Zecche: sanguisughe con un potenziale rischio

Le zecche possono trasmettere la malattia di Lyme o la TBE. Dove si nascondono le sanguisughe e cosa protegge dai morsi di zecca. Una panoramica

Il nostro contenuto è testato dal punto di vista medico e farmaceutico

Tutti i contenuti sul tema delle zecche

  • Prevenire, rilevare e trattare la meningoencefalite (TBE) all'inizio dell'estate
  • Prevenire, rilevare e curare la malattia di Lyme
  • Come proteggersi dalle zecche
  • Rimozione corretta delle zecche, trattamento delle punture
  • Prevenire le punture di zecche con repellenti

Come proteggersi dalle zecche

Quando esci nella natura, i vestiti dovrebbero coprire la pelle il più completamente possibile. Se possibile, infilare le gambe dei pantaloni nelle scarpe.

I vestiti di colore chiaro sono più economici perché puoi vedere meglio le zecche su di loro.

Preferisci i tessuti lisci, poiché i più piccoli hanno più difficoltà a trattenerli.

Ai margini del bosco, nel bosco e sui prati, non camminare con le scarpe aperte e non camminare a piedi nudi.

I repellenti per insetti possono essere applicati alle aree esposte della pelle. Offrono una certa protezione per circa due o tre ore. Chiedete consiglio alla farmacia su quali prodotti sono i migliori per voi. Non usare troppo spesso e non usare sui bambini!

Dopo un'escursione, controlla attentamente la pelle e gli indumenti per verificare la presenza di zecche: rimuovi rapidamente le zecche che hanno già punto.

Un animale domestico che trascorre molto tempo all'aperto dovrebbe essere ispezionato con la stessa attenzione, perché le zecche spesso pendono solo nella pelliccia e possono facilmente diffondersi agli esseri umani. Evitare il contatto con animali selvatici come potenziali portatori di zecche (ricci, contatto con selvaggina nel caso dei cacciatori).

Precedente

1 di 7

Il prossimo

Quanto sono pericolose le zecche?

Una puntura di zecca non è di per sé tragica, se non fosse per il rischio di malattie infettive. In questo paese si tratta principalmente di borreliosi e meningoencefalite di inizio estate (TBE). La borreliosi è causata da batteri (Borrelia) ed è la malattia trasmessa dalle zecche più comune in Europa. La TBE, una forma pericolosa di meningite, è causata da virus.

Importante da sapere: non tutte le zecche trasportano agenti patogeni. Se una zecca infetta morde, non porta necessariamente alla trasmissione. Puoi leggere di più sul rischio di infezione e sulle aree a rischio nella consulenza medica per la malattia di Lyme e la TBE.

I virus TBE possono essere trasmessi entro breve tempo dalla puntura di zecca. La trasmissione di Borrelia richiede solitamente diverse ore. Rimuovere le zecche il prima possibile riduce il rischio di infezione.

Le zecche cadono dagli alberi?

Il comune segno di spunta di legno - Ixodes ricinus, come viene chiamato l'aracnide in linguaggio tecnico - si nasconde fuori nel verde. Ciò significa che il segno di spunta normalmente si siede pigramente su steli o simili e aspetta. Se arriva un ospite adatto, ad esempio un essere umano, un cane o un cervo, la zecca si sveglia, può essere spogliata e si aggrappa all'ospite. Quindi le zecche non si siedono sugli alberi e si lasciano cadere. Si aggirano sull'erba, sulle felci o sulle foglie sciolte nella foresta. Se gli animali sentono l'odore di una potenziale vittima, si attaccano a scarpe, pantaloni o direttamente sulla pelle. La zecca striscia lì intorno finché non trova un'area con una buona circolazione sanguigna, ad esempio lo squat. Quindi la zecca si attacca e succhia il sangue. Quindi i mini vampiri non mordono, pungono.

Quando è la stagione delle zecche?

Le zecche sono attive principalmente durante la stagione calda, da marzo a ottobre. Ma il caldo è relativo, perché gli Ixodes ricinus sono sufficienti solo otto gradi Celsius per essere in grado di riprodursi. Le zecche strisciano attivamente nel sottobosco anche nelle miti giornate invernali. La stagione delle zecche è quindi meno una questione di stagione che di temperatura. Sono stati identificati anche singoli animali ad altezze superiori a 1.300 metri.