così fosse, tuttavia, le compagnie di assicurazione sanitaria legali non sarebbero affatto responsabili. Puoi rimborsare solo i trattamenti necessari per motivi medici. Le prestazioni erogate devono essere "sufficienti, adeguate ed economiche", afferma il codice della previdenza sociale.

Poiché il governo federale aggiunge ogni anno alle casse circa 15 miliardi di euro - dal denaro dei contribuenti - anche il Controllo federale delle finanze è coinvolto nel dibattito sulle parentesi graffe. Vede una lacuna nella ricerca sui servizi sanitari. Mancavano informazioni dettagliate su quali servizi ortodontici venivano forniti alla popolazione e quali misure sarebbero state utili. "Vediamo la necessità di agire", afferma il portavoce Jens Hamer.

Gli ortodontisti reagiscono. Non c'è dubbio che i denti disallineati possano essere corretti con successo, afferma il dott. Bernd Zimmer, Vicepresidente della Società tedesca di ortodonzia. Tra le altre cose, si riferisce ai tanti pazienti in cui gli incisivi superiori sporgono liberamente nell'aria. Grazie al trattamento, il rischio di danneggiare un tale dente è dimostrabilmente ridotto.

Compromissione o difetti?

Anche se i denti non si incontrano correttamente, sono storti, si siedono nel posto sbagliato o non crescono affatto dalla mascella, questo può essere trattato con successo, spiega Zimmer. È inoltre indiscusso che la rimozione di denti disallineati aumenta la qualità della vita.

Ma quando i denti storti interferiscono con il processo di masticazione e quando sono più un difetto? Un miglioramento della qualità della vita o criteri estetici non sono la base per misure mediche finanziate in contanti. Ad esempio, le persone con le orecchie sporgenti di solito non vengono pagate per la chirurgia plastica.

Zimmer non vede il principale punto critico del rapporto Iges - la mancanza di prove di prevenzione contro la carie, la parodontite o la parodontite - come compito dell'ortodonzia. Queste sono principalmente malattie batteriologiche. Gli effetti terapeutici nella correzione dei disallineamenti, invece, non sono stati considerati abbastanza nella relazione.

Barriere etiche

L'Associazione nazionale dei dentisti dell'assicurazione sanitaria legale considera comunque una prova scientificamente impeccabile difficile da ottenere. Tra le altre cose, ciò è dovuto a problemi etici, poiché le persone che sono state trattate devono essere confrontate con quelle che non sono state trattate, scrive il presidente Dr. Wolfgang Eßer. L'Associazione nazionale dei fondi di assicurazione sanitaria statutaria, l'Associazione federale dei fondi di assicurazione sanitaria statutaria, contraddice questo.Nonostante tutte le difficoltà, è inevitabile continuare a ricercare la necessità di trattamenti ortodontici.

Attualmente, le assicurazioni sanitarie pagano principalmente i giovani di età inferiore ai 18 anni per le controverse correzioni della protesi. Nel caso degli adulti, la compagnia di assicurazione sanitaria paga solo i costi per problemi alla mascella molto gravi.

Molti pazienti finanziano anche molti servizi aggiuntivi di tasca propria, come terapie speciali o archi e fili speciali. Secondo il Controllo federale delle finanze, sono consigliati loro dagli ortodontisti come "terapia ottimizzata" e "metodi all'avanguardia". Ma mancano anche prove scientifiche per i presunti vantaggi di questi benefici auto-pagati. Secondo un sondaggio, più di tre quarti delle persone colpite si avvale di tali servizi e spesso vi spendono più di 1.000 euro.

Le critiche portano i pazienti a dover pagare completamente da soli il loro trattamento ortodontico in futuro?

Non per ora. Nessuna delle istituzioni coinvolte chiede attualmente che le prestazioni in denaro siano limitate. "Se i risultati della ricerca sui servizi sanitari sono disponibili, è necessario verificare se il catalogo SHI deve essere modificato e se è necessario aggiungere benefici", afferma Jens Hamer del Controllo federale.

Potrebbe anche risultare che gli assicuratori sanitari coprano più servizi e debbano assumersi i costi. Ma fino ad allora, molte parentesi graffe verranno probabilmente regolate.